Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La prova del miele

Di

Editore: Feltrinelli

2.7
(596)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 102 | Formato: Tascabile economico

Isbn-10: 8807017644 | Isbn-13: 9788807017643 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Francesca Prevedello

Disponibile anche come: Altri

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature

Ti piace La prova del miele?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
“Per me, l’arabo è la lingua del sesso.” L’intimità di una donna araba, la narrazione della sua educazione all’erotismo. Le confessioni impertinenti e sensuali di una Shéhérazade contemporanea.

Il libro
Araba, musulmana e colta, la protagonista di questo libro, nata e cresciuta a Damasco, si è trasferita a Parigi dove si occupa della biblioteca del dipartimento di Arabistica dell’università. Nella sua vita c’è stato un uomo fondamentale, un uomo che le ha aperto un mondo prima sconosciuto, un mondo di erotismo, carnalità e sesso. Questo incontro l’ha portata a mettere in pratica le teorie che ha appreso in anni di letture clandestine degli antichi testi di letteratura erotica araba – a partire dall’insegnamento del maestro sùfi al-Gunayd, “ho bisogno del sesso come ho bisogno del cibo” –, fino a risvegliare i ricordi dell’infanzia siriana, memorie di un mondo degli adulti complesso e contorto, fatto di segreti, tradimenti e passioni. Senza dimenticare le confidenze delle amiche, o i tipici rituali della cultura araba come l’hammàm, e le leggi, i testi sacri, tutto diventa materia di una ricerca che fa del corpo il mezzo e il fine della ricerca stessa. E la protagonista intraprende questo percorso proprio perché si sente figlia orgogliosa di un universo culturale profondamente arabo. Ribalta i luoghi comuni sul rapporto tra sesso e Islam, e ci mostra come nella tradizione araba il piacere sessuale non sia un peccato, bensì una grazia di Dio, un “assaggio”, un’anticipazione dei piaceri che ci attendono in paradiso.
Ordina per
  • 4

    Sesso e Tabù

    "La prova del miele" è considerato un best seller erotico. Molto noto in Occidente, praticamente introvabile nei Paesi arabi. Salwa Al-Neimi è una poetessa e scrittrice siriana che vive a Parigi da molti anni. Con "La prova del miele" si è addentrata spavaldamente in una tematica che, soprattutto ...continua

    "La prova del miele" è considerato un best seller erotico. Molto noto in Occidente, praticamente introvabile nei Paesi arabi. Salwa Al-Neimi è una poetessa e scrittrice siriana che vive a Parigi da molti anni. Con "La prova del miele" si è addentrata spavaldamente in una tematica che, soprattutto per la cultura islamica, è tra i tabù più impenetrabili: il sesso. L'unica voce narrante di questo libro appartiene ad una donna araba, elemento nient'affatto trascurabile...

    Continua qui: http://www.lankelot.eu/letteratura/al-neimi-salwa-la-prova-del-miele.html

    ha scritto il 

  • 0

    Può sembrare dalla copertina un libro osè ma non lo è tanto, è solo..insinuante.Vi sono racchiuse le riflessioni sulla propria libertà d'amare, attraverso l'accenno ad un incontro, quello con il Pensatore. Egli le ha aperto un mondo, le ha donato uno sguardo nuovo per guardare fuori e dentro di s ...continua

    Può sembrare dalla copertina un libro osè ma non lo è tanto, è solo..insinuante.Vi sono racchiuse le riflessioni sulla propria libertà d'amare, attraverso l'accenno ad un incontro, quello con il Pensatore. Egli le ha aperto un mondo, le ha donato uno sguardo nuovo per guardare fuori e dentro di sè. Da considerare l'entroterra culturale: l'autrice è siriana e fa capire che c'è un vivere nascosto del corpo, ma non meno sensuale, non meno naturale e soddisfacente, anche nei paesi arabi. Non meno libero, a volte. E' un piccolo libro, molto poteva essere scritto e sarebbe diventato un saggio. Oltre al rimpianto per il Pensatore, bella la frase con cui lo chiude: " Lo scandalo stava nel segreto. Ma il segreto non è più un segreto." Attuale direi, no?

    ha scritto il 

  • 1

    Orrore!

