Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

La morte di Ivan Il'ic - ­Tre morti e altri racconti

By Lev Nikolaevič Tolstoj

(293)

| Paperback | 9788845912283

Like La morte di Ivan Il'ic - ­Tre morti e altri racconti ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

18 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    La fanciulla Praskov'ja Fedorovna era di buona stirpe nobile, graziosa; aveva un piccolo patrimonio. Ivan Il'ic avrebbe magari potuto aspirare a un partito più brillante, ma anche questo dopotutto era un buon partito. Ivan Il'ic aveva i suoi assegni; ...(continue)

    La fanciulla Praskov'ja Fedorovna era di buona stirpe nobile, graziosa; aveva un piccolo patrimonio. Ivan Il'ic avrebbe magari potuto aspirare a un partito più brillante, ma anche questo dopotutto era un buon partito. Ivan Il'ic aveva i suoi assegni; lei, sperava, avrebbe portato altrettanto. Buona nascita; donna affettuosa, leggiadra e assolutamente ammodo. Dire che Ivan Il'ic si sposò perchè amava la sua fidanzata e trovava in lei piena rispondenza alla sua maniera di considerar la vita, sarebbe altrettanto inesatto quanto dire che si sposò perchè la gente della sua società approvava l'unione. Ivan Il'ic si sposò per tutte e due le ragioni: faceva cosa grata a se stesso, prendendosi una tal moglie, e nel medesimo tempo faceva quanto era giudicato bene dalla gente altolocata.
    E Ivan Il'ic si sposò.

    Sì, la vita c'era, ed ecco che adesso se ne va, se ne va e non posso tattenerla. Sì, perchè illudersi? Forsechè non appare evidente a tutti, fuori che a me stesso, che io sto morendo e che ormai si tratta solo di sapere quante settimane, quanti giorni durerò ancora? E forse è per subito. C'era la luce, ed ora c'è la tenebra. Ero qui, ed ora son là! Là dove? Un gelo lo prese, gli si mozzò il respiro. Non udiva che i battiti del suo cuore. Io non ci sarò più, e che ne sarà allora? Niente ci sarà. E dove sarò io quando non ci sarò più? La morte dunque? No, non voglio. Balzò su, voleva accender la candela, la cercò a tentoni con mani tremanti, sicchè fece cadere a terra candela e candeliere, e di nuovo si rovesciò indietro sul cuscino. "Perchè? Ma poco importa perchè" si disse guardando con gli occhi spalancati nel buio. "E' la morte, sì, la morte. E loro non sanno nulla e non vogliono sapere, e non hanno compassione. Loro si divertono. (S'udivano da lontano, d'oltre due porte chiuse, stese di voci e ritornelli). A loro non glie ne importa nulla, ma moriranno anche loro. Banda d'idioti! Io prima, ma dopo loro: anche a loro la stessa cosa. E loro si divertono. Bestie!" La rabbia lo soffocava. E sentì una pena straziante, intollerabile. Non è possibile che tutti siano per sempre condannati a questo orrore. Si levò.

    Is this helpful?

    Paolo Nova said on Feb 10, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    lo riprendo ... lo riprendo... adesso non ce la faccio!

    Is this helpful?

    Cerrotorre said on Nov 5, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    La morte di Ivan Il'ic

    Stupendo racconto in una stupenda traduzione.

    Is this helpful?

    BilAndr said on May 21, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    "Di doversi poi anche inchinare non era ben sicuro, epperò scelse una via di mezzo: entrando nella stanza cominciò a segnarsi e a inchinarsi appena un poco, vagamente".

    Che racconto sarebbe stato senza quell'insopportabile finale da catechismo..

    Is this helpful?

    Bardamu said on Apr 19, 2013 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (293)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
  • Paperback 188 Pages
  • ISBN-10: 8845912280
  • ISBN-13: 9788845912283
  • Publisher: Adelphi (Piccola biblioteca Adelphi, 376)
  • Publish date: 1996-xx-xx
Improve_data of this book