Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La notte in cui morirono gli autobus

Di

Editore: E/O

3.3
(33)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 120 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8876419020 | Isbn-13: 9788876419027 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Fiction & Literature

Ti piace La notte in cui morirono gli autobus?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 0

    La notte in cui morirono gli autobus, di Etgar Keret

    http://www.booksblog.it/post/7184/la-notte-in-cui-morirono-gli-autobus-di-etgar-keret


    La forma racconto – la più difficile da scrivere e quindi anche la più difficile da vendere – rimane troppo spesso rilegata in un angolo dell’economia editoriale italiana. Eppure, da Carver in poi, negli ...continua

    http://www.booksblog.it/post/7184/la-notte-in-cui-morirono-gli-autobus-di-etgar-keret

    La forma racconto – la più difficile da scrivere e quindi anche la più difficile da vendere – rimane troppo spesso rilegata in un angolo dell’economia editoriale italiana. Eppure, da Carver in poi, negli ultimi anni si vedono raccolte di racconti di grande livello.

    ha scritto il 

  • 4

    L'esperimento è: materializzare le idee o i sogni.
    Ciò è la pietra filosofale della scrittura, ma i cavalieri che cercano l'impossibile hanno la mia ammirazione devota, anche se inanemente si ostinano per tutta la loro epica impresa.
    Keret è il valoroso che tenta di.

    ha scritto il 

  • 3

    quei meravigliosi soggetti strampalati

    Keret è quel tipo di scrittore che ti riempie di soggetti che sono dei casi di vita interessante. ma è il punto di vista che hanno questi soggetti, che ti fa venire voglia di frequentarli. sono così particolari, ironici e per certe vesti così caricaturali che ti stanno simpatici per forza. e la s ...continua

    Keret è quel tipo di scrittore che ti riempie di soggetti che sono dei casi di vita interessante. ma è il punto di vista che hanno questi soggetti, che ti fa venire voglia di frequentarli. sono così particolari, ironici e per certe vesti così caricaturali che ti stanno simpatici per forza. e la sua ironia è così fantasticamente sublime che leggi ancora più appassionatamente.

    nel dettaglio, i racconti sono brevissimi e alcuni veramente notevoli. ma gli altri sono comunque ottimi. finora è il secondo libro suo che leggo e anche se l'ho trovato di un palmo inferiore a "le tette di una diciottenne" è comunque un autore che consiglio vivamente a chi cerca qualcosa di divertente che non sia banale (anche e soprattutto perchè ha un lato, a volte, tragicomico che è geniale).

    ha scritto il 

  • 4

    L'ulteriore libro di Keret che andrà a popolare la mia libreria.
    Mi sono innamorato di questo autore da "Colla Pazza" e da allora non l'ho più abbandonato.
    Questo poi, altro libro di racconti, si legge in un lampo. La sequela di racconti, tutti molto piacevoli, sono l'apologia del rac ...continua

    L'ulteriore libro di Keret che andrà a popolare la mia libreria.
    Mi sono innamorato di questo autore da "Colla Pazza" e da allora non l'ho più abbandonato.
    Questo poi, altro libro di racconti, si legge in un lampo. La sequela di racconti, tutti molto piacevoli, sono l'apologia del racconto breve, ma tutti molto e veramente intensi.
    Su tutti mi sono piaciuti "Salomone il Ricchione" e "Dio il Nano".

    ha scritto il 

  • 2

    Comprato con le migliori aspettative.
    Alcune belle intuizioni. Racconti difficilmente catalogabili, simbolici, surreali.
    Ma in definitiva deludente; piacevole solo quando esplode l'umorismo di matrice ebraica (e cioè di rado).

    ha scritto il 

  • 4

    Più che sul libro, nota sull'edizione. 16€ per 141 pagine, di cui 6 di introduzione, 25 occupate solo dal titolo del racconto, 37 bianche, 7 coperte da poche righe e una (senza considerare titolo e spazi bianchi) dallo stesso racconto presentato in un risvolto di copertina.
    Certo, i costi d ...continua

    Più che sul libro, nota sull'edizione. 16€ per 141 pagine, di cui 6 di introduzione, 25 occupate solo dal titolo del racconto, 37 bianche, 7 coperte da poche righe e una (senza considerare titolo e spazi bianchi) dallo stesso racconto presentato in un risvolto di copertina.
    Certo, i costi dei libri non si calcolano pesando le parole, ma a volte mi sento seriamente preso in giro..

    ha scritto il