Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La morte non dimentica

Di

Editore: Piemme

4.1
(1380)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 457 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Giapponese , Chi tradizionale , Tedesco , Spagnolo , Francese , Olandese , Svedese , Indonesiano , Portoghese , Greco

Isbn-10: 8838470561 | Isbn-13: 9788838470561 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: F. Stignani

Disponibile anche come: Copertina rigida , Paperback , Tascabile economico

Genere: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace La morte non dimentica?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Un giorno come tanti la violenza irrompe nella vita di Dave Boyle, undicianni, devastandola. Ore e ore di torture e sevizie per mano di due spietatirapinatori, poi la fuga. Venticinque anni più tardi, Dave Boyle è ancoraostaggio di quell'incubo: è il maggiore indiziato in un caso di omicidio. Lavittima è Katie Marcus, figlia amatissima di Jimmy, amico d'infanzia di Dave edi Sean Devine, l'agente incaricato delle indagini. Per i tre ex amici Sean,Jimmy e Dave è giunto il momento di fare i conti col passato, e conl'agghiacciante episodio che ha sfregiato per sempre le loro anime. Soloscavando indietro nel tempo Sean riuscirà a scoprire la sconvolgente veritàsulla morte di Katie.
Ordina per
  • 4

    CAPOLAVORO DI LEHANE

    E'difficile scrivere una recensione per questo gran bel romanzo, credo che il modo migliore per apprezzarne la "grandezza" sia leggerlo, assolutamente.
    Oltre ad essere una storia appassionante, Lehane ci fa entrare in una dimensione che sembra lontana ma che in realtà è più vicina di quanto ...continua

    E'difficile scrivere una recensione per questo gran bel romanzo, credo che il modo migliore per apprezzarne la "grandezza" sia leggerlo, assolutamente.
    Oltre ad essere una storia appassionante, Lehane ci fa entrare in una dimensione che sembra lontana ma che in realtà è più vicina di quanto si creda. La mente umana, a volte, specie de aggravata da spiacevoli episodi passati, è capace di cose incredibili...

    ha scritto il 

  • 4

    grande Lehane

    Lehane sa veramente scrivere. sa intrecciare, distogliere e poi illuminare le vie intricate delle menti perverse e deviate che non sono più solo invenzione.

    ha scritto il 

  • 3

    Si può dare di più

    Giallo-noir abbastanza veloce, intrigante poco, peccato che la soluzione giunga presto, c'era del materiale per fare di meglio, comunque mi ha ben intrattenuto

    7--/10

    ha scritto il 

  • 4

    Ho letto questo libro qualche anno dopo aver visto l'ononimo film.
    Il film mi piacque ma non lo ricordavo con estrema precisione.
    Diciamo pure che avevo ancora ben chiari i personaggi (Sean Penn è uno dei miei attori preferiti), ben delineati anche nel libro e alcuni dialoghi, che mer ...continua

    Ho letto questo libro qualche anno dopo aver visto l'ononimo film.
    Il film mi piacque ma non lo ricordavo con estrema precisione.
    Diciamo pure che avevo ancora ben chiari i personaggi (Sean Penn è uno dei miei attori preferiti), ben delineati anche nel libro e alcuni dialoghi, che meriterebbero di essere trascritti, null’altro.

    Un libro veramente soddisfacente.
    Crudo, freddo, reale e nero come solo a volte l'essere umano sa essere.

    Mi unisco ai tanti commenti positivi letti qui su anobii e on line.

    ha scritto il 

  • 0

    Boston, 1975. East Buckingham è un quartiere in cui tutti conoscono tutti. Nessuno dei suoi abitanti se n'è mai andato, se non quei ragazzi che la guerra ha strappato dalle proprie case per non restituirli più. Crescere in una periferia come questa non è certo il modo migliore per dare alla propr ...continua

    Boston, 1975. East Buckingham è un quartiere in cui tutti conoscono tutti. Nessuno dei suoi abitanti se n'è mai andato, se non quei ragazzi che la guerra ha strappato dalle proprie case per non restituirli più. Crescere in una periferia come questa non è certo il modo migliore per dare alla propria vita grandi prospettive. Ma è qui che Sean, Jimmy e Dave sono nati, e la loro esistenza sarebbe stata uguale a quella di tanti altri se non fosse arrivata quella dannata mattina. La mattina in cui Dave, con i suoi occhi spenti pieni di lacrime è salito sul sedile posteriore di quella macchina. Ed è scomparso per quattro, terribili giorni. Venticinque anni dopo, la violenza torna a segnare la vita di Dave. Questa volta però gli sguardi che si posano su di lui non sono compassionevoli, ma carichi d'odio e disprezzo. Reazione più che naturale di fronte all'omicidio di una ragazza di diciannove anni di cui Dave è accusato. E, quasi che il destino volesse rinsaldare un tragico legame, la vittima è la figlia di Jimmy, mentre Sean, diventato poliziotto, è incaricato delle indagini.

    ha scritto il 

  • 4

    Boston, 1975. East Buckingham è un quartiere in cui tutti conoscono tutti. Nessuno dei suoi abitanti se n'è mai andato, se non quei ragazzi che la guerra ha strappato dalle proprie case per non restituirli più. Crescere in una periferia come questa non è certo il modo migliore per dare alla propr ...continua

    Boston, 1975. East Buckingham è un quartiere in cui tutti conoscono tutti. Nessuno dei suoi abitanti se n'è mai andato, se non quei ragazzi che la guerra ha strappato dalle proprie case per non restituirli più. Crescere in una periferia come questa non è certo il modo migliore per dare alla propria vita grandi prospettive. Ma è qui che Sean, Jimmy e Dave sono nati, e la loro esistenza sarebbe stata uguale a quella di tanti altri se non fosse arrivata quella dannata mattina. La mattina in cui Dave, con i suoi occhi spenti pieni di lacrime è salito sul sedile posteriore di quella macchina. Ed è scomparso per quattro, terribili giorni. Venticinque anni dopo, la violenza torna a segnare la vita di Dave. Questa volta però gli sguardi che si posano su di lui non sono compassionevoli, ma carichi d'odio e disprezzo. Reazione più che naturale di fronte all'omicidio di una ragazza di diciannove anni di cui Dave è accusato. E, quasi che il destino volesse rinsaldare un tragico legame, la vittima è la figlia di Jimmy, mentre Sean, diventato poliziotto, è incaricato delle indagini.

    ha scritto il 

  • 5

    Lo scorso anno avevo letto il primo libro di Lehane, "Un drink prima di uccidere", e non mi era piaciuto per niente.
    Ho deciso di dargli una seconda possibilità, ho saltato i vari libri che costituivano il seguito di quel libro, e sono arrivata a questo.
    Bellissimo!
    Adoro non sc ...continua

    Lo scorso anno avevo letto il primo libro di Lehane, "Un drink prima di uccidere", e non mi era piaciuto per niente.
    Ho deciso di dargli una seconda possibilità, ho saltato i vari libri che costituivano il seguito di quel libro, e sono arrivata a questo.
    Bellissimo!
    Adoro non scoprire il colpevole nelle prime venti pagine come di solito accade.

    ha scritto il 

  • 4

    troppa vita di tutti i giorni

    dunque, diciamo subito che fino a 4/5 avevo intenzione di dare 3 stelle, poi un buon finale mi ha obbligato ad aggiungerne una.
    La trama mi è piaciuta, così come mi è piaciuto viene condotta l'indagine dell'omicidio, soprattutto c'è una logica investigativa cosa che molto spesso non avviene ...continua

    dunque, diciamo subito che fino a 4/5 avevo intenzione di dare 3 stelle, poi un buon finale mi ha obbligato ad aggiungerne una.
    La trama mi è piaciuta, così come mi è piaciuto viene condotta l'indagine dell'omicidio, soprattutto c'è una logica investigativa cosa che molto spesso non avviene perchè l'investigatore sembra colpito dalla Spirito Divino per fare la cosa giusta al momento giusto !
    Quello che personalmente (penso sia soggettivo) mi stancava mentre leggevo, è la gran parte di colloqui e descrizioni di situazioni "senza senso", ovvero fuori dalla trama. Non mi può mettere pagine su pagine di colloqui alla "come va?" "bene", "cos'hai fatto ieri sera" "niente di particolare" ecc ecc, un po' ci sta, ma non così.

    Anche in questo caso comunque leggerò qualcos'altro di Lehane, vediam un po' come la va.

    ha scritto il 

Ordina per