Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La mossa del cavallo

Di

Editore: Rizzoli (La Scala - Italiani)

3.9
(2172)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 247 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Tedesco , Francese , Spagnolo , Giapponese

Isbn-10: 8817860832 | Isbn-13: 9788817860833 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Altri , Paperback , eBook

Genere: Fiction & Literature , History , Mystery & Thrillers

Ti piace La mossa del cavallo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
"Questa vicenda prende lo spunto da una nota di Raimondo Franchetti per lasua inchiesta controgovernativa sulle condizioni socio-economiche dellaSicilia nel 1876. L'elaborazione romanzesca accentua alcuni dati che rendonoappunto la storia di allora storia dei nostri giorni. La trama del libro èlargamente definibile gialla e dal sapore paradossale, consideratal'ambientazione in una società nella quale il gioco di prestigio di unarealtà di continuo manipolata rende difficile l'accertamento delle veritàindividuali e collettive". (A.C.)
Ordina per
  • 4

    Una chicca di Camilleri, piacevolissima

    Camilleri al suo meglio anche senza Montalbano. Un romanzo breve, divertente, scritto in italiano, siciliano e genovese. Un intreccio perfetto.

    ha scritto il 

  • 5

    La storia che ci racconta Camilleri in questo libro è ambientata a Montelusa nel 1977.

    Nella piccola cittadina siciliana è appena giunto il ragionier Bovara, nuovo ispettore della Finanza incaricato d ...continua

    La storia che ci racconta Camilleri in questo libro è ambientata a Montelusa nel 1977.

    Nella piccola cittadina siciliana è appena giunto il ragionier Bovara, nuovo ispettore della Finanza incaricato del controllo dei mulini della zona. Bovara è di origini siciliane, ma abita ormai da molti anni a Genova, quindi il ritorno nella terra natia risulta alquanto difficile.

    Quando il ragioniere si rende degli imbrogli posti in essere da tempo per eludere il pagamento della tassa sul macinato grazie anche all’intervento di alcuni mafiosi locali, questi ultimi fanno in modo che la colpa dell’omicidio del parroco molto libertino, ricada su di lui. Proprio lui che aveva denunciato il fatto alle autorità!

    Per uscire sano e salvo da questa questa situazione, il ragioniere Bovara dovrà giocare d’astuzia, proprio come fosse una partita a scacchi….

    Assolutamente geniale! C’è poco da commentare.

    ha scritto il 

  • 0

    Incipit

    “Dominivobisco.”
    “Etticummi spiri totò” risposero una decina di voci sperse nello scuro profondo della chiesa, rado rado punteggiato da qualche lumino e da cannìle di grasso fetente.

    http://www.incipi ...continua

    “Dominivobisco.”
    “Etticummi spiri totò” risposero una decina di voci sperse nello scuro profondo della chiesa, rado rado punteggiato da qualche lumino e da cannìle di grasso fetente.

    http://www.incipitmania.com/incipit-per-titolo/m/la-mossa-del-cavallo-andrea-camilleri/

    ha scritto il 

  • 0

    Il "bene" ed il "male" contrapposti.
    Il primo per essere deve abbandonare l'inflessibilità, il secondo veste i panni dell'arguzia e della squisita cortesia.
    La Sicilia il terreno ideale dell'incontro, ...continua

    Il "bene" ed il "male" contrapposti.
    Il primo per essere deve abbandonare l'inflessibilità, il secondo veste i panni dell'arguzia e della squisita cortesia.
    La Sicilia il terreno ideale dell'incontro, per la sua eccezionalità sia in positivo che in negativo.
    Come accade nelle opere che sanno ben sviscerare le umane quistioni, poco importa conseguire una vittoria, nulla conta la comune "morale".
    Ci sono uomini, galantuomini e quaquaraquà.
    E la via per la realizzazione lunga, tortuosa, fatta di attese e sterzate geniali, in cui fondamentale è il recupero delle proprie origini.
    Le rivoluzioni servono a poco, sembra dire l'autore, la narrazione pare dimostrarlo.
    Contano i cambiamenti. E quelli definitivi si perseguono tenendo aperti gli occhi e non avendo fretta.

    ha scritto il 

  • 4

    Da testimone a imputato.

