Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La princesa de hielo

By

Publisher: Maeva

3.6
(4299)

Language:Español | Number of Pages: 400 | Format: Others | In other languages: (other languages) German , French , English , Swedish , Italian , Dutch , Polish , Portuguese , Catalan , Danish

Isbn-10: 8496748162 | Isbn-13: 9788496748163 | Publish date: 

Also available as: Mass Market Paperback , Hardcover , Paperback , eBook

Category: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Do you like La princesa de hielo ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Tras muchos años de ausencia, la joven escritora Erica vuelve a su pueblo natal, donde ha heredado la casa de sus padres recientemente fallecidos. Erica decide darse un paseo por las calles donde transcurrió los primeros años de su vida, pero tras el aviso de unos vecinos, descubre que su amiga de la infancia, Alex, acaba de suicidarse. Conmocionada, inicia una investigación y descubre que Alex estaba embarazada. La historia da un nuevo giro cuando la autopsia revela que su amiga no se suicidó sino que fue asesinada. La policía detiene al principal sospechoso, Anders, un artista fracasado que mantenía una relación especial con la víctima.
Sorting by
  • 3

    È stato il mio primo giallo svedese e l'ho trovato davvero piacevole e scorrevole! Il tipico libro da leggere in estate! Consigliato per chi vuole una lettura leggera e di intrattenimento! Sicuramente ...continue

    È stato il mio primo giallo svedese e l'ho trovato davvero piacevole e scorrevole! Il tipico libro da leggere in estate! Consigliato per chi vuole una lettura leggera e di intrattenimento! Sicuramente leggerò anche gli altri della Lackberg!

    said on 

  • 4

    Giudico un giallo dal finale, ossia dal fatto che durante la lettura abbia indovinato l'assassino. In questo caso non ce l'ho fatta, il mio pensiero seguiva giuste deduzioni ma arrivava a erronee conc ...continue

    Giudico un giallo dal finale, ossia dal fatto che durante la lettura abbia indovinato l'assassino. In questo caso non ce l'ho fatta, il mio pensiero seguiva giuste deduzioni ma arrivava a erronee conclusioni. Quindi bel giallo vecchio stile e carino anche il risvolto rosa. Erica Falck mi ha ricordato molto la "signora in giallo": qualsiasi cosa faccia le indagini la inseguono e lei non può fare nulla per sfuggire. Fortunatamente alla fine si è ristabilito l'ordine delle cose e la soluzione è stata trovata dalle forze dell'ordine.

    said on 

  • 3

    Primo romanzo che leggo di questa scrittrice. Lettura scorrevolissima, a tratti lenta (poteva benissimo risparmiarsi un centinaio di pagine senza togliere nulla alla trama) con un finale abbastanza pr ...continue

    Primo romanzo che leggo di questa scrittrice. Lettura scorrevolissima, a tratti lenta (poteva benissimo risparmiarsi un centinaio di pagine senza togliere nulla alla trama) con un finale abbastanza prevedibile. Di contro i personaggi sono ben caratterizzati, e le singole vicende personali coinvolgenti, non vedevo l'ora di sapere come sarebbero andate a finire le cose. In fondo mi sono affezionata ai due personaggi principali, quindii leggerò sicuramente altri libri della serie.

    said on 

  • 4

    Un passato misterioso, un delitto, due personaggi gradevolissimi impegnati a dissolvere la cortina di silenzio imposta dall’omertosa ipocrisia di un ambiente di provincia. Ultimo ingrediente: la Svezi ...continue

    Un passato misterioso, un delitto, due personaggi gradevolissimi impegnati a dissolvere la cortina di silenzio imposta dall’omertosa ipocrisia di un ambiente di provincia. Ultimo ingrediente: la Svezia con i suoi paesaggi fissati nel cristallo dei ghiacci.
    Tutto il necessario per una lettura accattivante e capace di offrire ina sana via di fuga ai pensieri.

    said on 

  • 4

    Gli scrittori scandinavi di gialli/noir riescono quasi sempre a regalarmi soddisfazioni e la Läckberg non fa eccezione: il suo romanzo d'esordio è coinvolgente e ben scritto, con la sempre piacevole a ...continue

    Gli scrittori scandinavi di gialli/noir riescono quasi sempre a regalarmi soddisfazioni e la Läckberg non fa eccezione: il suo romanzo d'esordio è coinvolgente e ben scritto, con la sempre piacevole ambientazione nordica. Qualche passaggio stucchevole relativo alla storia d'amore tra i protagonisti c'è, ma non è eccessivo. In sintesi, una lettura molto piacevole. Voto: 8,5/10.

    said on 

  • 0

    Non male ma

    Questo è il primo romanzo che leggo di questa scrittrice. Diciamo che ci sono due aspetti contrastanti. Il primo è che è un giallo sui generis dal ritmo molto blando e da una soluzione prevedibile. Se ...continue

    Questo è il primo romanzo che leggo di questa scrittrice. Diciamo che ci sono due aspetti contrastanti. Il primo è che è un giallo sui generis dal ritmo molto blando e da una soluzione prevedibile. Sembra più vicino a un genere di letteratura generale che a un thriller, perché l'aspetto delle indagini sull'omicidio di Alex, una vecchia amicizia dei due protagonisti, è solo il fondale scenografico di altre vicende: amore, violenze, fughe, tradimenti e ipocrisia. In altre parole, se togliamo tutto questo il romanzo si tradurebbe a un modesto racconto di un centinaio di pagine invece della quasi quattrocento.
    L'altro aspetto è la scrittura fluida, accattivante della scrittrice, che ti spinge a leggere pagina dopo pagina non per conoscere chi è l'assassino ma per seguire le vicende personali dei vari personaggi.
    Visto che la scrittrice ha scritto anche un manualetto sulla scrittura di un giallo, qui non avrebbe meritato la sufficienza. Ora essendo il primo di una serie di sette romanzi la perdoniamo ma il secondo deve migliorare e come.

    said on 

  • 2

    Soso y aburrido, empieza a enganchar a las 300 páginas.

    Soso y aburrido, empieza a enganchar a las 300 páginas.

    El argumento me ha parecido que está cogido con pinzas, y sin emoción. Es lo que se llama escribir por escribir. Sin embargo a partir de la pági ...continue

    Soso y aburrido, empieza a enganchar a las 300 páginas.

    El argumento me ha parecido que está cogido con pinzas, y sin emoción. Es lo que se llama escribir por escribir. Sin embargo a partir de la página 300, osea casi al final del libro y cuando ya se está resolviendo el caso, me he empezado a interesar por la novela, más por como era o llegaría a ser la vida de los personajes que de conocer el autor de el/los asesinatos.
    Espero que la segunda novela mejore y sea menos repetitiva, aunque he de decir que si me decido a leer la segunda parte será por seguir la vida de los personajes, más que la intriga del nuevo caso. Quizás sea porque la novela negra no es de mis estilos literarios favoritos, es la primera que leo.
    La moraleja que podemos sacar de esta novela, es que vivimos en un mundo y una sociedad llena de miedos y temores a lo que puedan pensar los demás, ya sea físicamente o con los hechos del pasado.

    said on 

Sorting by