La puttana del tedesco

Voto medio di 118
| 51 contributi totali di cui 40 recensioni , 10 citazioni , 0 immagini , 1 nota , 0 video
Settembre 1943, Abruzzo centrale, conca di Sulmona. Ada è una giovane vedovaprovata dalla vita, con due figli piccoli. Da quando ha perso il marito si èadattata a fare ogni lavoro, rinunciando completamente a se stessa. È peròfiera e orgogliosa, ... Continua
Ha scritto il 04/11/14
E'un romanzo interessante che mi ha fatto concoscere alcuni aspetti dell'Abruzzo, terra per me piuttosto sconosciuta e alcuni eventi della Seconda Guerra Mondiale (l'invasione dei tedeschi prima, l'arrivo degli Alleati poi) che si sono svolte nei ..." Continua...
  • 1 mi piace
  • Rispondi
Ha scritto il 03/01/14
Di questo romanzo avevo sentito parlare da un'anobiana e mi ha molto incuriosita; mi aspettavo però una storia più tormentata, più complicata, invece l'ho trovata piuttosto banale e prevedibile. Fino a un po' più di metà libro si resta un po' ..." Continua...
  • 1 mi piace
  • Rispondi
Ha scritto il 08/11/13
Romanzo semisconosciuto, e del quale sono arrivata a conoscenza per puro caso. Come già detto da molti: va bene la storia d'amore proibita ambientata in Italia, nella Seconda Guerra Mondiale (un cliché abbastanza comune, nella fattispecie parliamo ..." Continua...
  • Rispondi
Ha scritto il 31/07/13
Un libro scoperto tempo fa leggendo un'intervista all'autore, passato piuttosto inosservato, alla sua pubblicazione, ma che invece, secondo me, è una piccola perla.Una tenera storia d'amore, nata per caso, in mezzo alle brutture e alle sofferenze ..." Continua...
  • 3 mi piace
  • 1 commento
  • Rispondi
Ha scritto il 13/01/13
Ben scritto, ma prevedibile
Storia d'amore decisamente ben scritta, con riflessioni anche notevoli a tratti. Discreto l'inquadramento storico. Le note dolenti stanno in una storia abbastanza prevedibile, senza veri guizzi di imprevedibilità, che poche volte mantiene incollato ..." Continua...
  • Rispondi

Ha scritto il Oct 24, 2011, 20:06
L'amore è fatto di parole esagerate, o non ha voce. E' fatto di sbagli, o non è fatto di niente.
Pag. 132
  • 1 commento
  • Rispondi
Ha scritto il Oct 24, 2011, 20:05
Non la spaventava immaginare la parola -puttana- con cui sarebba stata chiamata questa sua condizione di piccola e vietata felicità. Non era che un grumo di gioia in mezzo al dolore e allo sconvolgimento della vita, portati dalla morte e dalla ... Continua...
Pag. 129
  • Rispondi
Ha scritto il Oct 24, 2011, 20:02
(...) c'è sempre una frase che svela l'avvenire, che se n'esce per sbaglio, rompendo un guscio di silenzio, per mostrare la strada su cui ci si è già incamminati, senza essersene accorti (..)
Pag. 18
  • Rispondi
Ha scritto il Oct 24, 2011, 20:00
I ricordi non si fanno cacciare via per sempre. Si ribellano a volte e tornano nei sogni, dove il tempo si arrende a se stesso, ritirandosi.
Pag. 8
  • Rispondi
Ha scritto il Dec 15, 2008, 21:13
Helm s'impadronì dell'aggettivo, la guardò negli occhi, e sorrise all'improvviso, dicendo: "Troppo bellissimo sì". Ada capì e arrossì.Helm non stava parlando del suo paese con quel nome impossibile. Aveva pronunciato parole dirette a lei. Si ... Continua...
Pag. 94
  • 1 commento
  • Rispondi

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

Ha scritto il Apr 26, 2016, 10:19
853.92
DAL 11237
Letteratura Italiana
  • Rispondi

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi