La princesse des glaces

By

3.6
(4769)

Language: Français | Number of pages: 381 | Format: Paperback | En langues différentes: (langues différentes) German , Spanish , English , Swedish , Italian , Dutch , Polish , Portuguese , Catalan , Danish

Isbn-10: 2742775471 | Isbn-13: 9782742775477 | Publish date: 

Aussi disponible comme: Others

Category: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Aimez-vous La princesse des glaces ?
Devenez membre de aNobii, voyez si vos amis l'ont lu et découvrez des livres du mème genre!

Inscrivez-vous gratuitement
Description du livre
Erica Falck, trente-cinq ans, auteur de biographies installée dans une petite ville paisible de la côte ouest suédoise, découvre le cadavre aux poignets tailladés d'une amie d'enfance, Alexandra Wijkner, nue dans une baignoire d'eau gelée. Impliquée malgré elle dans l'enquête (à moins qu'une certaine tendance naturelle à fouiller la vie des autres ne soit ici à l'oeuvre), Erica se convainc très vite qu'il ne s'agit pas d'un suicide. Sur ce point - et sur beaucoup d'autres -, l'inspecteur Patrik Hedström, amoureux transi, la rejoint.

A la conquête de la vérité, stimulée par un amour naissant, Erica, enquêtrice au foyer façon Desperate Housewives, plonge dans les strates d'une petite société provinciale qu'elle croyait bien connaître et découvre ses secrets, d'autant plus sombres que sera bientôt trouvé le corps d'un peintre clochard - autre mise en scène de suicide.

Au-delà d'une maîtrise évidente des règles de l'enquête et de ses rebondissements, Camilla Läckberg sait à merveille croquer des personnages complexes et - tout à fait dans la ligne de créateurs comme Simenon ou Chabrol - disséquer une petite communauté dont la surface tranquille cache des eaux bien plus troubles qu'on ne le pense.
Sorting by
  • 4

    Primo libro della serie. Camilla Lackberg è molto brava. mi piace molto come scrittrice e ha uno stile unico che la contraddistingue. Ci si affeziona subito ai due personaggi principali Erika con la s ...continuer

    Primo libro della serie. Camilla Lackberg è molto brava. mi piace molto come scrittrice e ha uno stile unico che la contraddistingue. Ci si affeziona subito ai due personaggi principali Erika con la sua curiosità partecipa alle indagini insieme al poliziotto Patrik Hedströme e andranno a scoprire cosa si nasconde dietro l'omicidio di una cara amica d'infanzia di Erika che è stata ritrovata in una vasca piena di ghiaccio. la storia è ambientata a Fjällbacka un paesino sulla costa occidentale della Svezia. Lettura scorrevole e avvincente si legge tutto d'un fiato. consiglio di iniziare a leggere i libri della lackberg proprio da questo. Tutta la serie merita di esser letta è davvero molto brava

    dit le 

  • 0

    É solo il libro di esordio, chiaro che ci sono un sacco di debolezze, ma i punti di forza non mancano e sono, appunto, forti.

    I punti deboli sono la tendenza ad essere frou frou, a perdersi dietro particolari leggeri, secondari, non essenziali alla storia. E anche una costruzione temporale delle sequenze che spesso lascia pe ...continuer

    I punti deboli sono la tendenza ad essere frou frou, a perdersi dietro particolari leggeri, secondari, non essenziali alla storia. E anche una costruzione temporale delle sequenze che spesso lascia perplessi. Per non parlare di tante figure che non sono sviluppate secondo il peso che dovevano avere, tanto o poco, a seconda, vedi in testa quella del commissario capo. Anche qualche subplot è equilibrato nell'insieme, per esempio la storia del marito violento ti lascia perplesso. Ti aspetteresti una conclusione anche di quella, che lui dopo la fuga della moglie corra a riprenderla. Invece niente. E se posso immaginare che magari in una seconda storia questo filo venga ripreso, resta il fatto che qui è irrisolto.
    Però insieme a questi tanti difetti e difettucci, alla base c'è una storia veramente forte, interessante, non così cupa come nella tradizione ultima della giallistica nordica, merito del frou frou, immagino, ma non per questo meno potente. C'è soprattutto una capacità di gestire il respiro di fondo del romanzo, di tenere le carte coperte in modo molto ma molto convincente. Almeno per ¾ del romanzo, perché poi alcune cose della parte centrale erano quasi dichiarate prima di essere dette. Però il modo in cui confonde le acque, chiama in causa, via via, i protagonisti per poi sottrarli alla responsabilità del delitto, dice bene. E spinge a leggere un giallo maturo per capire dove, partendo da questo buon romanzo, è arrivata.

