La porta proibita

di | Editore: TEA
Voto medio di 1.407
| 178 contributi totali di cui 135 recensioni , 43 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Ha scritto il 13/09/17
Non avevo mai letto niente di Terzani e probabilmente non avrei mai iniziato se questo libro non mi fosse stato fortemente consigliato.Avrei fatto un gravissimo errore perchè sono rimasta folgorata dalla penna del mirabilissimo autore italiano. Il ..." Continua...
Ha scritto il 21/08/17
Scrivi una Recensione...Terzani èra un vero giornalista, uno splendido retortage sulla Cina , degli anni 80, e vari collegamenti storici.
Ha scritto il 20/07/17
Datato e molto ripetitivo
Viene consigliato a distanza di 30 anni da quando è stato scritto come propedeutico per i viaggi in Cina! Spero davvero che ci sia un errore e molta faciloneria in chi da questi consigli... Un viaggio all'inferno sarebbe molto più allettante e ..." Continua...
  • 1 mi piace
  • 1 commento
Ha scritto il 29/11/16
Le avventure giornalistiche di Tiziano Terzani a Pechino e dintorni.
Ha scritto il 04/06/16
Interessante, raccapriciante e deludente
Interessante, perchè parla della Cina degli anni 80 e in generale, di tutta l'epopea del comunismo, in quel paese. Molto belli, i capitoli che parlano di Pechino e quelli scritti dai figli dell'autore, sulla scuola in Cina. Mi aspettavo qualcosa in ..." Continua...
  • 1 mi piace

Ha scritto il Oct 16, 2012, 05:52
Quando un Dalai Lama muore, la credenza è che nel giro di due o tre anni la sua anima riprende forma umana nel corpo di un bambino maschio che nasce da qualche parte nel Tibet. Quel bambino va trovato perchè ne è il legittimo successore. La ... Continua...
Pag. 160
  • 1 commento
Ha scritto il Oct 15, 2012, 05:48
"Che differenza fa? Voi lasciate mangiare i vostri morti dai vermi sotto terra, noi dagli uccelli in aria."
"Una volta che l'anima se ne va, il corpo non è che una cosa, una cosa come questo tavolo."
Pag. 157
Ha scritto il Oct 15, 2012, 05:11
Viaggiatori di altri tempi hanno descritto il vecchio rituale tibetano dei funerali del cielo, ed avevo sentito dire che ancora oggi si fa così. In un paese in cui la terra è dura da scavare, in cui non c'è legno per fare delle pire, i funerali ... Continua...
Pag. 157
  • 1 commento
Ha scritto il Oct 15, 2012, 04:56
Persino il sacro salice piangente che, secondo la leggenda, era sbocciato nel centro di Lhasa da un capello di Budda non fu risparmiato: ne resta un mozzicone avvizzito coperto di carte e santini. Bruciare il burro nelle lampade votive fu ovviamente ... Continua...
Pag. 154
Ha scritto il Oct 15, 2012, 04:49
La distruzione della religione in Tibet, ancor più che in altre parti della Cina, fu pianificata e sistematica. Fu condotta con tale perseveranza e metodicità che ha persino mutato il paesaggio tibetano: le colline erano dominate dagli dzong, ... Continua...
Pag. 153

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi