Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La ragazza dello Sputnik

Di

Editore: Einaudi

3.9
(4769)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 236 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi semplificata , Chi tradizionale , Spagnolo , Giapponese , Francese , Russo , Portoghese , Tedesco , Catalano , Finlandese , Olandese , Lettone , Polacco , Sloveno , Svedese

Isbn-10: 8806175009 | Isbn-13: 9788806175009 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Giorgio Amitrano

Disponibile anche come: eBook

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Gay & Lesbian

Ti piace La ragazza dello Sputnik?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
La storia ce la racconta un giovane senza nome, prima studente, poi maestro elementare. È innamorato di una sua coetanea, Sumire, una ragazza con il mito di Kerouac e della generazione beat. Sumire però non lo ricambia: lo accetta come amico e confidente, ma niente sesso. Lei è invece innamorata di un'altra donna: Myu, una bellissima imprenditrice quarantenne di origine coreana. Solo che anche Myu, pur attratta da Sumire, non vuole concretizzare in amore il loro sentimento. Non vuole o non può: c'è qualcosa di misterioso nel suo passato che le impedisce di amare, che la separa dal mondo. E così i destini dei tre protagonisti si inseguono senza mai congiungersi, vagano nello spazio e nel tempo come un satellite alla deriva.
Ordina per
  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Solitudine.

    “Solitari aggregati di metallo che nelle vuote tenebre del cosmo si incontrano per caso, quasi si sfiorano, quindi si separano per sempre. Senza scambiarsi parole, né promesse.”


    In questa citazione c'è l'intera essenza del libro. I tre protagonisti sono tre entità sole, che entrano ...continua

    “Solitari aggregati di metallo che nelle vuote tenebre del cosmo si incontrano per caso, quasi si sfiorano, quindi si separano per sempre. Senza scambiarsi parole, né promesse.”

    In questa citazione c'è l'intera essenza del libro. I tre protagonisti sono tre entità sole, che entrano in contatto per un breve tempo della loro vita, ma che, alla fin fine, sono destinate ad incontrarsi mai più. Delle orbite, delle meteore, che attraversano la vita di uno e dall'altra e che ne lasciano un segno profondo, tanto da sconvolgere l'animo, stritolarlo e cambiarlo in modo definitivo. Persone come compagni di un viaggio che è destinato a cambiare la vita di chi lo vive, lasciando il segno, ma anche persone come gusci, svuotati da ciò che questo viaggio ha in serbo per loro. Costretti ad andare avanti con la propria vita, subendo le conseguenze di ciò che hanno vissuto.
    Una storia intrigante e particolare, triste e poetica. Una storia che al tempo stesso è reale ed irreale.

    ha scritto il 

  • 4

    “Così continuiamo a vivere la nostra vita, pensai. Segnati da perdite profonde e definitive, derubati delle cose per noi più preziose, trasformati in persone diverse che di sé conservano solo lo strato esterno della pelle; tuttavia, silenziosamente, continuiamo a vivere. Allungando le mani, ri ...continua

    “Così continuiamo a vivere la nostra vita, pensai. Segnati da perdite profonde e definitive, derubati delle cose per noi più preziose, trasformati in persone diverse che di sé conservano solo lo strato esterno della pelle; tuttavia, silenziosamente, continuiamo a vivere. Allungando le mani, riusciamo a prenderci la quantità di tempo che ci è assegnata, e poi la guardiamo mentre indietreggia alle nostre spalle. A volte, nel ripetersi dei gesti quotidiani, sappiamo anche farlo con destrezza.”

    Agli affezionati di Murakami, questo romanzo suonerà come tanti altri.
    Lui mette incessantemente in scena protagonisti che in qualche modo si somigliano, che ci rimandano ad altri incontrati in pagine diverse, uomini e donne spesso soli, alienati, attraverso i quali porta alla luce dei simboli.
    E questi simboli ci parlano, rivelandoci dei significati che conducono alle grandi domande dell’esistenza.
    Qui direi che il tema della solitudine, dell’incomunicabilità tra esseri umani, è molto forte. Ed è ben rappresentato già nel titolo con il richiamo allo Sputnik, il primo satellite artificiale nella storia, in orbita intorno alla terra senza esseri umani a bordo; lo stesso nome, Sputnik, significa contemporaneamente compagno di viaggio oppure satellite ed è perfettamente ciò che ci racconta Murakami.
    La solitudine di tre protagonisti un professore senza nome e due donne Myu e Sumire, che come dei satelliti lanciati nello spazio della vita seguono ciascuno la propria orbita senza intersecarsi mai, seppur in contatto tra loro.
    Ognuno disegna il suo percorso, quasi prigioniero di se stesso e lo scambio, il contatto che nella storia esiste, è sempre sporadico, perché nessuno riesce veramente a far capire all’altro chi è, cosa desidera, faticando a condividere veramente se non la propria storia, almeno il sentimento che la accompagna.
    E’ un bellissimo romanzo sull’incomunicabilità, sulla difficoltà del procedere a fianco gli uni con gli altri, pur nutrendo reciprocamente sentimenti di amore, di stima, di amicizia, ma senza riuscire mai veramente a raggiungersi o riuscire ad ottenere ciò che si desidera, se non mescolando ciò che si vive con ciò che si immagina o si sogna.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    Quando uno viene colpito da un colpo di pistola, sanguina

    Gli elementi sono i soliti: il protagonista senza nome, che non sa cosa fare della sua vita o chi sia veramente; il triangolo amoroso; il viaggio; la sospensione; l'elemento onirico; c'è anche una luna color muffa.
    Se gli ultimi romanzi di Murakami mi avevano conquistata, questo, più vecchi ...continua

    Gli elementi sono i soliti: il protagonista senza nome, che non sa cosa fare della sua vita o chi sia veramente; il triangolo amoroso; il viaggio; la sospensione; l'elemento onirico; c'è anche una luna color muffa.
    Se gli ultimi romanzi di Murakami mi avevano conquistata, questo, più vecchio, mi ha lasciata un po' così. Il protagonista ama Sumire che ama Myu che a causa di un evento incredibile della sua giovinezza non ama (o meglio non può amare) nessuno. Su un'isoletta della Grecia Sumire scompare, lasciando infuocate pagine di manoscritto che aprono immaginari su cosa sia successo.
    Malgrado tutto, ero piuttosto delusa e le ultime pagine le ho lette a fatica: poi BUM, il finale più aperto che ci sia, tutto lasciato alla tua interpretazione.
    Quell'ultima pagina ha meritato la terza stellina da sola.

    ha scritto il 

  • 4

    un pò il finale mi ha spiazzato

    lascia molto (troppo) all'immaginazione. Per il resto come sempre un potere di scrittura immenso. finito praticamente in una giornata. Murakami 4ever.

    ha scritto il 

  • 3

    "Così continuiamo a vivere la nostra vita, pensai. Segnati da perdite profonde e definitive, derubati delle cose per noi più preziose, trasformati in persone diverse che di sé conservano solo lo strato esterno della pelle; tuttavia, silenziosamente, continuiamo a vivere. Allungando le mani, riusc ...continua

    "Così continuiamo a vivere la nostra vita, pensai. Segnati da perdite profonde e definitive, derubati delle cose per noi più preziose, trasformati in persone diverse che di sé conservano solo lo strato esterno della pelle; tuttavia, silenziosamente, continuiamo a vivere. Allungando le mani, riusciamo a prenderci la quantità di tempo che ci è assegnata, e poi la guardiamo mentre indietreggia alle nostre spalle. A volte, nel ripetersi dei gesti quotidiani, sappiamo farlo anche con destrezza.
    Questi pensieri mi lasciarono una sensazione di terribile vuoto."

    ha scritto il 

  • 3

    Murakami per me è sempre una sicurezza. Quando voglio leggere qualcosa di poco impegnativo, qualcosa che coinvolga totalmente, che mi immerga in un mondo a parte, che mi trascini dalla prima all'ultima riga senza però lasciarmi spossata per le troppe energie "intellettuali" mi capita spesso di bu ...continua

    Murakami per me è sempre una sicurezza. Quando voglio leggere qualcosa di poco impegnativo, qualcosa che coinvolga totalmente, che mi immerga in un mondo a parte, che mi trascini dalla prima all'ultima riga senza però lasciarmi spossata per le troppe energie "intellettuali" mi capita spesso di buttarmi fra le sue righe, e devo dire che di solito i suoi romanzi o racconti non deludono le aspettative.
    Anche in questo caso, lo devo ammettere, sotto questo profilo non sono per nulla rimasta delusa. Ho letto più di tre quarti del romanzo in un pomeriggio, bloccata in stazione dallo sciopero dei mezzi, e l'ho letto con tanto piacere: non ho avvertito la minima fatica, la storia mi ha totalmente assorbita, in molti punti mi ha divertita, in qualcuno mi ha commossa. Murakami ha sempre una prosa estremamente piacevole, precisa, molto plastica e vivida; alcuni dei temi trattati (il mito della scrittura, giusto per fare un esempio), poi, li sento anche particolarmente vicini a livello puramente personale: insomma, almeno sulla carta sembra tutto perfetto, o quantomeno sembra che ci siano tutti gli elementi giusti perché questo romanzo si ricavi un posticino fra i romanzi che più amo. E certo non voglio dire che non mi sia piaciuto, per carità, i libri che ho trovato brutti sono ben altri. Eppure questo breve romanzo ha qualche cosa che non riesce a convincermi del tutto.
    Forse è per una sorta di ripetitività di alcuni elementi in ogni romanzo di Murakami (personaggi pieni di disagio, triangoli amorosi, amicizie intrecciate ad amore, problemi sessuali, accadimenti privi di qualsiasi logica), ma in alcuni momenti mi è sembrato di non leggere nulla di innovativo. Insomma, abbiamo una voce narrante di cui non conosciamo nemmeno il nome (in compenso però il buon Murakami ci omaggia di dettagliate descrizioni delle sue erezioni) innamorato di Sumire, ragazza difficile che lo considera solamente un grandissimo amico, ragazza sregolata che non conosce l'amore né il desiderio sessuale. Almeno fino a quando non conosce la bella, affascinante e indipente Myu, ex promessa del pianoforte dedita ora alla compravendita di vino europeo e dotata di una assurda storia che la vede protagonista di eventi surreali. E, ecco, Murakami piazza l'impossibile ed insensato in ogni suo romanzo, ma sembra farlo senza un motivo, a volte in maniera quasi forzata. E se all'inizio la cosa mi poteva stupire e spiazzare, ora, se devo essere sincera, inizio a trovarlo un pochino stancante. O meglio, quello che forse dovrebbe suonare come colpo di scena finisce col risultare, nella sua assurdità, banale e scontato.
    Non so, questo è dei classici romanzi che mi hanno tenuta incollata alle pagine per tutta la (breve) durata della lettura, ma che a distanza di qualche giorno dalla fine non mi hanno lasciato proprio niente.

    ha scritto il 

  • 3

    "Con tutte le persone che vivono su questo pianeta, ed ognuno di noi cerca qualcosa nell'altro, perchè alla fine dobbiamo essere così soli? A che scopo? Forse il pianeta continua a ruotare nutrendosi della solitudine delle persone?"

    ha scritto il 

  • 4

    "Riusciranno ad incontrarsi o si perderanno senza lasciare traccia come lo Sputnik, condannato a vagare nello spazio per sempre?"

    A dire la verità questa volta Murakami, non mi ha conquistata subito, all'inizio ho creduto di avere un déjà vu forse perché ho trovato alcune frasi qua e là che l'autore aveva già usato in altri suoi libri (perdonato) poi ho pensato "noooo, il triangolo no, sarà mica la solita solfa?". E inv ...continua

    A dire la verità questa volta Murakami, non mi ha conquistata subito, all'inizio ho creduto di avere un déjà vu forse perché ho trovato alcune frasi qua e là che l'autore aveva già usato in altri suoi libri (perdonato) poi ho pensato "noooo, il triangolo no, sarà mica la solita solfa?". E invece poi mi sono ritrovata catturata dalle sue profondità che parlano soprattutto di solitudine, di amore, di non amore e, come sempre, dalla prosa di Murakami che non ha tradito nemmeno questa volta.

    Il protagonista narrante, unico lui, ha un' amicizia grande e meravigliosa con Sumire, ma l'ama. L'ama intensamente, teneramente, segretamente; Sa che se glielo confessasse avrebbe per risposta una risata allegra. Anche Sumire nel suo ventiduesimo anno conosce finalmente l'amore che la travolge come un tornado. Un amore straordinario, epocale, ma è per Myu, una donna sposata e di diciassette anni più grande. E Myu chi ama? La risposta è....... Ah no, non avrete mica pensato che vi avrei rivelato il mistero vero?

    Il finale? Qualcosa di chiuso, chiaro e limpido come un cielo sereno e qualcosa di aperto, da interpretare nell'affascinante stile di Murakami.

    ...e ci risiamo, ora cosa si può leggere dopo Murakami?

    ha scritto il 

  • 5

    Inizio sempre a leggere Murakami con molte speranze e parecchi dubbi, finisco sempre la lettura affascinata e un po' triste perché proseguirei ad oltranza a perdermi nei meandri della mente, dei sogni, delle realtà parallele.
    Ogni suo personaggio ha qualcosa di me, forse sarà questo a rende ...continua

    Inizio sempre a leggere Murakami con molte speranze e parecchi dubbi, finisco sempre la lettura affascinata e un po' triste perché proseguirei ad oltranza a perdermi nei meandri della mente, dei sogni, delle realtà parallele.
    Ogni suo personaggio ha qualcosa di me, forse sarà questo a rendermeli tanto cari, non so, comunque mi affeziono sempre.

    ha scritto il 

Ordina per