Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La notte dei vampiri

Di

Editore: Newton & Compton (Nuova Narrativa Newton, 48)

3.3
(833)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 269 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8854104299 | Isbn-13: 9788854104297 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Alessandro Pilo

Disponibile anche come: Altri

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy

Ti piace La notte dei vampiri?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Durante una vacanza a Bordeaux, in Francia, Carol, una giovane donna americanacon alle spalle un matrimonio fallito, viene prima "abbordata" e poi rapita daun sedicente vampiro, André, che la tiene prigioniera (semi-consenziente) perdue settimane nel suo castello, dove dimora con altri tre esseri della suastessa specie. In questo lasso di tempo il vampiro fa di Carol la sua schiava,esercitando sadicamente su di lei ogni genere di abuso e perversione sessuale.Scaduto il termine del patto, secondo il quale dopo 14 giorni la ragazzasarebbe tornata libera, André mantiene la parola e Carol può tornare aPhiladelphia, a casa sua. Ma la ragazza prosegue il suo viaggio per il mondo ein Spagna, tre settimane più tardi, si accorge di essere incinta.
Ordina per
  • 3

    SCAMBIATO

    Molto crudo e violento questo racconto mi è sembrato molto psicotico, i personaggi hanno come una doppia personalità e la stupidità della protagonista non ha limiti. Una lettura fortunamente ...continua

    Molto crudo e violento questo racconto mi è sembrato molto psicotico, i personaggi hanno come una doppia personalità e la stupidità della protagonista non ha limiti. Una lettura fortunamente veloce, con un lieto fine che non mi aspettavo più di trovare. Decisamente un libro che segna.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    1

    Un'inutile strage di alberi

    Lo ammetto: volevo dare una seconda possibilità ai vampiri dopo la saga di Twilight, così mi sono rivolta a Nancy Kilpatrick, che a) mi dissero essere brava b) aveva scritto sui vampiri prima del ...continua

    Lo ammetto: volevo dare una seconda possibilità ai vampiri dopo la saga di Twilight, così mi sono rivolta a Nancy Kilpatrick, che a) mi dissero essere brava b) aveva scritto sui vampiri prima del boom Preso in prestito questo libro, ho iniziato a leggerlo senza pregiudizi. Il primo capitolo non mi sembrava male... peccato che dal secondo la discesa negli inferi sia rapida. In breve: un libro con una trama a dir poco orripilante, popolato da personaggi allucinanti e scritto anche in maniera piuttosto scadente. Se dovessi scegliere il peggiore della cricca avrei l'imbarazzo della scelta... se non ci fosse la pseudomadre del protagonista. Perché tra la protagonista priva di un qualsiasi buon senso e quel bruto che è il protagonista, spicca questa creatura di sesso femminile che puntualmente GIUSTIFICA la violenza con cui costui tratta la protagonista! E non parlo di violenza psicologica o di un'occasione in particolare: quando compare il protagonista di questo libro per la metà del tempo è impegnato a colpirla con oggetti e ad avere con la protagonista rapporti sessuali quantomeno rudi (quando non si tratta di vera e propria violenza sessuale). Insomma, un libro davvero orrido che, se non è il peggiore che io abbia mai letto, è nella top 3.

    ha scritto il 

  • 4

    I vampiri crudeli non si guardano indietro

    Ultimamente, il livello eccessivamente zuccheroso di certi romanzi dedicati ai vampiri mi aveva fatto venire un po’ di nausea. Per fortuna ho scoperto questa serie dove (quale audacia!) l’autrice ...continua

    Ultimamente, il livello eccessivamente zuccheroso di certi romanzi dedicati ai vampiri mi aveva fatto venire un po’ di nausea. Per fortuna ho scoperto questa serie dove (quale audacia!) l’autrice non ha paura di tratteggiare un protagonista vampiro che uccide nel quotidiano e senza rimorsi, che non ha paura di mostrarsi ricoperto di sangue, che dorme veramente tutto il giorno su un letto di pietra, al buio e nella solitudine, pieno di contraddizioni crudeli e di una certa dose di follia e di disprezzo, e che ha avuto varie amanti, finite straziate nel momento in cui hanno avuto timore e lo hanno supplicato, risvegliando in lui la sua vera natura bestiale.

