La narice del coniglio

Voto medio di 316
| 77 contributi totali di cui 71 recensioni , 6 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
"Fu come usare una mossa segreta, tirar fuori un'abilità nascosta, un atout, la carta che il giocatore tiene all'ultimo e poi butta, con fierezza, sul tavolo vincendo tutte le puntate. Sornione, lui sa e gli altri no, lui pregusta quella mossa, il mo
Ha scritto il 24/07/15
Una sola parola. No.
Ha scritto il 26/05/14
così così
ma, simpatica, poteva dare di più....però un po' invidiamo tutti la sua scelta davanti al promesso futuro marito, padre, amico, .... chissà chissà
Ha scritto il 22/11/13
Un libro di una leggerezza disarmante che parla di una donna che non definirei affatto "vinta", come ho letto in altre recensioni, ma "vincente". Perché è molto più coraggioso scegliere di fare "la narice del coniglio" in pubblico, rischiando la facc ...Continua
  • 1 mi piace
Ha scritto il 28/09/13
Di vinto ne basta uno
Io vorrei che qualcuno insegnasse alla Mastrocola che non c’è niente di male nell’avere ambizioni; che si può essere brave persone anche inseguendo un miraggio d’eccellenza e che è ora di finirla con lo stucchevole buonismo per il quale chiunque deci ...Continua
  • 2 mi piace
Ha scritto il 21/04/13
Una favola leggera e graziosa... anche se secondo me non ha la dignità per essere pubblicata in volume e costare 10 euro... Sante biblioteche!

Ha scritto il Dec 19, 2009, 20:11
Di lì a poco verrà notte, e il buio coprirà tutto, vanificherà qualsiasi cosa, giusta o sbagliata non importa, anche i gesti che uno non dovrebbe fare e invece fa, chissà perchè, in un momento senza pensarci, senza essere dentro a quel che sta facend ...Continua
Pag. 69
Ha scritto il Dec 19, 2009, 16:55
Se ci soffermiamo a guardare, infatti, notiamo come tutto - il profilo di una casa, il lato della tovaglia che batte sulla gamba del tavolo, il mancorrente della scala a chiocciola, il filo della luce - tutto è una moltitudine di linee. Linee che si ...Continua
Pag. 54
Ha scritto il Dec 19, 2009, 16:53
Lei era una ragazza di città, le piacevano i tram che le sferragliavano sotto casa, i negozi, le luci dei lampioni, l'andirivieni della gente frettolosa per le strade, i clacson, le pozzanghere, l'odore di smog. Odiava la campagna e tutto quel verde. ...Continua
Pag. 38
Ha scritto il Dec 19, 2009, 16:51
... guardava fuori dal finestrino sfrecciare i pali della luce alternati agli alberi. Alberi e pali, e noi veloci come razzi. Così è la vita, lei lo sapeva. E lasciava fare. Che le passasse pure davanti la sua collega rossa. Scalpitava, si vedeva che ...Continua
Pag. 33
Ha scritto il Dec 19, 2009, 16:49
Non sempre abbiamo la lucidità di fare la cosa giusta con le persone giuste, e così ci capita a volte di fare la cosa giusta con le persone sbagliate, o la cosa sbagliata con le persone giuste. Ci confondiamo. E causiamo sconquassi nell'universo circ ...Continua
Pag. 25

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi