Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La principessa di Clèves

Di

Editore: Rizzoli (Biblioteca Universale)

3.6
(485)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 288 | Formato: Tascabile economico | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Francese , Spagnolo , Tedesco , Olandese , Svedese

Isbn-10: 881716559X | Isbn-13: 9788817165594 | Data di pubblicazione:  | Edizione 4

Prefazione: Armanda Guiducci

Disponibile anche come: Altri , Paperback , Copertina rigida

Genere: Fiction & Literature , History , Romance

Ti piace La principessa di Clèves?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Madame de La Fayette visse, fra solitudine ed eletta mondanità, nei tempi fastosi di Luigi XIV. Aristocratica e colta, frequentò i raffinati salotti intellettuali, fu dama d'onore di Enrichetta d'Inghilterra, intima amica di Madame de Sévigné e di La Rochefoucauld. Tutta la complessa problematica della vita interiore che l'esperienza culturale delle Preziose aveva elaborato per quasi mezzo secolo, illuminandosi ai bagliori della spiritualità pascaliana e del razionalismo di Cartesio, si riflette nel suo romanzo più famoso, La principessa di Clèves, uscito anonimo nel 1678. La vicenda, semplice e volutamente esemplare, è ambientata nella cornice della Corte: un mondo che l'autrice sembra guardare frontalmente, con impassibile distacco, mentre in realtà il suo sguardo penetra al di dentro e vi si fissa implacabile, scoprendo il gioco crudele di rivalità e di intrighi celato sotto l'estenuata eleganza delle forme. Su questo sfondo si accampa la figura incantevole della protagonista, che attraverso l'esperienza tormentosa della passione matura alla coscienza di una realtà corrosiva dei più autentici valori umani. Scritto con limpida naturalezza di stile, La principessa di Clèves non è solo un grande romanzo psicologico e un mirabile affresco di costume: è il primo libro dell'autocoscienza femminile, in cui la storia di una formazione spirituale e morale assume come soggetto consapevole una donna, capace di costruire in se stessa le ragioni della propria vita. Il piacere del testo è arricchito dal saggio introduttivo di Armanda Guiducci che in una fitta trama di richiami storici e letterari fa rivivere il clima di alta intellettualità, quello "stile dell'anima" che fu contrassegno delle Preziose del Seicento e in cui trova radice la prima coscienza del femminismo moderno.
Ordina per
  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Uno stile eccezionale. La concisione. L'accuratezza. Il modo. Ahimè, anche molta bienséance stilistica. Personaggi - molti -, di cui pochi importanti, trattati con quella familiarità che costringe ad ...continua

    Uno stile eccezionale. La concisione. L'accuratezza. Il modo. Ahimè, anche molta bienséance stilistica. Personaggi - molti -, di cui pochi importanti, trattati con quella familiarità che costringe ad entrare alla corte di Henri II.

    SPOILER

    Dopodiché, però, la nostra eroina è una deficiente crassa che ha paura d'essere felice. Punta estrema del giansenismo? Sarà; ma mi spezza l'identificazione e sfocia in un incomprensibile, inaccettabile totale. Per me, la chiusa rimane ironica.

    ha scritto il 

  • 0

    alla corte di Caterina de Medici

    L'origine del romanzo psicologico francese quindi tout court della grandissima tradizione letteraria europea; insomma prima di Manon e delle relazioni pericolose, prima di Emma Bovary c'era Madame de ...continua

    L'origine del romanzo psicologico francese quindi tout court della grandissima tradizione letteraria europea; insomma prima di Manon e delle relazioni pericolose, prima di Emma Bovary c'era Madame de la Fayette con uno stile elegante e sentimentale.

    ha scritto il 

  • 5

    LA PRINCIPESSA DI CLEVES

    Sulla falsa riga delle eroine alla Bovary, alla Karenina ma più originale e meno patologico di Anna Karenina., compreso il finale meno amaro e tragico.

    ha scritto il 

  • 3

    La degenerazione della "sprezzatura" in "dissimulazione" come dote imprescindibile del perfetto cortigiano. In un microuniverso fondato sopra un rigido codice linguistico, la principessa di Clèves dap ...continua

