Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La promessa

Un requiem per il romanzo giallo

Di

Editore: Feltrinelli (Universale economica; 1142)

4.1
(2122)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 155 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Francese , Tedesco , Inglese , Spagnolo , Catalano

Isbn-10: 8807811421 | Isbn-13: 9788807811425 | Data di pubblicazione:  | Edizione 11

Traduttore: Silvano Daniele

Disponibile anche come: Copertina rigida

Genere: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace La promessa?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Un investigatore infallibile, i suoi colleghi ottusi e altezzosi, un delitto raccapricciante la cui vittima è un bambino di sette anni e, infine, la rivelazione dell'assassino.
Ordina per
  • 5

    Un romanzo veramente ben scritto (ben tradotto), che coinvolge. Ti fa sentire dentro la storia, per quanto mostruosa.
    Una storia in cui il destino beffardo ha la meglio sulle indagini coscienziose di ...continua

    Un romanzo veramente ben scritto (ben tradotto), che coinvolge. Ti fa sentire dentro la storia, per quanto mostruosa.
    Una storia in cui il destino beffardo ha la meglio sulle indagini coscienziose di un uomo che dedica la sua vita a risolvere il caso con una perseveranza che va oltre l'umana comprensione. Impossibile non fare il tifo per il commissario Matthai.

    ha scritto il 

  • 4

    Niente è più crudele di un genio che inciampa in qualcosa di idiota.

    Ebbene, son cose che succedono talvolta. Anche il peggiore dei casi si avvera di quando in quando. Siamo uomini, dobbiamo tenerne conto, armarci contro questa realtà, e soprattutto avere ben chiaro in ...continua

    Ebbene, son cose che succedono talvolta. Anche il peggiore dei casi si avvera di quando in quando. Siamo uomini, dobbiamo tenerne conto, armarci contro questa realtà, e soprattutto avere ben chiaro in mente che riusciremo ad evitare il naufragio nell'assurdo, che per forza di cose risulta sempre più netto e schiacciante, e a costruirci su questa terra un'esistenza abbastanza confortevole, solo incorporandolo tacitamente nel nostro pensiero. La nostra ragione rischiara il mondo non più dello stretto necessario.

    Perfetto! Non saprei quale altro aggettivo usare per descrivere questo libro. Avevo già visto diversi anni fa il film ma non per questo ho apprezzato meno il libro. Le ambientazioni sono diverse ma entrambe efficaci. Il film lo ricordo solo un po' più lento, mentre il libro si legge in poche ore e coinvolge dall'inizio alla fine e non permette distrazioni!

    ha scritto il 

  • 2

    Riletto, per dovere, dopo 4 anni, mantengo lo stesso giudizio (2 Stelle).
    Non m'era paiciuto allora, l'ho trovato noioso e insignificante e scritto (tradotto?) male ora.
    Da dimenticare. ...continua

    Riletto, per dovere, dopo 4 anni, mantengo lo stesso giudizio (2 Stelle).
    Non m'era paiciuto allora, l'ho trovato noioso e insignificante e scritto (tradotto?) male ora.
    Da dimenticare.

    ha scritto il 

  • 4

    Questo bel romanzo di Durrenmatt,ci pone davanti a quanto il destino possa essere crudele e di quanto questo possa incidere sulla vita di un individuo,trasformandola in un incubo senza fine.

    ha scritto il 

  • 3

    Il caos e la fatalità del caso...

    Questo libro è la dimostrazione lampante che il destino supera notevolmente la volontà umana....
    Tutto pare preordinato e occorre una buona dose di fortuna perchè il male, l'omicidio e i colpevoli ven ...continua

    Questo libro è la dimostrazione lampante che il destino supera notevolmente la volontà umana....
    Tutto pare preordinato e occorre una buona dose di fortuna perchè il male, l'omicidio e i colpevoli vengono acciuffati....
    Il romanzo di Durrematt ci pone dinanzi a questa beffa, la beffa crudele della casualità che a volte muove gli avvenimenti in maniera...da renderci impotenti di fronte al male.
    La vicenda è emblematica: il commissario Matthai, promette ai genitori straziati di una bambina uccisa da un assassino crudele e feroce, di trovarlo ed assicurarlo alla giustizia.
    Per tenere fede a questa appassionata promessa il commissario compirà ogni genere di imprese
    coraggiose, insistenti...fino a spingersi all'adozione di una bambina simile a quella morta, per usarla come esca...ed attirare l'assassino in una trappola ben congegnata...
    Molto suggestiva la rappresentazione cinematografica del libro...che rende perfettamente l'idea dell'autore...
    Il caso...la casualità deciderà diversamente il modo di porre fine agli omicidi..frustrando gli sforzi del povero commissario...
    Si sa..."L'uomo propone e Dio dispone" e ancora "La vendetta è del Signore: tu uomo non ti vendicherai...perchè sono io che ripago l'uomo secondo le sue azioni"..ct. dalla bibbia.
    In questo modo...l'uomo è solo uno strumento del destino e a volte la giustizia non raggiunge i colpevoli....o li insegue in maniera del tutto diversa da come noi abbiamo programmato...
    Certo l'amarezza ci può abbattere....ma infine....la casualità è sempre....lo strumento usato da Dio per colpire il male e i suoi seguaci..
    Consigliato, anche per le profonde riflessioni che suscita.
    Saluti.
    Ginseng666

    ha scritto il 

  • 4

    Friedrich Dürrenmatt, "The Pledge"

    As the subtitle says (for some reason omitted in the English translation) this novella is a "Requiem for the Detective Novel". Not only a thriller, but also a reflection about the genre. The author ma ...continua

    As the subtitle says (for some reason omitted in the English translation) this novella is a "Requiem for the Detective Novel". Not only a thriller, but also a reflection about the genre. The author masters the fine art of keeping the reader stuck to the page. Dürrenmatt knows very well how to awaken the reader's horror and empathy, by touching the most elementary human fears: the horror of a lost child, of a monster hidden in the dark waiting for his next innocent victim. But the author also shows his deep knowledge of the genre and its conventions; he can in fact play with them; he can deconstruct the genre and mix its components, like a god he can either re-create or destroy it. Definitely an engaging and multilayered reading.

    ha scritto il 

  • 4

    Friedrich Dürrenmatt, La promessa.

    Come dice il sottotitolo (per qualche bizzarra ragione omesso nella traduzione inglese), non solo un giallo, ma una riflessione sull'intero genere. Lo scrittore dimostra la sua perizia nell'arte del t ...continua

    Come dice il sottotitolo (per qualche bizzarra ragione omesso nella traduzione inglese), non solo un giallo, ma una riflessione sull'intero genere. Lo scrittore dimostra la sua perizia nell'arte del trattenere il lettore incollato alle pagine e nella ben più difficile arte di scatenare in lui orrore, timore ed empatia, usa le più fondamentali paure dell'essere umano, i terrori che da sempre paralizzano tutti i genitori del mondo: un bambino sparito, un mostro che attira anime innocenti per sbranarle nell'ombra. Ma l'autore dimostra anche la sua conoscenza di tutte le componenti del genere, infatti è in grado di giocarci, le manipola, le mescola, può svuotarle, ucciderle o reinventarle. Lettura avvincente e multilivello.

    ha scritto il 

Ordina per