    Finalmente un vampiro-vampiro, a cui gli occhi non diventano subito a cuoricino quando incontra l’umana ingenua e perduta. Lungi dal cercare una compagna di vita, Andrè vede in Carol semplicemente sangue (da bere) e carne (su cui sfogarsi), un’umana tra le tante, da usare, calpestare, abbandonare e dimenticare facilmente negli anni che scorrono per lui uguali e veloci.

    Per questo ho trovato disperata e disperatamente bella la caccia di Carol ai vampiri, la sua lotta per superare la sua inferiorità umana e l’oblio a cui è stata condannata, la sua lotta per riprendersi il figlio che le è stato strappato.

    Indubbiamente qua e là vi è qualche incongruenza logica e qualche dettaglio superfluo che va un po’ scuotere la linearità della trama, ma è un romanzo che ti prende e si legge d’un fiato, sino a un finale (credo) volutamente sospeso e incompiuto, che ti lascia uno certo strascico di malinconia addosso…

    ha scritto il 

  • 2

    Ecco un'altra protagonista talmente stupida da far venire il nervoso.. Tutto quello che una persona vera non farebbe lei lo fa! Ti rapiscono,ti molestano e torturano e poi ti lasciano libera? Torni ...continua

    Ecco un'altra protagonista talmente stupida da far venire il nervoso.. Tutto quello che una persona vera non farebbe lei lo fa! Ti rapiscono,ti molestano e torturano e poi ti lasciano libera? Torni dal tuo aguzzino! Lui è un pazzo senza speranza che ti picchia e insulta? ti chiedi cosa c'è che non va in te e fai di tutto per piacergli! Alla fine la morale è che è tutta colpa tua -_-" Storia senza senso, la scrittrice se la canta e se la suona da sola, ben scritto ma al di là di questo non si va.. I personaggi sono uno più antipatico dell'altro al punto che speri arrivi un meteorite e faccia piazza pulita! Ho letto che questa scrittice viene paragonata ad Anne Rice...Le piacerebbe! Purtroppo violenza gratuita e ostentazione inutile del sapere non aiutano a creare un buon libro..

    ha scritto il 

  • 2

    Dopo molti dubbi l'ho comprato e letto, soprattutto per farmi un opinione mia, vista la grande discordanza fra le recensioni e al termine della lettura posso dire che non mi è piaciuto. Se non fosse ...continua

    Dopo molti dubbi l'ho comprato e letto, soprattutto per farmi un opinione mia, vista la grande discordanza fra le recensioni e al termine della lettura posso dire che non mi è piaciuto. Se non fosse stato per i personaggi di contorno penso proprio che non l'avrei mai terminato. I due protagonisti, Andrè e Carol, sono insopportabile in due modi opposti; lei è per la maggior parte del tempo apatica, le fanno di tutte e non dice nulla, poi quando le prendono i 5 minuti le combina di tutti i colori, mentre Andrè, dal'altra parte è molto costante nei suoi comportamenti da vero psicopatico per tutto il libro. Insomma i vampiri classici che bevono sangue e sono crudeli con gli umani che vedono solo come cibo, hanno il loro fascino, ma quelli descritti in questo libro sono bipolari….passano da frasi sdolcinate a bere sangue da passanti ignari, fino a riti magici…. Non penso proprio che continuerò con questa serie.

    ha scritto il 

  • 2

    L'ho trovato piuttosto schizofrenico, i personaggi cambiano carattere ogni tre per due. Scrivo questa recensione dopo due settimane quindi ho scordato i nomi, tanto i personaggi sono così stupidi e ...continua

