La quasi luna

Voto medio di 571
| 90 contributi totali di cui 84 recensioni , 6 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Fin dalle prime pagine il lettore è coinvolto in una situazione drammatica: una giovane donna, accorsa a casa della madre malata per assisterla, la uccide con un gesto in cui si mescolano pietà, insostenibilità per la sofferenza della madre, ... Continua
Ha scritto il 22/06/17
Seppur molto intenso non mi ha colpita appieno. La scrittura è molto ricca e ti permette sul serio di addentrarti nella psicologia del personaggio e riesci quasi a comprenderla. Ho preferito di gran lunga i flashback alla storia corrente, di un ..." Continua...
Ha scritto il 15/06/15
ammazzare la madre non sempre resta una fase psicologica del percorso in psicoanalisi
a volte la madre si ammazza davvero, senza sapere bene perchè si è scelto proprio quel momento per far scattare la molla, una molla tesa per anni, che tale è rimasta finchè un piccolo dettaglio non l'ha fatta scattare e da questo atto ..." Continua...
  • 1 mi piace
Ha scritto il 04/05/15
Di questa scrittrice ho letto tutti e tre i libri e con vero rammarico devo dire che questo è stato quello che meno mi è piaciuto, forse per l'argomento trattato, forse per la descrizione della storia ... non sembrava la Sebold che conoscevo ... ..." Continua...
Ha scritto il 19/09/13
Angosciante, avvilente, triste.
Bisognerebbe leggerlo in un periodo particolarmente sereno della propria vita, o farne decisamente a meno.
Ha scritto il 27/07/13
SPOILER ALERT
Un romanzo psicologico duro ed angosciante, quasi claustrofobico. La storia inizia con la scena traumatica dell'omicidio di una anziana signora da parte della figlia. Segue il racconto delle ventiquattro ore che seguono l'omicidio, durante le quali ..." Continua...

Ha scritto il Nov 22, 2011, 18:36
Quello di giudicare Natalie come faceva mia madre con me, avrei voluti dirgli, era solo il mio modo a cavolo di dimostrarle il mio affetto. Avevo tentato di tradurre quel linguaggio da quando ero nata e adesso mi rendevo conto che lo parlavo ... Continua...
Pag. 88
Ha scritto il Aug 19, 2011, 11:50
Prima che stendesse l'ultima coperta, vidi mio padre sporgersi a darle un bacio. Sapevo che era in quei momenti che l'amava di più: quando lei era distrutta e inerme, quando restava senza il suo guscio duro e tutto il suo astio e il suo gelo non ... Continua...
Pag. 142
Ha scritto il Aug 19, 2011, 11:48
Mentre infilavo la chiave nella serratura, mi è comparso davanti il mio epitaffio: VISSE UNA VITA ALTRUI.
Pag. 100
Ha scritto il Aug 19, 2011, 11:47
"Penso sempre a quanta vita c'è in un cimitero" disse mio padre. "Erba e fiori crescono meglio qui che in qualunque altro posto".
Pag. 93
Ha scritto il Aug 19, 2011, 11:46
Quello di giudicare Nathalie come faceva mia madre con me, avrei voluto dirgli, era solo il mio modo a cavolo di dimostrarle il mio affetto. Avevo tentato di tradurre quel linguaggio da quando ero nata e adesso mi rendevo conto che lo parlavo ... Continua...
Pag. 88

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi