La nostra guerra

Voto medio di 360
| 83 contributi totali di cui 74 recensioni , 9 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Nel 1942 l'Italia fascista, fino a quel momento neutrale, si schiera con gli Alleati nel conflitto contro il Terzo Reich. In questo scenario storico, vertiginoso ma raccontato con impressionante realismo, il dodicenne Lorenzo Pellegrini passa dalla ...Continua
Ha scritto il 03/05/17
Ho letto recensioni che accusano l'autore di essere fascista. Io credo che sia un'analisi poco oggettiva del romanzo. L'ho letto e l'ho apprezzato in quanto romanzo "di fantasia". Vero che lo sfondo è la storia, seppur modificata, dell'Europa nel ...Continua
Ha scritto il 02/11/15
'non prendertela, ognuno è al mondo per un motivo preciso e i genitori sono qui per non capire i figli.'è il prequel de 'l'inattesa piega degli eventi' e dunque il primo capitolo della trilogia fantastorica di brizzi nel quale l'italia ha vinto la ...Continua
Ha scritto il 09/09/15
La nostra guerra è un romanzo di Enrico Brizzi, prequel de “L’inattesa piega degli eventi” pubblicato da Baldini Castoldi Dalai nel 2009.Siamo nel 1942 e l’Italia si è dichiarata neutrale all’avanzata nazista in Europa. La Francia ha un ...Continua
  • 1 commento
Ha scritto il 11/09/13
brizzi cerca da dare un prequel a quel gioiello che era stato "l'inattesa piega degli eventi", ma in realtà scrive qualcosa di diverso: c'è il romanzo di formazione, con il giovane lorenzo pellegrini che è costretto dagli eventi e dalla famiglia ...Continua
  • 4 mi piace
Ha scritto il 02/09/12
Che Bravo Brizzi, la nostra guerra è un altro piccolo grande capolavoro di semplicità e stile.
  • 1 mi piace

Ha scritto il Aug 25, 2015, 06:48
Dopo tutto quello che ci era piovuto sulla testa, mi sembrava di aver finalmente intuito la direzione nella quale marciare, il ritmo da tenere e gli esempi da non imitare.
Pag. 637
Ha scritto il Aug 25, 2015, 06:33
"Maledetta è solo l'ignoranza, che lievita e non scusa"[...]
Pag. 316
Ha scritto il Aug 25, 2015, 06:29
"Nella vita può succedere di tutto, ma ci sono due cose che nessuno ti potrà mai strappare", disse Irene. "Ciò che sei, e ciò che sai. Sono come due piante, e finché le coltivi con amore resti libero".
Pag. 97
Ha scritto il May 27, 2011, 06:50
L'Italia di Mussolini entra nella fase cruciale di questo conflitto titanico che il popolo, il popolo sincero fatto di contadini, di operai, ha voluto chiamare la Nostra guerra.
Pag. 577
Ha scritto il May 25, 2011, 06:15
Non ero più un balilla. Avevo visto coi miei occhi un braccio appeso fra le rovine di piazza della Mercanzia, e un uomo massacrato nelle badlands a colpi di vanga e piccone. Avevo sperimentato l'ebbrezza di una rivoluzione in provincia insieme a ...Continua
Pag. 473

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi