Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La ragazza dello Sputnik

Di

Editore: Einaudi

3.9
(4953)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 236 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi semplificata , Chi tradizionale , Spagnolo , Giapponese , Francese , Russo , Portoghese , Tedesco , Catalano , Finlandese , Olandese , Lettone , Polacco , Sloveno , Svedese

Isbn-10: 8806175009 | Isbn-13: 9788806175009 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Giorgio Amitrano

Disponibile anche come: eBook

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Gay & Lesbian

Ti piace La ragazza dello Sputnik?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
La storia ce la racconta un giovane senza nome, prima studente, poi maestro elementare. È innamorato di una sua coetanea, Sumire, una ragazza con il mito di Kerouac e della generazione beat. Sumire però non lo ricambia: lo accetta come amico e confidente, ma niente sesso. Lei è invece innamorata di un'altra donna: Myu, una bellissima imprenditrice quarantenne di origine coreana. Solo che anche Myu, pur attratta da Sumire, non vuole concretizzare in amore il loro sentimento. Non vuole o non può: c'è qualcosa di misterioso nel suo passato che le impedisce di amare, che la separa dal mondo. E così i destini dei tre protagonisti si inseguono senza mai congiungersi, vagano nello spazio e nel tempo come un satellite alla deriva.
Ordina per
  • 4

    "In questa vita imperfetta abbiamo bisogno anche di una certa quantità di cose inutili. Se tutte le cose inutili sparissero, sarebbe la fine anche di questa nostra imperfetta esistenza."

    "La ragazza dello Sputnik" è un romanzo delicato, poetico, introspettivo. Ma è anche un romanzo carico di mistero, di inquietudine, di nostalgia. E' la storia di un triangolo amoroso che in realtà è m ...continua

    "La ragazza dello Sputnik" è un romanzo delicato, poetico, introspettivo. Ma è anche un romanzo carico di mistero, di inquietudine, di nostalgia. E' la storia di un triangolo amoroso che in realtà è molto di più. Qui si fondono le due anime di Murakami, quella più ancorata alla realtà e quella che si libra negli immensi spazi della fantasia. In questa storia il tempo sembra fermarsi e noi galleggiamo sospesi e in apnea nell'universo che scaturisce come un fiume impetuoso dalla penna di questo fantastico autore.

    ha scritto il 

  • 2

    Strano! 2 stelle e 1/2

    La prima parte del libro è stata piatta. La seconda parte, invece, con l'introduzione del mistero, mi ha coinvolto di più nella storia, ma mi sono sentita a disagio, quasi fosse un horror. Il finale a ...continua

    La prima parte del libro è stata piatta. La seconda parte, invece, con l'introduzione del mistero, mi ha coinvolto di più nella storia, ma mi sono sentita a disagio, quasi fosse un horror. Il finale aperto mi ha confusa. Forse è dovuto anche al POV del narratore, con cui non riuscivo a connettermi. Avendo letto altro di Murakami, questo è il lavoro che mi è piaciuto meno.

    ha scritto il 

  • 4

    non mi delude mai

    'Capii ancora una volta fino a che punto Sumire fosse per me una persona importante e insostituibile. Con quel suo modo di fare unico, mi teneva legato al mondo. Quando la incontravo e parlavo con lei ...continua

    'Capii ancora una volta fino a che punto Sumire fosse per me una persona importante e insostituibile. Con quel suo modo di fare unico, mi teneva legato al mondo. Quando la incontravo e parlavo con lei, o quando leggevo le cose che scriveva, la mia coscienza silenziosamente si espandeva, e riuscivo a vedere i paesaggi che non avevo mai visto.
    In modo del tutto naturale, i nostri spiriti si completavano'

    ha scritto il 

  • 4

    bello! la traccia è un po' sempre la stessa, ma non importa... è bello, poetico e ti invita a guardarti dentro. in fondo da sempre vorrei dissolvermi come fumo, per vivere un'altra vita in un altro qu ...continua

    bello! la traccia è un po' sempre la stessa, ma non importa... è bello, poetico e ti invita a guardarti dentro. in fondo da sempre vorrei dissolvermi come fumo, per vivere un'altra vita in un altro qui... quel che riconosco a MH è il saperti schiaffeggiare con la più cruda realtà mentre ti culla tra le braccia mesmerizzanti di un sogno.