    Trovo difficile commentare questo libro, perché non capisco come l'autrice abbia potuto scriverlo e qualcuno persino pubblicarglielo e tradurlo in altre lingue. La prova del miele è una dissertazione in chiave pseudo-autobiografica sul sesso e sul potere della letteratura erotica, in parti ...continua

    Trovo difficile commentare questo libro, perché non capisco come l'autrice abbia potuto scriverlo e qualcuno persino pubblicarglielo e tradurlo in altre lingue. La prova del miele è una dissertazione in chiave pseudo-autobiografica sul sesso e sul potere della letteratura erotica, in particolare in lingua araba. La narratrice e protagonista, che rimane anonima ed incolore fino alla fine, viene incaricata dal responsabile del suo dipartimento universitario di scrivere un saggio sui testi erotici arabi, e questo studio diventa il pretesto per parlare della sua storia, dei suoi incontri e del fascino di un uomo in particolare, il Pensatore. Si alternano una serie di ovvietà e considerazioni senza spessore, dalla poligamia femminile al fascino delle parole nel sesso, dall'adulterio al bacio, al Viagra e a molto altro. Non si capisce dove l'autrice voglia andare a parare, né cosa voglia davvero raccontare. Mi dispiace soltanto aver perso tempo prezioso nella lettura di questo orrore, ennesima incomprensibile operazione di marketing a tavolino.

    La mia recensione completa su http://librisucculenti.blogspot.it/2013/08/la-prova-del-miele-anno-ii-lettura-69.html

    ha scritto il 

  • 4

    Non è poi male, questo romanzo “erotico” mediorientale. L’io narrante (si tratta della stessa autrice?) racconta il suo noviziato sessuale, la scoperta, prima ancora che del sesso, di ciò che del sesso dicono i grandi scrittori e anche i mistici arabi e mediorientali. Sorpresa: la cultura araba, ...continua

    Non è poi male, questo romanzo “erotico” mediorientale. L’io narrante (si tratta della stessa autrice?) racconta il suo noviziato sessuale, la scoperta, prima ancora che del sesso, di ciò che del sesso dicono i grandi scrittori e anche i mistici arabi e mediorientali. Sorpresa: la cultura araba, quella storica almeno, non è poi così sessuofobica come si crederebbe comunemente. Tanto è vero che la protagonista, sulla scorta di cotanta teoria, riesce persino ad impadonirsi di un proprio senso di libertà sessuale che si fa quasi libertinaggio, arrivando anche a pronunciare accenti ironico-sarcastici sulle donne che vedono la fine del mondo (o almeno del loro mondo) nel tradimento del loro uomo.

    Peccato solo che nelle pagine di questo libro, peraltro scritto benissimo (e non è una sorpresa, di solito gli autori arabi - che scrivano nella loro lingua, come è questo il caso, sia che scrivano in francese o in italiano - hanno una memorabile padronanza della sintassi e dell’espressione linguistica) di erotismo agito e descritto ce ne sia proprio pochino. Sarebbe stato bello che al discorso “sull’”erotismo si accompagnasse un discorso propriamente erotico. O almeno ampie citazioni puntuali di questi classici dell’erotismo spesso richiamati a margine.

    ha scritto il 

  • 3

    La prova del miele: sesso e corpo di una donna araba, sulle orme della tradizione erotica dell'Islam

    Approfittando degli sconti in corso Feltrinelli ho preso due libricini su cui avevo messo gli occhi da tempo, entrambi di Salwa Al-Neimi, scrittrice e poetessa siriana. I due testi sono "La prova del miele" e "Il libro dei segreti".
    Entrambi sollevano il "velo" ai pregiudizi occidentali e all'ipo ...continua

    Approfittando degli sconti in corso Feltrinelli ho preso due libricini su cui avevo messo gli occhi da tempo, entrambi di Salwa Al-Neimi, scrittrice e poetessa siriana. I due testi sono "La prova del miele" e "Il libro dei segreti". Entrambi sollevano il "velo" ai pregiudizi occidentali e all'ipocrisia del dogmatismo islamico, sulla donna, la sua sessualità e il mondo fittissimo di relazioni, amori clandestini, e sul sesso nella società araba di ieri e oggi.

    [Continua qui -> http://ditadinchiostro.blogspot.it/2013/01/la-prova-del-miele-sesso-e-corpo-di-una.html]

    ha scritto il 

  • 4

    Viene presentato come libro di erotismo e carnalità. Vero. Ma credo sia anche un libro sulla confusione che si fa, a chiamare "amore" il sesso e, talvolta, il contrario. "La prova della dolcezza del miele è il miele stesso". Bello.

    ha scritto il 

  • 2

    Araba e colta, la protagonista è una scrittrice nata e cresciuta a Damasco, poi trasferitasi a Parigi dove lavora all’università e si occupa della biblioteca del dipartimento di Arabistica. Nella sua vita c’è stato un uomo fondamentale, un uomo che le ha aperto un mondo prima sconosciuto, erotico ...continua

    Araba e colta, la protagonista è una scrittrice nata e cresciuta a Damasco, poi trasferitasi a Parigi dove lavora all’università e si occupa della biblioteca del dipartimento di Arabistica. Nella sua vita c’è stato un uomo fondamentale, un uomo che le ha aperto un mondo prima sconosciuto, erotico, carnale, pornografico. La passione per il corpo diventa passione per la parola: clandestine, come i suoi incontri amorosi, sono le letture rapinose dei testi di letteratura erotica araba antica. Il Corano stesso si rivela un trattato sul piacere sessuale e perfino le famigerate fatwàt assumono un’ambiguità che sembra lasciare spazio al piacere. I ricordi dell’infanzia siriana, le memorie di un mondo degli adulti complesso e contorto, fatto di segreti, tradimenti e passioni, le chiacchiere femminili negli hammam, le confidenze delle amiche, tutto diventa materia di una ricerca dentro il mistero fascinoso della carne, di una via della conoscenza che fa appunto del corpo e non dello spirito il mezzo e il fine della ricerca stessa. E Salwa al-Neimi – o la protagonista – intraprende questo percorso proprio perché si sente figlia orgogliosa di un universo culturale profondamente arabo. Ribalta i luoghi comuni sul rapporto tra sesso e Islam, e mostra come nella tradizione araba il piacere sessuale non sia un peccato ma una grazia di Dio, un “assaggio”, un “memento” dei piaceri che ci attendono in paradiso.

    ha scritto il 

  • 2

    "Storie di passioni, storie di sesso nel mondo arabo raccontate da una bibliotecaria siriana trasferitasi a Parigi, bramosa del sapere, dell'essere a conoscenza di tutte le esperienze erotiche e clandestine dei personaggi che qui si susseguono."io l'ho trovato molto indeciso,bah.... forse dovrò r ...continua

    "Storie di passioni, storie di sesso nel mondo arabo raccontate da una bibliotecaria siriana trasferitasi a Parigi, bramosa del sapere, dell'essere a conoscenza di tutte le esperienze erotiche e clandestine dei personaggi che qui si susseguono."io l'ho trovato molto indeciso,bah.... forse dovrò rileggerlo?

    ha scritto il 

  • 2

    Ronf. La cosa più fastidiosa dei libri erotici (che poi, nonostante le chiappe in copertina, questo libro non lo è per niente) è che pretendono sempre di insegnarti quale sia LA verità (erotica). Mi interessava conoscere qualcosa di più della cultura araba e del suo rapporto con la sessualità (ch ...continua

    Ronf. La cosa più fastidiosa dei libri erotici (che poi, nonostante le chiappe in copertina, questo libro non lo è per niente) è che pretendono sempre di insegnarti quale sia LA verità (erotica). Mi interessava conoscere qualcosa di più della cultura araba e del suo rapporto con la sessualità (che sospetto essere meno fondamentalista di quanto sembri) e ho saputo qualcosa di troppo sulle fisime della protagonista. Un libro irrilevante.

    ha scritto il 

Ordina per