Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La profezia dell'armadillo

Di

Editore: Bao Publishing

4.5
(2637)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 144 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Francese

Isbn-10: 8865431032 | Isbn-13: 9788865431030 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Copertina morbida e spillati

Genere: Biography , Comics & Graphic Novels , Humor

Ti piace La profezia dell'armadillo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Dopo quattro edizioni autoprodotte andate esaurite nel giro di pochi mesi, il primo, introvabile libro di Zerocalcare torna in tutte le librerie e le fumetterie grazie a BAO Publishing, in un'inedita versione a colori curata da Makkox in persona. Le storie autobiografiche, dolciamare di Zerocalcare come non le avete mai viste prima, in un volume che semplicemente non vi potete permettere di non avere.
Ordina per
  • 4

    un unico problema

    Si ride di gusto e non solo.Assolutamente positiva la mia prima esperienza con Zerocalcare.Meravigliosa la figura dell'Armadillo che personifica un pò tutte le nostre ansie.Un unico problema.L ho lett ...continua

    Si ride di gusto e non solo.Assolutamente positiva la mia prima esperienza con Zerocalcare.Meravigliosa la figura dell'Armadillo che personifica un pò tutte le nostre ansie.Un unico problema.L ho letto subito dopo Lo scontro quotidiano di Larcenet.Ed è per questo che,probabilmente,non riesco ad assegnargli le 5 stelline.Ma le meriterebbe.

    ha scritto il 

  • 5

    il "Boccalone" della generazione 2000

    Così come "Boccalone" di Palandri ha raccontato le paure e le ansie della generazione dei ragazzi del '77, così Zerocalcare le racconta per la sua generazione, i ragazzi del post-millennio, con un al ...continua

    Così come "Boccalone" di Palandri ha raccontato le paure e le ansie della generazione dei ragazzi del '77, così Zerocalcare le racconta per la sua generazione, i ragazzi del post-millennio, con un altro mezzo ma sempre con la stessa carica espressiva, con ironia ma anche tanta amarezza, con passione e disincanto. cambiano i tempi ma la voglia di raccontare e di mettersi in discussione non cambia mai. E non è un caso che chi scopre questa capacità di narrare la propria epoca siano ragazzi con le mani e i piedi ben ancorati alla propria epoca, nella Bologna degli anni '80 come nei migliori centri sociali del 2000

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Sono rimasta davvero molto colpita. Questo è il secondo libro di zerocalcare che leggo, ma credevo che rispetto al primo che avevo comprato (un polpo alla gola) fosse più leggero (non chiedetemi perch ...continua

    Sono rimasta davvero molto colpita. Questo è il secondo libro di zerocalcare che leggo, ma credevo che rispetto al primo che avevo comprato (un polpo alla gola) fosse più leggero (non chiedetemi perché). E invece BAM! colpita al cuore. Divertimento e paura scorrono tra le pagine tenendosi per mano, cogliendoti impreparato.
    E la scena più incredibile di tutte, quel mancato dialogo tra i problemi personali di zero (rappresentati ovviamente dall'armadillo) e quelli di Camille (un terrificante mostro nero), mi ha davvero messo i brividi.

    Spettacolare

    ha scritto il 

  • 0

    Avventure e disavventure che sanno di autobiografia autoironica. Si ride tanto, a volte si ride con tristezza ma la lettura di questo fumetto ci regala una solenne profezia e un altro amico immaginari ...continua

    Avventure e disavventure che sanno di autobiografia autoironica. Si ride tanto, a volte si ride con tristezza ma la lettura di questo fumetto ci regala una solenne profezia e un altro amico immaginario.

    ha scritto il 

  • 5

    Lettura Diesel

    Sincerità (no, non con la voce di Arisa :P!) : per le prime 10 pagine circa, più o meno, mi ha lasciata abbastanza "freddina" e io sono un tipo che se la ride leggendo graphic novels, fumetti o manga. ...continua

    Sincerità (no, non con la voce di Arisa :P!) : per le prime 10 pagine circa, più o meno, mi ha lasciata abbastanza "freddina" e io sono un tipo che se la ride leggendo graphic novels, fumetti o manga... Così - con una punta infinitesima di fastidio - sono entrata qui su Goodreads, ho letto qualche recensione, ho spulciato altre recensioni in giro e, dati gli alti voti che questa graphic ha ricevuto, mi sono detta: «Non fare l'impaziente! Aspetta che verrai ricompensata!» e così è stato.

    Piano piano Zerocalcare mi ha fatto entrare nel suo mondo, mi ha fatto fare conoscenze indimenticabili (l'Armadillo, uno su tutti :D ma anche Secco e il Guardiano del tempismo, solo per dirne alcuni) e mi ha fatto vivere dei momenti unici (nella scenetta dei pattini, col vicino di casa dell'appartamento di sotto, ho quasi pianto dalle risate xD ed era notte fonda xD .... e lo stesso è stato nella scenetta del colloquio allo studio grafico xDD) "costringendomi" ad affannarmi per saperne di più, "costringendomi" a fare le ore piccole per essere travolta completamente da queste Rebibbia's Adventures, così vivide e reali.

    Ho trovato bellissimi i disegni e una fi-ga-ta l'idea di rappresentare le varie coscienze sotto le fattezze più disparate (e sempre azzecatissime :P)!

    L'ultima pagina, poi, mi ha letteralmente smossa, mi ha toccata nel profondo perché mi rendo sempre più conto che il tempo passa e che quei tempi in cui "eravamo leggeri" - come dice Zero - li abbiamo vissuti da incoscienti mentre erano davvero I momenti da assaporare (..ma questo è tipico della giovinezza..ed è bello così).

    Con una piccola lacrimuccia ho chiuso questa piccola perla.

    E adesso dico: «Grazie, Zerocalcare!»
    Davvero! E' stata una lettura Diesel, per me, ma ne è valsa davvero la pena! Sei stato capace di riassumere - in poche pagine e con tratti superbi - scene in cui, almeno una volta, ci siamo trovati tutti. Scene di vita vera.
    Chapeau.

    ha scritto il 

  • 4

    Ne avevo sentito parlare in diverse occasioni ma poi non mi ero mai deciso a comprarlo. Per natale mi sono fatto questo ragalo e devo riconoscere che l'ho proprio gradito. Alcuni strisce sono esilaran ...continua

    Ne avevo sentito parlare in diverse occasioni ma poi non mi ero mai deciso a comprarlo. Per natale mi sono fatto questo ragalo e devo riconoscere che l'ho proprio gradito. Alcuni strisce sono esilaranti (da non perdere quella del ristorante ma anche tutte quelle in cui il protagonista vorrebbe senza successo comunicare il su amore alla bella Camille..).. Anche il filo che conduce tutto il libro - la notizia della morte di Camille e i ricordi a lei collegati - è decisamente riuscito.

    ha scritto il