La nobile arte del bluff

Voto medio di 13
| 5 contributi totali di cui 5 recensioni , 0 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Colson Whitehead gioca a carte da sempre. Piccole poste tra amici, perlopiù scrittori con cui vince facilmente grazie alla sua "faccia da poker". Quando "Grantland", una rivista sportiva, si offre di pagargli l'iscrizione alle World Series di Texas H ...Continua
Mau
Ha scritto il 28/09/17
Whitehead narrando se stesso narra il mondo dei tornei di poker in America cercando anche di descrivere la varia umanità dei giocatori. Il percorso parte dal primo importante torneo nel 1970 per concludersi con il torneo "Main Event alle World Series...Continua
Lukish
Ha scritto il 28/12/16
Le World series of poker sono un (bellissimo) pretesto che Whitehead per raccontare il "suo" poker, che si amalgama perfettamente alle sua vita. Uno stile fluido e tagliente di una delle penne migliori di Grantland (rest in peace forever) rendono la...Continua
flound
Ha scritto il 07/12/16
in questi mesi di libri scomparsi che riappaiono e di libri ritrovati che si dimenticano in giro, in un giorno di novembre mi è apparso questo. lo ha scritto tale colson testabianca, di professione scrittore, e, nonostante fossi stato messo in guardi...Continua
lorinbocol
Ha scritto il 28/10/16
«se non individui il pollo nella prima mezz'ora, allora il pollo sei tu»
prendi un intellettuale newyorkese con la usuale ironia in dotazione, e buttalo nel mezzo di un addestramento tra casinò e gioco d'azzardo. ne esce questa originale opera dalle parti del reportage, che mi ha accompagnato trasversalmente per circa un...Continua

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una citazione!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi