Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La ragazza delle arance

Di

Editore: RL Libri

3.9
(3057)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 193 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Olandese

Isbn-10: 8846208552 | Isbn-13: 9788846208552 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Lucia Barni

Disponibile anche come: Paperback , eBook

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Philosophy

Ti piace La ragazza delle arance?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Georg Røed ha quindici anni e conduce una vita tranquilla, come la maggiorparte dei suoi coetanei. Ma un giorno trova una lettera che suo padre gliaveva scritto prima di morire e che aveva poi nascosto, affinché il figlio lapotesse trovare una volta grande. In questa lettera il padre, Jan Olav,racconta la storia della "ragazza delle arance", una giovane con un sacchetto di arance incontrata un giorno per caso su un tram di Oslo e subito persa. PerJan è un colpo di fulmine. Georg si appassiona a questo racconto, che siaccorge riguardarlo molto da vicino e che pian piano gli svela ciò che èaccaduto prima della sua nascita; un racconto attraverso il quale la voce delpadre lo raggiunge da lontano facendolo riflettere sul senso della vita.
Ordina per
  • 0

    Appunti

    A pag 29: brutto perchè cerca di pensare come un ragazzo di 15 anni e direi che non ci riesca.

    Commovente alla fine, quando la scrittura cambia, sottolineando come il ragazzo diventa uomo. ...continua

    A pag 29: brutto perchè cerca di pensare come un ragazzo di 15 anni e direi che non ci riesca.

    Commovente alla fine, quando la scrittura cambia, sottolineando come il ragazzo diventa uomo.

    ha scritto il 

  • 3

    La vita è una lotteria gigante dove si vedono solo i biglietti vincenti. Tu che stai leggendo sei uno di questi biglietti.

    Questo romanzo nordico non è male, ma non è del tutto convincente. Lucky you!

    ha scritto il 

  • 4

    Un piacevole romanzetto. Mi dispiace aver letto diversi commenti negativi per questo libro: trovo invece che sia molto delicato perché temi come la separazione, la morte sono spiegati e metabolizzati ...continua

    Un piacevole romanzetto. Mi dispiace aver letto diversi commenti negativi per questo libro: trovo invece che sia molto delicato perché temi come la separazione, la morte sono spiegati e metabolizzati attraverso gli occhi di un ragazzo adolescente per mezzo di una fiaba.
    Il papà malato terminale decide di lasciargli una lettera. Una lettera per il futuro e la nasconde nel passeggino.
    Dopo almeno undici anni la nonna la ritrova e la consegna al destinatario: al suo migliore amico (il figlio appunto).
    Inizia così la narrazione della fiaba. Un racconto di magia ma soprattutto d'amore.
    Semplice ma efficace, dolce ma crudele.

    ha scritto il 

  • 2

    Forse non era il momento giusto per leggerlo, non so, ma non mi ha entusiasmato.. L'ho trovato lento, ripetitivo e anche un po' prevedibile. Libro che si è lasciato leggere ma a fatica con continue di ...continua

    Forse non era il momento giusto per leggerlo, non so, ma non mi ha entusiasmato.. L'ho trovato lento, ripetitivo e anche un po' prevedibile. Libro che si è lasciato leggere ma a fatica con continue distrazioni..

    ha scritto il 

  • 3

    A forza di nominare questa "ragazza con le arance" mi aveva proprio stufato e l’ho abbandonato. Forse non era il momento giusto.. Oggi l’ho ripreso in mano e in un soffio l’ho finito, e alla fine non ...continua

    A forza di nominare questa "ragazza con le arance" mi aveva proprio stufato e l’ho abbandonato. Forse non era il momento giusto.. Oggi l’ho ripreso in mano e in un soffio l’ho finito, e alla fine non mi è dispiaiuto. Accidenti quanto influiscono i nostri stati d’animo anche nelle letture..
    Una frase che mi è piaciuta: "Non possiamo possedere l'uno il passato dell'altra, Jan Olav. La questione è se avremo un futuro insieme”
    comunque, per me 3 stelline e non di più!

    scritto il 15 giu 2009

    ha scritto il 

  • 3

    Una storia d'amore. Una storia d'amore raccontata tramite una lettera, molto dolce. Una lettura molto piacevole che fa tanto riflettere sulla precarietà della vita, un invito a vivere e godere giorno ...continua

    Una storia d'amore. Una storia d'amore raccontata tramite una lettera, molto dolce. Una lettura molto piacevole che fa tanto riflettere sulla precarietà della vita, un invito a vivere e godere giorno per giorno. Forse risulta un pò banale, già dalle prime pagine si può intuire l'identità della Ragazza delle Arance, resta comunque una lettura interessante.

    ha scritto il 

  • 3

    la storia mi è piaciuta abbastanza, lettura non troppo pesante ne troppo impegnativa. Ogni tanto l'autore si dilunga in descrizioni non necessarie e inutili al fine della storia, e ci sono un pò tropp ...continua

    la storia mi è piaciuta abbastanza, lettura non troppo pesante ne troppo impegnativa. Ogni tanto l'autore si dilunga in descrizioni non necessarie e inutili al fine della storia, e ci sono un pò troppe ripetizioni anch'esse assolutamente inutili, la parte finale poi si poteva sfoltire di molto, pare abbia tirato un pò la cosa per i capelli per allungare il libro. Tutto sommato però nel complesso si lascia leggere bene, non è certo il suo scritto migliore, tutto il gran mistero promesso all'inizio si scopre non essere poi così grande e neanche così mistero, però la domanda posta nella parte finale un pochino fa pensare, anche se comunque credo che, il 99% di noi, risponderebbe esattamente ciò che ha risposto il protagonista.

    ha scritto il 

  • 2

    Non sono abbastanza emotiva per apprezzare libri di questo genere.
    La storia da un punto di vista meramente "sentimentale" potrebbe risultare carina, ma io l'ho trovata banale e prevedibile.
    Non mi ha ...continua

    Non sono abbastanza emotiva per apprezzare libri di questo genere.
    La storia da un punto di vista meramente "sentimentale" potrebbe risultare carina, ma io l'ho trovata banale e prevedibile.
    Non mi ha preso.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per
Ordina per