    dit le 

  • 4

    Buonissimo libro, avvincente dalla metà in poi. Nella prima parte l'ho trovato un po' lento. Scrittura fluente e abbastanza semplice, con la lettura che risulta gradevolissima

    dit le 

  • 2

    Troppe pagine e poco ritmo

    Ho impiegato un'infinità di tempo a leggere questo libro è questo non è un buon segno quando si tratta di un giallo che dovrebbe tenere sul filo della tensione... non far indulgere al sonno il lettore ...continuer

    Ho impiegato un'infinità di tempo a leggere questo libro è questo non è un buon segno quando si tratta di un giallo che dovrebbe tenere sul filo della tensione... non far indulgere al sonno il lettore.
    È il primo libro di questa autrice che leggo e non ne leggerò altri visto che sono più efficaci le trasposizioni televisive (che poi è il senso delle due stellette sufficienza).
    Peccato anche che il personaggio più simpatico sia quello più trascurato.

    dit le 

  • 3

    se si fosse dato ascolto alle chiacchiere delle comari non sarebbe rimasto molto tempo per fare altro ( p.12 )
    si trattava soltanto di un sottile strato di vernice su una mente ribelle ( p.66 )
    le vec ...continuer

    se si fosse dato ascolto alle chiacchiere delle comari non sarebbe rimasto molto tempo per fare altro ( p.12 )
    si trattava soltanto di un sottile strato di vernice su una mente ribelle ( p.66 )
    le vecchie befane le lasciava volentieri a qualcun altro. lui era il tipo di uomo adatto per modelli più recenti ( p.70 )
    non lo fece, e quegli istanti passarono ( p.124 )
    il sorriso che le si diffuse in viso lo fece sentire un milionario ( p.267 )
    sul suo viso era costantemente in agguato un sorriso ( p.296 )
    io non so più cosa credere, invece. niente di ciò che credevo si è dimostrato vero ( p.315 )
    non si era mai resa conto della dimensione della propria solitudine finché non era svanita ( p.351 )
    non si curava di me più di tanto, il che aumentava la mia venerazione nei suoi confronti ( p.393 )

    dit le 

  • 4

    L'autrice tende a divagare un po' dalla stroria principale rendendo la lettura a tratti noiosa. Senza grossi colpi di scena o suspance da non riuscire a smettere di leggere. Tuttavia un buon libro, un ...continuer

    L'autrice tende a divagare un po' dalla stroria principale rendendo la lettura a tratti noiosa. Senza grossi colpi di scena o suspance da non riuscire a smettere di leggere. Tuttavia un buon libro, una lettura piacevole tanto da voler leggere anche gli altri casi di Erika e Patrick.

    dit le 

  • 4

    Primo - ma non ultimo! - libro che leggo della Lackberg. Nonostante la mole e l'argomento trattato è una lettura leggera con tanti colpi di scena che tengono incollati alle pagine.
    Ottima lettura di s ...continuer

    Primo - ma non ultimo! - libro che leggo della Lackberg. Nonostante la mole e l'argomento trattato è una lettura leggera con tanti colpi di scena che tengono incollati alle pagine.
    Ottima lettura di svago, sono proprio curiosa di leggere anche gli altri dove, sicuramente, si vedrà una crescita stilistica dell'autrice.

    dit le 

Sorting by
Sorting by