La principessa di ghiaccio

Di

Editore: Mondolibri su licenza Marsilio

3.6
(4728)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 468 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Tedesco , Spagnolo , Francese , Inglese , Svedese , Olandese , Polacco , Portoghese , Catalano , Danese

Data di pubblicazione: 

Traduttore: Laura Cangemi

Disponibile anche come: eBook

Genere: Criminalità , Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli

Ti piace La principessa di ghiaccio?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    se si fosse dato ascolto alle chiacchiere delle comari non sarebbe rimasto molto tempo per fare altro ( p.12 )
    si trattava soltanto di un sottile strato di vernice su una mente ribelle ( p.66 )
    le vec ...continua

    se si fosse dato ascolto alle chiacchiere delle comari non sarebbe rimasto molto tempo per fare altro ( p.12 )
    si trattava soltanto di un sottile strato di vernice su una mente ribelle ( p.66 )
    le vecchie befane le lasciava volentieri a qualcun altro. lui era il tipo di uomo adatto per modelli più recenti ( p.70 )
    non lo fece, e quegli istanti passarono ( p.124 )
    il sorriso che le si diffuse in viso lo fece sentire un milionario ( p.267 )
    sul suo viso era costantemente in agguato un sorriso ( p.296 )
    io non so più cosa credere, invece. niente di ciò che credevo si è dimostrato vero ( p.315 )
    non si era mai resa conto della dimensione della propria solitudine finché non era svanita ( p.351 )
    non si curava di me più di tanto, il che aumentava la mia venerazione nei suoi confronti ( p.393 )

    ha scritto il 

  • 4

    L'autrice tende a divagare un po' dalla stroria principale rendendo la lettura a tratti noiosa. Senza grossi colpi di scena o suspance da non riuscire a smettere di leggere. Tuttavia un buon libro, un ...continua

    L'autrice tende a divagare un po' dalla stroria principale rendendo la lettura a tratti noiosa. Senza grossi colpi di scena o suspance da non riuscire a smettere di leggere. Tuttavia un buon libro, una lettura piacevole tanto da voler leggere anche gli altri casi di Erika e Patrick.

    ha scritto il 

  • 4

    Primo - ma non ultimo! - libro che leggo della Lackberg. Nonostante la mole e l'argomento trattato è una lettura leggera con tanti colpi di scena che tengono incollati alle pagine.
    Ottima lettura di s ...continua

    Primo - ma non ultimo! - libro che leggo della Lackberg. Nonostante la mole e l'argomento trattato è una lettura leggera con tanti colpi di scena che tengono incollati alle pagine.
    Ottima lettura di svago, sono proprio curiosa di leggere anche gli altri dove, sicuramente, si vedrà una crescita stilistica dell'autrice.

    ha scritto il 

  • 3

    Un Buon Giallo

    La storia incalza e il ritmo è avvincente. Lo stile narrativo della scrittrice che lascia costantemente punti interrogativi mantiene il lettore incollato al libro.

    ha scritto il 

  • 3

    La protagonista Erika indaga su vicenda avvenuta molti anni prima in un paesino della Svezia che è stata tenuta nascosta per salvare la reputazione e le apparenze a scapito della serenità e degli equi ...continua

    La protagonista Erika indaga su vicenda avvenuta molti anni prima in un paesino della Svezia che è stata tenuta nascosta per salvare la reputazione e le apparenze a scapito della serenità e degli equilibri personali delle famiglie coinvolte.

    ha scritto il 

  • 3

    Soddisfatto, anche se non entusiasta

    Mi piace molto il genere giallo e mi piacciono i paesaggi freddi. Camilla Lackberg unisce le due cose catapultando il lettore in un paesino della Svezia, attraverso una scrittura semplice ed efficace ...continua

    Mi piace molto il genere giallo e mi piacciono i paesaggi freddi. Camilla Lackberg unisce le due cose catapultando il lettore in un paesino della Svezia, attraverso una scrittura semplice ed efficace e personaggi abbastanza normali, che alternano tratti molto naturali e spontanei, ad altri un po' più forzati e macchiettistici.
    Per essere il primo libro della scrittrice comunque non mi è assolutamente dispiaciuto anzi, la vicenda si evolve in modo soddisfacente e la storia in toto è valida e interessante.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Un buon esordio

    Dopo il successo della trilogia di Stieg Larsson, ecco che altri gialli/thriller scandinavi sono spuntati come funghi qui in Italia, tra cui questa scrittrice con le indagini di Erika Falck. Questo pr ...continua

    Dopo il successo della trilogia di Stieg Larsson, ecco che altri gialli/thriller scandinavi sono spuntati come funghi qui in Italia, tra cui questa scrittrice con le indagini di Erika Falck. Questo primo romanzo mi è piaciuto, buon thriller, anche se all'inizio va un po' a rilento ma poi la lettura è molto scorrevole e intrigante. I personaggi sono ben definitivi, ottima introspezione psicologica.
    Non posso darle il massimo dei voti perchè purtroppo durante la lettura alcune cose sono molto prevedibili e avevo intuito diversi punti (chi sia in realtà l'amante, la sorella, del perchè sono andati via dal paese) però non ho capito l'assassino, la soluzione del caso è stata molto sorprendente e anche il mistero della scomparsa di Nils Lorentz.
    La Svezia è uno dei paesi con un alto tasso di crimini riguardanti violenze nei confronti delle donne, in questo romanzo l'autrice ne parla marginalmente sulla storia di Anna, la sorella della protagonista (che verrà sicuramente approfondito nel successivo romanzo visto che è un punto rimasto in sospeso) ma principalmente tratta di abusi su minori/pedofilia. In questo romanzo il popolo scandinavo vien dipinto come bigotti e intimorito al'idea di rendere pubblico i proprio problemi. Anni e anni a coprire drammi a discapito dei figli solo per salvare le apparenze... Un po' forte e spero che non rispecchi realmente la popolazione nordica visto che li ho sempre considerati molto più aperti di noi. Di sicuro leggerò il secondo romanzo di questa saga.

    ha scritto il 

  • 5

    Unas palabras sobre "La Princesa de Hielo" de Camilla Lackberg

    "En toda sociedad, numerosos crimenes y misterios suceden, son investigados; y, en algunos casos se atrapa al culpable. Los mayores e intrigantes misterios son los que relamente son más sencillos, per ...continua

    "En toda sociedad, numerosos crimenes y misterios suceden, son investigados; y, en algunos casos se atrapa al culpable. Los mayores e intrigantes misterios son los que relamente son más sencillos, pero su caracter misterioso procede de elementos novelescos que desvían nuestros ojos del verdadero delito para alejarlos de la relidad. La autora de esta obra lo sabe y lo usa como un complot que tiende a ocultarnos lo que realmente sabemos de quienes nos rodena. En la obra la protagonista rompe ese circulo, busca respuestas a través de conocer la vida de us vieja amiga, y, ante todo, siendo realista. Es decir, parte de la idea de que su vieja amiga se ha convertido en una desconocida. (…)"
    El comentario sigue aquí: http://annavalaina.blogspot.com.es/2010/05/la-princesa-de-hielo-de-camila-lackberg.html

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per