Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La passione secondo Therèse

Di

Editore: Feltrinelli

3.9
(5105)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: Tascabile economico | In altre lingue: (altre lingue) Francese , Inglese , Tedesco , Spagnolo , Catalano

Isbn-10: A000059983 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , eBook

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Humor

Ti piace La passione secondo Therèse?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Possibile doppione.
Per favore riferirsi a:
http://www.anobii.com/books/La_passione_secondo_Thérèse/9788807816291/010746aedc2a84b1ad/
Ordina per
  • 3

    Della tribù è sempre stata la più bistrattata, anche per il suo modo di essere così defilato, di un altro mondo: ho trovato molto carina l’idea di concentrare tutta l’attenzione su di lei, ma è mancato qualcosa rispetto agli altri libri del ciclo. 8

    ha scritto il 

  • 4

    Sono quasi arrivato alla conclusione, e si sa, le conclusioni non sono mai una cosa bella, e le quasi conclusioni lo sono ancora meno, e se ci mettiamo anche che Signor Malaussène appena finito poi è diventato subito il mio preferito di tutto il ciclo, allora forse era abbastanza prevedibile che ...continua

    Sono quasi arrivato alla conclusione, e si sa, le conclusioni non sono mai una cosa bella, e le quasi conclusioni lo sono ancora meno, e se ci mettiamo anche che Signor Malaussène appena finito poi è diventato subito il mio preferito di tutto il ciclo, allora forse era abbastanza prevedibile che questo mi avrebbe lasciato un po' così. Poi c'è che è un Pennac, un Pennac Malaussène, e allora una volta chiuso ti fa piacere metterlo accanto agli altri, però per me il ciclo è finito al quarto libro, con quel Malaussène che più Malaussène non si può, che a difesa di Pennac bisogna anche dire era abbastanza difficile ripetersi, impossibile migliorarsi, e piuttosto complicato anche andarci vicino. E allora accontentiamoci di questa quasi conclusione, immaginando già che la conclusione sarà una delusione totale.

    ha scritto il 

  • 3

    Con la mia prima ragazza i primi tempi era tutto molto turbolento e passionale, scopavamo ovunque, un numero di volte che fatico a crederlo, ci divertivamo, eravamo talmente su di giri che ci mordevamo. Però è finita presto, più o meno quando abbiamo smesso di bere. Siamo diventati entrambi sobri ...continua

    Con la mia prima ragazza i primi tempi era tutto molto turbolento e passionale, scopavamo ovunque, un numero di volte che fatico a crederlo, ci divertivamo, eravamo talmente su di giri che ci mordevamo. Però è finita presto, più o meno quando abbiamo smesso di bere. Siamo diventati entrambi sobri e tranquilli, scopavamo di meno, vedevamo più film e mangiavamo più arrosticini di pecora e pop corn e al mattino lei non mi piaceva più. Parlo per me non so se per lei era diverso, ricordo che una volta mi ha guardato e mi ha detto stai diventando una salsiccia. L'avevo presentata a mia nonna ma solo per una pura coincidenza, e mia nonna non ricordava molte cose ma ricordava qualunque possibile candidato ad entrare nella famiglia. Quando le ho detto che ci eravamo lasciati, che lei mi aveva lasciato, mi ha chiesto che cosa avevo fatto di male. Io le ho detto nonna, non lo so, penso niente, anzi ultimamente ero così tranquillo. Eh, fa lei, tranquillo ha sempre fatto una brutta fine. Che te ne fai di uno tranquillo vicino? Da quel giorno la parola tranquillo mi ha perseguitato e ha perso di significato è rimasto solo l'involucro. Quando sento pronunciare quella parola mi viene da ridere non la smetto più, non riesco a calmarmi, rido talmente tanto che se ho qualcuno vicino quello comincia a dirmi, ehi, calmati, stai calmo stai tranquillo e più rido più dicono tranquillo e l'unica cosa che mi rimane da fare è darmi un morso da qualche parte fino a farmi male.

    ha scritto il 

  • 4

    ...i Frutti della Passione...

    L'ultimo romanzo della serie Malaussène risente un pò della mancanza di idee dell'autore.
    Dopo che tutto è già capitato alla famiglia Malaussène, che tutti i crimini di cui Benjamin è stato accusato o poteva essere accusato sono stati risolti... che altro rimane da dire?
    In fondo altr ...continua

    L'ultimo romanzo della serie Malaussène risente un pò della mancanza di idee dell'autore.
    Dopo che tutto è già capitato alla famiglia Malaussène, che tutti i crimini di cui Benjamin è stato accusato o poteva essere accusato sono stati risolti... che altro rimane da dire?
    In fondo altre disavventure malausseniane sarebbero impossibili da credere, sebbene le storie siano sempre alquanto surreali.
    Ma... c'è Thérèse, la spigolosa veggente tutta angoli che poco parla e tutto sa.
    Mi è piaciuto, molto più del quarto (Signor Malaussène) ma non raggiunge i livelli de "La Fata Carabina" e "La Prosivendola".
    Mi spiace che la storia si concluda qui. Mi mancheranno.

    ha scritto il 

  • 4

    Epilogo.

    Già. Epilogo. Leggo, anzi rileggo a distanza di più di dieci anni questo libro, ed ancora dopo tutti questi anni vibra. Eccome se vibra.
    Il finale, é un finale che ti mi fa venire voglia di ricominciare.
    Dal paradiso degli orchi e poi via uno dopo l'altro.
    Grazie, Monsieur Penna ...continua

    Già. Epilogo. Leggo, anzi rileggo a distanza di più di dieci anni questo libro, ed ancora dopo tutti questi anni vibra. Eccome se vibra.
    Il finale, é un finale che ti mi fa venire voglia di ricominciare.
    Dal paradiso degli orchi e poi via uno dopo l'altro.
    Grazie, Monsieur Pennacchioni per aver Raccontato Monsieur Malausséne.
    Buone letture.
    BUOAVITA!

    ha scritto il 

  • 5

    Pennac non si smentisce mai, mai, mai, mai.

    Sarà che nei Malaussène (in ognuno dei Malaussène) c'è la storia della mia vita, sarà che la traduttrice come al solito è un genio e riesce a rendere un francese frizzante e inimitabile in un italiano altrettanto ardente e colorato, sarà che dopo un po' ti affezioni a queste storie comuni e impos ...continua

    Sarà che nei Malaussène (in ognuno dei Malaussène) c'è la storia della mia vita, sarà che la traduttrice come al solito è un genio e riesce a rendere un francese frizzante e inimitabile in un italiano altrettanto ardente e colorato, sarà che dopo un po' ti affezioni a queste storie comuni e impossibili piene di persone comuni e impossibili... comunque sia, è un'altra perla.

    ha scritto il 

  • 4

    Va bene per me

    La dimostrazione che non sono io ad avere problemi con le storie brevi, ma che in passato mi è proprio capitato di leggere delle schifezze.

    ha scritto il 

Ordina per