    Come se la cava Camilleri senza Montalbano? Bene a quanto pare. L’arte del saper raccontare e del creare situazioni tutt’altro che inverosimili, fanno di lui un genio. Anche qui gioca in casa, intrec ...continua

    Come se la cava Camilleri senza Montalbano? Bene a quanto pare. L’arte del saper raccontare e del creare situazioni tutt’altro che inverosimili, fanno di lui un genio. Anche qui gioca in casa, intrecciando sicilianità, mafia, omertà, depistaggi. Siamo nel 1877 e anziché le mail si usano lettere scritte a mano in quadruplice copia – presumo con la carta carbone-. Degni di nota sono i baratti che il parrino pratica con la buona Trisìna. Rigorosamente in natura. E all’elogio dell’odore di coniglio selvatico che proviene dall’alcova di Catarina, la giovane domestica. Insomma, tutto all’insegna del Rapporto Kinsey.

    ha scritto il 

  • 5

    Il protagonista di questo libro è Giovanni Bovara, un ragioniere nato a Vigata ma che sin da bambino si è trasferito a Genova, assimilando di quella città i comportamenti, la cultura e il dialetto. Si ...continua

    Il protagonista di questo libro è Giovanni Bovara, un ragioniere nato a Vigata ma che sin da bambino si è trasferito a Genova, assimilando di quella città i comportamenti, la cultura e il dialetto. Siamo nei mesi di settembre ed ottobre del 1877, quando il Direttore generale delle Finanze lo invia in Sicilia per investigare sulla morte sospetta di due ispettori e su alcuni fenomeni di corruzione legati all'applicazione della “tassa sul pane”. Ed egli sembra prendere a cuore il proprio incarico, indagando con scrupolo e sottraendosi il più possibile all'imperante mentalità omertosa. Fino a quando viene accusato ingiustamente dell'omicidio di un prete, don Artemio Carnazza, del quale raccoglie le ultime, decisive e indecifrabili rivelazioni sull'identità dell'assassino. Ma di questo egli si renderà conto solo allorché riuscirà, in un momento di catarsi lessicale, a riappropriarsi delle reminiscenze dialettali della propria infanzia. Scritto con il solito stile accattivante che seduce il lettore, è la rappresentazione, sotto le spoglie del giallo, del perenne malcostume e della diffusa corruttela in un ambiente che appare immutato e immutabile nel tempo.

    ha scritto il 

  • 3

    Forse ormai da Camilleri ci si aspetta molto, quindi il giudizio è più critico considerando quello a cui ci ha abituati l'autore.
    Al di là di questo non ho apprezzato il linguaggio. Accanto al solito ...continua

    Forse ormai da Camilleri ci si aspetta molto, quindi il giudizio è più critico considerando quello a cui ci ha abituati l'autore.
    Al di là di questo non ho apprezzato il linguaggio. Accanto al solito siciliano, caratteristica peculiare di Camilleri, anche piacevole, c'è il genovese. E le parti in genovese non sono giustificate ad es. dai dialoghi del protagonista (genovese). Questo lo ha reso slegato, poco fluido con il resto del testo.
    Per il resto è impossibile non leggerlo.

    ha scritto il 

  • 4

    Di questo romanzo ricordavo le parti in genovese incomprensibili e in questi anni l’ho guardato di traverso come Montalbano guarda una pila di carte da firmare…poi, un giorno, la svolta e la scoperta ...continua

    Di questo romanzo ricordavo le parti in genovese incomprensibili e in questi anni l’ho guardato di traverso come Montalbano guarda una pila di carte da firmare…poi, un giorno, la svolta e la scoperta di un libro piacevole su una Vigata di fine ‘800 dove uno del Nord è venuto a dettare regole e pretendere rispetto delle stesse…utilizzando stratagemmi siciliani!!! 9

    ha scritto il 

  • 4

    A parte i brani (brevi, fortunatamente) in genovese, incomprensibili o quasi, ecco un altro piacevolissimo parto di Camilleri che "castigat, ridendo, mores" e si inventa un'ennesima vicenda che è, nei ...continua

    A parte i brani (brevi, fortunatamente) in genovese, incomprensibili o quasi, ecco un altro piacevolissimo parto di Camilleri che "castigat, ridendo, mores" e si inventa un'ennesima vicenda che è, nei meccanismi sociali e culturali che la permeano e nei personaggi che la animano, un ritratto triste e veritiero di quel certo brutto mondo che in Sicilia, ma non solo, nell'Italia tutta, purtroppo, ancora esiste.

    ha scritto il 

Ordina per