    L'ho trovato piuttosto schizofrenico, i personaggi cambiano carattere ogni tre per due. Scrivo questa recensione dopo due settimane quindi ho scordato i nomi, tanto i personaggi sono così stupidi e banali che non serve saperli. Lei: è stupida e psicopatica, compreso il fatto che s'innamori di un pazzo omicida fuori da ogni logica. Lui: pazzo, stupido e banale. Come vampiro poi è un disastro. L'amica di lui: interessante e frizzante, ma non serve a niente. Il tipo dell'amica: inutile. La vecchia: serve solo per ripetere a Lei che Lui è un bravo ragazzo nonostante sembri (e sia) un pazzo schizzato omicida complessato. L'altra amica che vive lontano con tanto di famiglia: puzza di strega, è simpatica. Suo marito pure. I figli (o era uno o.O non ricordo) sono superflui. La psicologa: -.- caliamo un velo pietoso su questo personaggio, volete? Non ho capito dove se lo sia fumata, è completamente senza senso o logica, o anche solo utilità. Il figlio: puccio lui *_*

    Passiamo ad un altro po' di cose: 1) Lei in base a come gira o fa cose senza senso o ha colpi di genio proibitivi. Come per esempio quando va dal pazzo a dirgli che è incinta ed HIV+: furba! 2) Lui è noioso e fastidioso, ho sognato gli piantassero un paletto nel cuore tutto il tempo 3) il finale è piatto e noioso, lo leggi solo nella speranza succeda qualcosa 4) la storia dell'HIV non l'ho ben capita, ma lasciamo perdere

    In sostanza non lo consiglio: non è brutto o scritto male, ma i personaggi sono odiosi e la storia farneticante. E non è neanche così gotico da farsi perdonare, certo, Lui è discretamente sadico, ma è più pazzo che sadico e come vampiro fa poca più paura di Edward Cullen: sembra un bambino viziato che s'impunta.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    2

    Mi aspettavo qualcosa di migliore. la protagonista Carol è alquanto irreale. una donna che accetta di essere segregata in casa di uno sconosciuto con l'abitudine di bere sangue e essere usata come ...continua

    Mi aspettavo qualcosa di migliore. la protagonista Carol è alquanto irreale. una donna che accetta di essere segregata in casa di uno sconosciuto con l'abitudine di bere sangue e essere usata come un oggetto a suo piacimento e questo avviene senza che lei provi alcun timore, anzi curiosità e forte attrazione sembra abbastanza fuori dalla norma. e poi i mostri che le strappano il figlio sarebbero a mio avviso imperdonabili, ma per lei non è così. la sua più grande preoccupazione è sedurre quel mostro di andrè. di solito si dice dei maschi che hanno il cervello nelle parti basse, ma in questo caso vale anche per questa donna. in questo primo libro manca poi azione, avventura... vedremo come continuerà la saga...speriamo migliori!

    ha scritto il 

  • 2

    Se c'è qualcosa che disprezzo ancor di più di un libro SCRITTO male è un libro RILEGATO male! Il libro di per sè non è nemmeno scritto in maniera malvagia, ma è la trama a rovinare davvero il ...continua

    Se c'è qualcosa che disprezzo ancor di più di un libro SCRITTO male è un libro RILEGATO male! Il libro di per sè non è nemmeno scritto in maniera malvagia, ma è la trama a rovinare davvero il tutto. Anni e anno di esagerato femminismo per finire dove??? In una donna che diventa schiava (e le piace pure) di un pazzo vampiro con annessa vampiresca famiglia che sembra uscita da una parodia. Un libro deve essere contenuto, oltre che forma! E non si deve distruggere fra le mani! Forse è solo stata sfortunata la mia copia, ma ammetto che, anche perdere pagine ad ogni istante, mi ha portato ad abbandonare il tutto prima della centesima pagina.

    ha scritto il 

Ordina per