La morte di Ivan Il'ič

Voto medio di 2677
| 321 contributi totali di cui 263 recensioni , 57 citazioni , 0 immagini , 0 note , 1 video
Ivan Il'ic ha una vita soddisfacente, una buona carriera, una vita familiare e sociale apparentemente appagante. Nel nuovo appartamento di Pietroburgo, città in cui si è trasferito dopo una promozione, cade da uno sgabello, sistemando una tenda, e ... Continua
Ha scritto il 19/07/17
"Quando si muore, si muore soli..."
  • 1 mi piace
  • Rispondi
Ha scritto il 16/06/17
La fine di una vita
Ivan Il'ic è un giudice istruttore intelligente e perbene, che rispetta le regole, ama mescolarsi con gli ambienti altolocati e ci tiene a vivere “in modo piacevole e decoroso”. Lo conosciamo già cadavere, circondato da colleghi compunti, ..." Continua...
  • 15 mi piace
  • 10 commenti
  • Rispondi
Ha scritto il 01/06/17
La morte di Ivan Il’ič è un racconto che mette in luce la più grande paura dell'essere umano, che non è, molto probabilmente, quella dello stato di morte in sé, ma quella del cammino verso la morte stessa, della coesistenza, nella condizione ..." Continua...
  • 1 mi piace
  • Rispondi
Ha scritto il 17/05/17
E Tre?
E' una rilettura per un gdl
Senza consultarmi mi sono accorta che la penso come la pensavo:
http://www.anobii.com/books/review/5460174ddd97263b568b4641
  • 9 mi piace
  • 2 commenti
  • Rispondi
Ha scritto il 13/05/17
SPOILER ALERT
“Signori!...Ivàn Il’ìč è morto.”, con tale notizia inizia a svolgersi, per il lettore, la ‘vita’ di un personaggio che non ha trascurato nulla fin dalla giovinezza pur di costruirsi quel tipo di ‘esistenza’ che più lo rendesse ..." Continua...
  • 2 mi piace
  • Rispondi

Ha scritto il Jul 14, 2017, 12:56
Gli venne in mente ciò che fino ad allora gli era parsa una totale assurdità, quella di aver vissuto la vita in modo sbagliato. Vide che questa poteva essere la verità. Gli venne in mente che i suoi timidissimi tentativi di ribellione contro ciò ... Continua...
Pag. 88
  • Rispondi
Ha scritto il Feb 15, 2016, 14:43
Le sue sofferenze morali consistevano nel fatto che quella notte, guardando il viso assonnato, bonario, con gli zigomi larghi, di Gerasim, gli era venuto in mente, d'un tratto: ma guarda, forse davvero tutta la mia vita, la mia vita cosciente, è ... Continua...
Pag. 90
  • Rispondi
Ha scritto il Feb 15, 2016, 14:40
E quest'immagine della pietra che precipitava con velocità in costante aumento, gli si era impressa nell'animo. La vita, una serie di sofferenze accelerate, precipita sempre più velocemente verso la fine, verso la più terribile delle sofferenze.
Pag. 88
  • Rispondi
Ha scritto il Feb 15, 2016, 14:39
Non è possibile. Non è possibile che la vita sia stata così insensata, così repellente. E se era proprio così repellente e insensata, allora perché morire e morire soffrendo?
Pag. 85
  • Rispondi
Ha scritto il Feb 15, 2016, 14:38
Ivan Il'ič vedeva che stava morendo, ed era in uno stato di permanente disperazione.In fondo all'anima Ivan Il'ič sapeva che stava morendo, ma non solo non era abituato a una cosa del genere, proprio non la capiva, non riusciva in nessun modo a ... Continua...
Pag. 66
  • Rispondi

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

Ha scritto il Mar 23, 2015, 08:35
Requiem
Autore: Verdi
  • Rispondi

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi