Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La ragazza delle arance

Di

Editore: Longanesi

3.9
(3116)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 193 | Formato: eBook | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Olandese

Isbn-10: 8830428582 | Isbn-13: 9788830428584 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , Copertina rigida

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Philosophy

Ti piace La ragazza delle arance?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    "Non è il mondo una grande favola travolgente?"

    La nostra storia si svolge nell’incantevole atmosfera di un freddo inverno norvegese; è qui che George, quindici anni, intraprende una lettura che gli cambierà la vita e lo farà diventare adulto. “M ...continua

    La nostra storia si svolge nell’incantevole atmosfera di un freddo inverno norvegese; è qui che George, quindici anni, intraprende una lettura che gli cambierà la vita e lo farà diventare adulto. “Mio padre morì undici anni fa’”, inizia così , La ragazza delle arance, in modo diretto, senza giri di parole, “quando se ne andò io avevo solo quattro anni”. Solo ora, undici anni dopo, la nonna del ragazzo, frugando in cantina, trova una busta, indirizzata a lui da parte di suo padre, Jan. Si, avete capito bene, “una lettere per il futuro” che il padre di George scrisse affinché suo figlio la leggesse una volta diventato abbastanza grande per capire. E ora George, chiuso in camera, si ritrova con questi fogli in mano, parole di un uomo che gli è tanto vicino ma che allo stesso tempo gli è completamente estraneo e di cui ha pochi ricordi sfocati. La storia contenuta nella lettera è quella della ragazza delle arance, bella, misteriosa, sfuggente. Una donna che gira per le strade della città con una busta piena di arance, un’artista dagli occhi diversi, occhi che danzano una danza inquieta, una donna che, con le sue risposte vaghe, non si lascia scoprire e lo tiene sempre sul filo del rasoio. Nasce così una grande storia d’amore, un amore diverso, profondo, tenero ma mai stucchevole. Questa lunga lettera, questa incantevole storia si trasforma nell’unico modo che un padre ha per farsi conoscere da suo figlio, perché “Il tempo, George, cos’è il tempo?”, il tempo è qualcosa che per Jan non è stato sufficiente, e un occasione importante per riflettere sul significato della vita, della morte, dell’amore. “ Non è il mondo una grande favola travolgente?” Vale la pena vivere questa grande favola se prima o poi bisognerà lasciarla? “Qual è il valore di uomo? Siamo solamente polvere?” ,Chi siamo e da dove veniamo? Che senso ha tutto questo?

    E la morte?

    La morte…

    E il dolore?

    Il dolore…

    “Cos’è che non capisci , Jan Olav?”

    “Le regole, non capisco le regole.”

    Sono queste e molte altre le domande che George si trova davanti agli occhi.Leggere questo libro è come camminare sulla sottilissima linea che divide il passato dal presente, la vita dalla morte, la disperazione dalla gioia più pura. Due voci che si intrecciamo per diventarne una sola. Gaarder come sempre non ci lascia indifferenti, ci fa riflettere, ci pone quesiti ai quali nessuno può sfuggire. Un libro meraviglioso, un inno alla vita, a cogliere ogni minuto, perché la nostra presenza in questo mondo meraviglioso è sicuramente un mistero ma è anche e soprattutto un dono.

    https://uraganoelettrico.wordpress.com/2013/12/19/la-ragazza-delle-arance-jostein-gaarder/

    ha scritto il 

  • 5

    Senza dubbio questo romanzo rientra tra i più belli che abbia mai letto. Un padre che non c'è più e che ha lasciato al figlio un racconto che vuole insegnare l'amore per la vita. Triste e commovente i ...continua

    Senza dubbio questo romanzo rientra tra i più belli che abbia mai letto. Un padre che non c'è più e che ha lasciato al figlio un racconto che vuole insegnare l'amore per la vita. Triste e commovente il modo in cui racconta, consapevole del fatto che la stessa vita lo strapperà a suo figlio, che si perderà dei momenti importanti con lui. Fa riflettere, fa sorridere , fa commuovere.... Un romanzo da rileggere ogni tanto.... Bellissimo."Non venirmi a dire che la natura non è meraviglia. Non venire a dirmi che il mondo non è una favola. Coloro che non l'hanno capito forse ci arriveranno quando la favola starà per finire. In quel momento viene data l'ultima occasione per togliersi i paraocchi e un'ultima opportunità di sfregarsi gli occhi dallo sbigottimento, un'altra possibilità di abbandonarsi a questa meraviglia alla quale si sta per dire addio e che si sta per lasciare".

    ha scritto il 

  • 4

    Una lettera d'amore alla vita

    Questo libro è un intero lungo capitolo, ma è anche un libro in un libro. Sì perché non è Gaarder che scrive, o almeno così vuole farci credere l'autore. Questo lungo racconto è scritto a 4 mani da un ...continua

    Questo libro è un intero lungo capitolo, ma è anche un libro in un libro. Sì perché non è Gaarder che scrive, o almeno così vuole farci credere l'autore. Questo lungo racconto è scritto a 4 mani da un ragazzino di 15 anni e dal suo papà. Morto. Molti anni prima.
    Dopo aver perso alcune persone molto care ho imparato ad avere un rapporto molto sereno nei confronti della morte, ho, piano piano, imparato a continuare a voler bene a queste persone e a farmi forza dell'amore che, in vita, loro hanno riversato su di me. Questo libro mi è piaciuto perché nonostante Georg abbia perso il suo papà a soli 4 anni e di lui ricordi solo quello che gli suggeriscono le foto e i filmati videoregistrati, quest'uomo riesce a trovare il modo di entrare nella vita di suo figlio per farsi conoscere in profondità e per farlo vivere alimentato da quell'amore che lui provava non solo nei confronti del suo piccolo ma della vita in generale.
    In punto di morte, soprattutto dopo una lunga malattia, tanti si innamorano delle piccole cose, ma lui era un uomo speciale prima di ammalarsi, guardava il mondo con occhi diversi.
    Questo libro è un racconto. Sì, ma è soprattutto una lettera d'amore nei confronti di una donna, di un bambino e della vita.

    ha scritto il 

  • 5

    Senza esagerare, credo sia uno dei libri più belli che abbia mai letto.
    Sicuramente rientra nella Top Five, su questo non ci piove.
    Una storia d'amore, ma non di quelle dei romanzetti rosa per ragazzi ...continua

    Senza esagerare, credo sia uno dei libri più belli che abbia mai letto.
    Sicuramente rientra nella Top Five, su questo non ci piove.
    Una storia d'amore, ma non di quelle dei romanzetti rosa per ragazzine adolescenti. L'amore di un padre che non c'è più e che, nella consapevolezza di perdersi i momenti più belli della futura vita del proprio figlio, decide di scrivere per lui un racconto, un racconto sulla "Ragazza delle Arance" così da potergli almeno insegnare la cosa più importante al mondo. L'amore per la vita.

    ha scritto il 

  • 2

    "In comune i giornalisti ed i genitori hanno il fatto di essere curiosi allo stesso modo. E in comune i politici ed i figli hanno il fatto che a loro vengono sempre poste domande delicate alle quali non è sempre facile rispondere."

    http://therestlessreadersroom.blogspot.it/2015/06/recensione-la-ragazza-delle-arance-di.html

    ha scritto il 

  • 4

    “Coloro che non sanno vivere ora non vivranno mai. Tu cosa fai?”

    Quando un genitore sente che la sua vita è giunta al termine, ciò che desidera maggiormente è poter parlare un’ultima volta con i suoi figli, poter dire loro tutto ciò che si è sempre tenuto dentro, r ...continua

    Quando un genitore sente che la sua vita è giunta al termine, ciò che desidera maggiormente è poter parlare un’ultima volta con i suoi figli, poter dire loro tutto ciò che si è sempre tenuto dentro, raccontare loro della sua vita, dei suoi sogni irrealizzati, dei suoi rimorsi, dei suoi rimpianti.
    C’ è chi ha il tempo necessario per farlo e lascia così una sorta di “eredità” ai propri figli, c’è chi purtroppo non ne ha e quello che lascia nel cuore dei figli è solo rimpianto per non aver detto ciò che si avrebbe voluto dire o sentirsi dire ciò che si sarebbe voluto sentire.
    Georg è un ragazzo in questo senso fortunato, ha potuto avere un ultimo contatto con suo padre prima di morire, ha potuto conoscere i suoi ultimi pensieri, ha potuto ascoltare le sue ultime parole.
    Suo padre è morto quando lui aveva poco più di quattro anni. Ora, a distanza di dieci anni, trova nascosta una vecchia lettera che suo padre gli scrisse poco tempo prima di morire.
    In quell’ultima, lunghissima e bellissima lettera c’è tutta la vita di un uomo che sa che il suo percorso di vita è ormai giunto al termine, di un uomo che ha amato una sola donna nella sua vita, la ragazza delle arance, la mamma di Georg, un uomo distrutto dal dolore al pensiero di lasciarli per sempre, di non poter vivere la vecchiaia accanto al suo amore, di non poter veder crescere suo figlio.
    E’ una lunga lettera, lunga e piena di interrogativi sul senso della vita ai quali il giovane George dovrà cercare di dare una risposta nel proseguo della sua vita.
    Romanzo adolescenziale, ma dolcissimo, tenero, malinconico e struggente. Un’esortazione a vivere la vita, a seguire il cuore in tutto ciò che si fa, a vivere senza rimpianti.
    Un libro che ti fa comprendere come molte delle scelte che decidiamo di compiere su questa terra lasceranno poi indelebilmente un segno nelle persone che ci sono state accanto.
    Una storia di profondo amore, di rimpianti per il tempo che non ci è stato dato di vivere…Jostein Gaarder si rivela ancora una volta “uno scrittore dell’anima”.
    Un piccolo capolavoro che mi ha commossa molto, un meraviglioso inno alla vita…leggetelo, leggetelo e ancora leggetelo.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    Ancora una volta Gaarder ci racconta di come ogni essere vivente sia il fortunato vincitore nella lotteria dela vita, e ancora una volta per farlo sceglie la bocca di un padre che lontan nello spazio ...continua

    Ancora una volta Gaarder ci racconta di come ogni essere vivente sia il fortunato vincitore nella lotteria dela vita, e ancora una volta per farlo sceglie la bocca di un padre che lontan nello spazio e nel tempo parla di se e della sua storia all`amato figlio.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per
Ordina per