La mosca della rivoluzione

Di

Editore: Feltrinelli

3.6
(45)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: | Formato: Altri

Isbn-10: 8807720329 | Isbn-13: 9788807720321 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1ª ed.

Genere: Non-narrativa

Ti piace La mosca della rivoluzione?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Lo sguardo acuto del creatore del grande investigatore privato Pepe Carvalho questa volta punta la sua lente d'ingrandimento su Mosca. Vàzquez Montalbàn percorre ogni angolo di quella che fu la capitale non solo di uno stato, ma anche di un'ideologia, partendo dagli edifici e dalle vie, per tracciare, in una prospettiva insolita in quanto "guidistica", il grande affresco di settantanni di storia, dalla presa del Cremlino alla perestrojka.Vediamo stratificarsi una sull'altra diverse città: la vecchia Mosca zarista travolta dalla rivoluzione, i sogni e le utopie architettoniche e urbanistiche delle avanguardie nei primi anni del nuovo regime, la monumentalizzazione del periodo staliniano, il grigiore degli ultimi anni.
Ordina per
  • 4

    Monumentale come il suo soggetto

    E' un libro che avrei anche potuto classificare sotto la categoria Fantascienza, poichè parla di un mondo alieno, altro, che ormai nemmeno esiste più. E' però anche il senso di un grandissimo interess ...continua

    E' un libro che avrei anche potuto classificare sotto la categoria Fantascienza, poichè parla di un mondo alieno, altro, che ormai nemmeno esiste più. E' però anche il senso di un grandissimo interesse ed amore, di nostalgia per un ideale mancato, di testimoniare.
    E' forse anche stato un libro poco amato, forse dal ridotto impatto commerciale: risulta così disorganico, poco strutturato, ad esempio nell'ultima parte relativa a Mercader, assassino di Trotsky ma di interesse specifico soprattutto per un pubblico spagnolo (o catalano?).
    Non può essere leto dall'inizio alla fine, ma va letto a pezzi, quando capita, o provando a farne una guida alla città (impresa impossibile a tutti...).

    ha scritto il 

  • 3

    Un po' guida, un po' libro di storia

    Libro originale che miscela urbanistica, storia ed arte. Il volume è idealmente suddiviso in due parti.

    Nella prima troviamo una descrizione storica dei palazzi, delle vie e delle piazze di Mosca int ...continua

    Libro originale che miscela urbanistica, storia ed arte. Il volume è idealmente suddiviso in due parti.

    Nella prima troviamo una descrizione storica dei palazzi, delle vie e delle piazze di Mosca intrecciando l'evoluzione urbanistica e architettonica con gli avvenimenti del periodo sovietico.

    Nella seconda parte invece l'autore fa una lunga digressione su tutte arti visive sovietiche e sulla letteratura, terminando descrivendo in maniera dettagliata l'omicidio e l'assassino di Trotsky (peraltro forse la parte più interessante del libro). Nel finale narra del difficile processo, o almeno del tentativo di destalinizzare, da parte dei successori del Magnifico Georgiano, lo stato sovietico.

    Le intenzioni sono buone ma il titolo mi ha un po' tratto in inganno pensavo che il libro riguardasse più gli avvenimenti e la società nel 1917 a Mosca, invece, in maniera originale, Montalbàn tratta a modo suo l'intreccio urbanistico, artistico e storico della stato sovietico.

    Infine devo notare che pur essendo la narrazione dei luoghi accurata e dettagliata, una cartina della città sarebbe forse stata opportuna.

    ha scritto il 

  • 0

    una mia amica sta guardando per un
    viaggio in cina e in aereo c'è scalo

    a mosca
    io le ho detto che verrei per lo scalo

    il viaggio solo il viaggio dice 2000 euro
    poi altri 1000-1500 per due settimane ...continua

    una mia amica sta guardando per un
    viaggio in cina e in aereo c'è scalo

    a mosca
    io le ho detto che verrei per lo scalo

    il viaggio solo il viaggio dice 2000 euro
    poi altri 1000-1500 per due settimane

    ma guarda, le ho detto, 3500 euro per una
    cosa che cataloghi sotto la voce

    prelibità voluttà
    sei mesi di stipendio in aereo e a visitare

    mercatini e città
    - non è proprio così, dice

    è vero, ho detto io, non è proprio così
    comunque fammi guardare gli orari della sala borsa

    di dicembre

    ha scritto il 

  • 5

    Del 1995.
    Molto bel libro sulla rivoluzione in URSS, scritto da uno che ci credeva e di molta cultura.
    E anche una bella guida di Mosca.
    Forse con una piantina era più bello ancora. ...continua

    Del 1995.
    Molto bel libro sulla rivoluzione in URSS, scritto da uno che ci credeva e di molta cultura.
    E anche una bella guida di Mosca.
    Forse con una piantina era più bello ancora.

    ha scritto il 

  • 4

    Interessante punto di vista della rivoluzione d'ottobre: sia come spunto narrativo, perché parte dai luoghi, dalle strade, dai dipinti e dalle poesie che hanno caratterizzato quel periodo e sia come a ...continua

    Interessante punto di vista della rivoluzione d'ottobre: sia come spunto narrativo, perché parte dai luoghi, dalle strade, dai dipinti e dalle poesie che hanno caratterizzato quel periodo e sia come analisi della rivoluzione (naturalmente molto personale, ma montalban parla sempre in prima persona e sempre citando le sue letture).
    Troppo erudito per i miei gusti (e quindi a volte noioso).

    ha scritto il 

  • 2

    Moscu de la Revolucion ( 1990 )

    Heirs of Manuel Vasquez Montalban, 1990. Feltrinelli, prima edizione 1995. Prima edizione UE-Traveller, aprile 2008. Traduzione dallo spagnolo di Hado Lyria.

    ha scritto il 

  • 3

    Dopo 30 pagine...

    Questo libro mi ha insegnato che adorare un autore non è un motivo valido per comprare un suo libro senza dare neanche uno sguardo alla quarta di copertina.

    ha scritto il 

  • 4

    E pensare

    che l'avevo preso per un romanzo, in cui la "mosca" era il fastidioso insetto e la "rivoluzione" un qualche golpe sudamericano...

    Capita che in preda a crisi compulsive faccia acquisti del genere.
    E po ...continua

    che l'avevo preso per un romanzo, in cui la "mosca" era il fastidioso insetto e la "rivoluzione" un qualche golpe sudamericano...

    Capita che in preda a crisi compulsive faccia acquisti del genere.
    E poi capita che mi ritrovi in mano un saggio che legge toponomastica e topografia di Mosca alla luce degli eventi rivoluzionari.
    Utile anche per un non convenzionale ripasso degli eventi storici e letterari.

    ha scritto il