    ha scritto il 

  • 4

    Un llibre petit que abarca tot el món Murakami. Estava pensant com explicar-lo però aquest cop el millor és mostrar el que narra la contraportada del llibre.
    Com el viatge eternament circular del sat ...continua

    Un llibre petit que abarca tot el món Murakami. Estava pensant com explicar-lo però aquest cop el millor és mostrar el que narra la contraportada del llibre.
    Com el viatge eternament circular del satèl•lit rus Sputnik, però en el context de la gran metròpoli de Tòquio, tres persones es busquen desesperadament intentant trencar la inèrcia de la seva vida solitària. El narrador és un jove professor de primària que està enamorat de Sumire, una noia impulsiva i desordenada, una admiradora de Kerouac amb aspiracions literàries; i Miu és una dona de negocis, disset anys més gran que Sumire, casada, molt rica i molt bonica. Sumire estima Miu com no ha estimat mai cap noi. I Miu li podria correspondre, però un obstacle invisible, un secret esgarrifós, fa que s’allunyi del sexe i potser del món. El meu amor Sputnik és una novel.la d’intriga eròtica, una història d’amor entre lírica i inquietant, que ens endinsa en la inevitable solitud de la condició humana.
    En definitiva, un petit gran llibre, una oportunitat magnifica de conèixer l’autor, el seu estil, el seu univers, en una obra breu però que deixa tot el regust dels seus llibres.

    ha scritto il 

  • 3

    bello è bello. il suo modo di scrivere è senza compromessi, quindi o lo si ama o lo si detesta.
    Quello che invece mi ha lasciato l'amaro in bocca è che dopo una grande partenza e un bello sviluppo, si ...continua

    bello è bello. il suo modo di scrivere è senza compromessi, quindi o lo si ama o lo si detesta.
    Quello che invece mi ha lasciato l'amaro in bocca è che dopo una grande partenza e un bello sviluppo, sia andato a concludere in questo modo criptico e poco incisivo. Peccato, perchè le potenzialità erano infinite.

    ha scritto il 

  • 4

    Cos'altro c'è da aggiungere di ciò che è stato detto in 661 recensioni ? Poesia, leggerezza, surreale, intimità... tante sono le cose scritte che in tutte e 661 c'è da "cliccare" una preferenza. Rende ...continua

    Cos'altro c'è da aggiungere di ciò che è stato detto in 661 recensioni ? Poesia, leggerezza, surreale, intimità... tante sono le cose scritte che in tutte e 661 c'è da "cliccare" una preferenza. Rendendo onore a tutte le 661 recensioni faccio un omaggio anche all'autore. Per sempre con noi

    ha scritto il 

  • 3

    Trovo di nuovo un Murakami lontano.
    Tanto lo adoro quando riesco ad entrare nei meccanismi e nei personaggi dei suoi libri, altrettanto mi indispettisce quando questo non accade. È sempre lui, leggero ...continua

    Trovo di nuovo un Murakami lontano.
    Tanto lo adoro quando riesco ad entrare nei meccanismi e nei personaggi dei suoi libri, altrettanto mi indispettisce quando questo non accade. È sempre lui, leggero, sensibile e allo stesso tempo distaccato...ma anche questa volta ho trovato per tutto il libro un concatenarsi di sensazioni che mi hanno tenuto distante da una comprensione ed un coinvolgimento più profondi. Pace, sotto un altro libro suo :)

    ha scritto il 

  • 4

    Un Murakami come non mi capitava di leggere da un pò... in piccolo tutta la verità e la profondità di romanzi più articolati, come "Kafka sulla spiaggia", "L'uccello che girava le viti del mondo" o "1 ...continua

    Un Murakami come non mi capitava di leggere da un pò... in piccolo tutta la verità e la profondità di romanzi più articolati, come "Kafka sulla spiaggia", "L'uccello che girava le viti del mondo" o "1Q84". I tre personaggi che formano un triangolo in cui nessuno trova completezza, ma che non possono fare a meno uno dell'altro, sono emblematici della solutidine intrinseca di tutti gli uomini. Quello che non troviamo in questo mondo si completa in un mondo parallelo, in cui i personaggi si perdono (o si ritrovano, a seconda dei punti di vista). Come sempre, Murakami diventa specchio per tutti quelli che sondano le profondità della vita umana e, per questo, diventano dei diversi e degli emarginati della società massificatrice.

    ha scritto il 

Ordina per