Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

La nube purpurea

By Matthew Phipps Shiel

(3)

| Others | 9788806159931

Like La nube purpurea ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Presentire, ancor più che immaginare, la fine del mondo, la rovina di questa nostra terra e di tutte le umane esistenze nel naufragio di una solitudine cosmica: è questo il romanzo, scritto nel 1901 e riscoperto in America nel 1928 e po Continue

Presentire, ancor più che immaginare, la fine del mondo, la rovina di questa nostra terra e di tutte le umane esistenze nel naufragio di una solitudine cosmica: è questo il romanzo, scritto nel 1901 e riscoperto in America nel 1928 e poi ancora nel 1948, di Matthew P. Shiel, dove all'annientamento dell'uomo succede la ripetizione del mito di Adamo ed Eva.

100 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Molta più fantascienza di quanto mi aspettassi. Stiamo comunque parlando di proto-fantascienza con le nuove tecnologie che quegli anni a cavallo tra XIX e XX secolo cominciavano a far trasparire. Interessanti le considerazioni socio-politiche sui gio ...(continue)

    Molta più fantascienza di quanto mi aspettassi. Stiamo comunque parlando di proto-fantascienza con le nuove tecnologie che quegli anni a cavallo tra XIX e XX secolo cominciavano a far trasparire. Interessanti le considerazioni socio-politiche sui giorni imminenti il disastro e anche quelle geofisiche che ne sono causa.

    Comunque mi sarei risparmiato volentieri la lunga parte centrale un pochino noiosa.

    Is this helpful?

    Bravo27 said on Jul 25, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Adam Jeffson della Terra

    Un'avventura intessuta nel meraviglioso, che muta continuamente atmosfera: sinistri accadimenti e frenetici viaggi ai confini del possibile si alternano a lentezze volutamente opprimenti; e poi deliri, visioni e follia esplosiva che si mescolano e si ...(continue)

    Un'avventura intessuta nel meraviglioso, che muta continuamente atmosfera: sinistri accadimenti e frenetici viaggi ai confini del possibile si alternano a lentezze volutamente opprimenti; e poi deliri, visioni e follia esplosiva che si mescolano e si scontrano di continuo con esoterismo, forze oscure e riflessi biblici. Visionario e stupefacente.

    Is this helpful?

    Nick Dembo said on Apr 29, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Bellissimo! Purtroppo non ci sono più i pazzi come una volta.

    Is this helpful?

    calatrava said on Apr 11, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un romanzo ambientato in un futuro apocalittico ma lungi dall'essere banale o paragonabile ai molti "fratelli di genere" contemporanei (tipo "La strada" o "Io sono leggenda").
    Già l'inizio denota una certa originalità: il pretesto di un manoscritto ...(continue)

    Un romanzo ambientato in un futuro apocalittico ma lungi dall'essere banale o paragonabile ai molti "fratelli di genere" contemporanei (tipo "La strada" o "Io sono leggenda").
    Già l'inizio denota una certa originalità: il pretesto di un manoscritto da cui parte l'autore potrebbe far pensare ad uno scopiazzamento dai molti romanzi che iniziano così, ma in questo caso l'origine del manoscritto è decisamente inusuale e stranamente moderna per essere stata pensata nel 1901 (anno di pubblicazione del romanzo!)!
    Poi la storia..sembra di leggere molti libri in uno: prima la spedizione verso il Polo, poi il profumo di mandorle, poi la scoperta di cosa è accaduto nel mondo, poi la ricerca di se stessi e di qualcuno con cui condividere (o forse no) ciò che sta accadendo, fino agli sviluppi dell'ultima parte.... Non è facile parlarne senza anticipare il contenuto, ma vale la pena leggere questo romanzo ed apprezzarne l'originalità e la fantasia...ma anche la bella scrittura.
    Unico neo, non trascurabile: parte molto bene e finisce molto bene (nel senso stilistico del termine, ossia una prosa scorrevole e accattivante) ma la parte centrale è lenta e questo girovagare per le varie città ad un certo punto un po' stanca...ma se tenete duro sarete ricompensati!

    Is this helpful?

    Morgana(piumosa) said on Nov 16, 2013 | 2 feedbacks

  • 2 people find this helpful

    Una concatenazione di casi fortuiti permettono ad Adam Jefferson di far parte di una missione al Polo.
    Man mano che si prosegue verso il nord l’intero equipaggio viene ridotto e così Adam è il solo a raggiungere la meta. Il viaggio di ritorno rive ...(continue)

    Una concatenazione di casi fortuiti permettono ad Adam Jefferson di far parte di una missione al Polo.
    Man mano che si prosegue verso il nord l’intero equipaggio viene ridotto e così Adam è il solo a raggiungere la meta. Il viaggio di ritorno rivela una serie di stranezze accompagnate da una misteriosa nube purpurea.

    “In genere osservai che i ricchi si erano preoccupati di più di questo problema del rifugio perché i poveri capivano soltanto ciò che era immediato e visibile, vivevano alla giornata, e vivevano l’illusione che il domani sarebbe stato simile all’oggi.”

    Is this helpful?

    Ametista said on Aug 29, 2013 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book