    La degenerazione della "sprezzatura" in "dissimulazione" come dote imprescindibile del perfetto cortigiano. In un microuniverso fondato sopra un rigido codice linguistico, la principessa di Clèves dapprima sussurra, poi pronuncia sempre più apertamente, una parola imbarazzante: "verità"; ma non è che alla fine le cose le vadano benissimo. Mettiamola così: alla corte di Enrico II "Lie to me" non sarebbe andato oltre la puntata pilota.

    ha scritto il 

  • 2

    Solo pettegolezzi

    Sarà pure un'opera importante nella storia della letteratura europea, ma proprio non sono riuscita ad andare aventi. Troppi personaggi, troppe storie e questa povera principessa di Clèves che sposa un ...continua

    Sarà pure un'opera importante nella storia della letteratura europea, ma proprio non sono riuscita ad andare aventi. Troppi personaggi, troppe storie e questa povera principessa di Clèves che sposa un uomo ma poi scopre di amarne un altro. Sembra di leggere un giornale di gossip, pieno di pettegolezzi di corte, scritto da chi in questo ambiente ci ha vissuto e sa come funziona.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    "Finalmente, quando interi anni furono passati, il tempo e l'assenza attenuarono il suo dolore e il suo amore. La principessa di Clèves viveva in modo che non dava adito a pensare che sarebbe mai torn ...continua

    "Finalmente, quando interi anni furono passati, il tempo e l'assenza attenuarono il suo dolore e il suo amore. La principessa di Clèves viveva in modo che non dava adito a pensare che sarebbe mai tornata. Passava una parte dell'anno nella casa delle religiose, l'altra parte nelle sue terre, in grande solitudine e in occupazioni più sante di quelle dei più austeri conventi; e la sua vita, che fu abbastanza breve, lasciò esempi di virtù inimitabile."

    Ma va a ca*are.

    ha scritto il 

  • 5

    Di contro a Madame de La Fayette il Marchese di Sade ci fa la figura del chierichetto tiramoccoli.

    Il vizio è ingegnosamente sadomaso ma la virtù è testardamente masochista, e se il vizio della virtù imparasse a trarre inferiore godimento dalla propria mortificazione, forse sarebbe la volta buona c ...continua

    Il vizio è ingegnosamente sadomaso ma la virtù è testardamente masochista, e se il vizio della virtù imparasse a trarre inferiore godimento dalla propria mortificazione, forse sarebbe la volta buona che la virtù del vizio si impegna a sgrossarsi dagli infantilismi violenti mantenendo intatto il piacere assieme a chi lo dà e a chi lo prende.

    Il romanzo è un attrezzo di tortura morale da citare all’interno delle Convenzioni Apposite. Leggendolo t’immagini folle tumultuanti di uomini e donne, tutti pii e casti e asessuati fino all’istante prima, indire una fiaccolata contro la principessa di Clèves, all’urlo: – Ma ancora a dare retta a tua mamma morta stai? A piangerti il caro estinto caro perché estinto? Quando ti capita più un dio d’uomo come il Duca di Nemours? Basta impicci: DAGLIELA! O veniamo a fartela a pezzi noi per portarla a lui, perché è troppo uno sciupio, questa storia d’amore possibilissima e impossibile!

    Un romanzo, per aspirare all’immortalità, deve fare il pieno di mortacci-sua, dunque.

    ha scritto il 

  • 5

    «Più bella di tutte, anzi, questa storia di un amore difeso dall'amore.»
    ——— Daniel Pennac, Come un romanzo.

    Considerato il "primo romanzo classico", in questo stupendo affresco della voluttosa corte ...continua

    «Più bella di tutte, anzi, questa storia di un amore difeso dall'amore.»
    ——— Daniel Pennac, Come un romanzo.

    Considerato il "primo romanzo classico", in questo stupendo affresco della voluttosa corte di Enrico II e della sua potente amante Diane De Poitiers, tra intrighi e passioni disdicevoli, nasce l'intima e pudica attrazione tra il seducente Duca di Nemours e la bellissima e virtuosa Principessa di Clèves.
    Una storia carica di passione, dolcezza, dolore e sacrificio.
    Di decisioni sofferte.
    Perché non sempre quello che desideriamo ardentemente sia la cosa giusta.
    E il non prenderle avrebbe portato ad una felicità completa?
    Non lo sapremo mai.
    Ed è proprio qui che risiede il valore inestimabile dell'opera.

    ha scritto il 

Ordina per