Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La passeggiata da Rostock a Siracusa

Di

Editore: Sellerio Editore Palermo

4.1
(14)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 192 | Formato: Copertina morbida e spillati

Isbn-10: 8838914680 | Isbn-13: 9788838914683 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: D. Trapassi

Genere: Fiction & Literature , History

Ti piace La passeggiata da Rostock a Siracusa?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    a parte la caduta di tensione delle pagine "italiane" un pó didascaliche a dire la veritá, per il resto questo romanzo dice cose non banali su desiderio di fuga e aspirazioni umane, ma anche - piú concretamente - sulla realtá del regime comunista della DDR (almeno come ce lo si puó immaginare). r ...continua

    a parte la caduta di tensione delle pagine "italiane" un pó didascaliche a dire la veritá, per il resto questo romanzo dice cose non banali su desiderio di fuga e aspirazioni umane, ma anche - piú concretamente - sulla realtá del regime comunista della DDR (almeno come ce lo si puó immaginare). rivelazione rinfrescante

    ha scritto il 

  • 4

    Romanzo insolito che rielabora una storia vera, anch'essa insolita. Negli anni '80 il protagonista Gompitz vive quasi felicemente nella Germania dell'Est. Quasi perché appassionato lettore delle opere dell'illuminista Seume vorrebbe ripeterne il viaggio in Italia, cosa assolutamente proibita dal ...continua

    Romanzo insolito che rielabora una storia vera, anch'essa insolita. Negli anni '80 il protagonista Gompitz vive quasi felicemente nella Germania dell'Est. Quasi perché appassionato lettore delle opere dell'illuminista Seume vorrebbe ripeterne il viaggio in Italia, cosa assolutamente proibita dal regime. Dopo anni di preparativi riesce a passare il confine e a realizzare il suo sogno ma, incomprensibilmente tanto per l'Occidente che per l'Est, ritorna subito nella Repubblica Democratica. Delius riesce a darci un romanzo che mette in evidenza la debolezza dei clichés consueti: Gompitz non è ne un eroe ne un traditore, ma un individuo come tanti, felice in fondo di avere una comoda nicchia in una società che per lui ha difetti tutto sommato tollerabili. Per questo non mette mai in dubbio la possibilità di tornare, ma in tal modo risulta sgradito a entrambi i blocchi: da una parte perché non possono farlo passare per martire e dall'altra per venduto. Il pregio maggiore di questo libro è però lo stile lieve di Delius, che sviluppa la trama secondo le tappe della narrativa di genere, con i lunghi preparativi per la fuga, i sopralluoghi, l’occultamento del denaro necessario, ecc. ma lo fa con un tono lievemente trasognato e umoristico, con momenti surreali come quando Gompitz, alla ricerca di una spiaggia dalla quale partire con la sua barca, incrocia un gruppetto di nudisti che fanno jogging sulla spiaggia e nei quali riconosce una squadra della Stasi incaricata di sorvegliare la zona.

    ha scritto il 

  • 5

    Una passeggiata oltre la cortina di ferro

    Paul Gompitz, cameriere di Rostock, attraverso una sua "assurda idea" diviene un caso di imbarazzo internazionale sul volgere della guerra fredda.


    Lui, cittadino della RDT ha un'ossessione: raggiungere l'occidente per turismo, ispirato da un suo illustre conterraneo del passato che descris ...continua

    Paul Gompitz, cameriere di Rostock, attraverso una sua "assurda idea" diviene un caso di imbarazzo internazionale sul volgere della guerra fredda.

    Lui, cittadino della RDT ha un'ossessione: raggiungere l'occidente per turismo, ispirato da un suo illustre conterraneo del passato che descrisse il viaggio dalla Germania a Siracusa!

    Ma in quanto cittadino del blocco sovietico questo suo sogno gli è precluso. Paul dedicherà allora clandestinamente la sua vita al raggiungimento del suo scopo: oltrepassare la cortina di ferro e visitare l'Italia fino a Siracusa. Pianificherà gli intenti, la strada, accantonerà moneta straniera, farà prove di fuga.... ma con lo scopo poi di ritornare a casa!!

    E proprio questo fatto metterà in imbarazzo i due blocchi contrapposti! Quello sovietico che se la vede fatta sotto il naso....e in definitiva quello occidentale...che con grande smacco si vede scaricato dopo la temporanea visita turistica...

    ha scritto il 

  • 4

    Come mandare in tilt la burocrazia? Presentandosi con tutti i documenti in regola per commettere un reato. Come farne un bel libro? Ambientandolo nella Germania divisa e raccontando un viaggio avventuroso. Ecco fatto.

    ha scritto il