Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La ragazza nello specchio verde

Di

Editore: Sonzogno

3.2
(41)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 358 | Formato: Tascabile economico

Isbn-10: 8845412504 | Isbn-13: 9788845412509 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: M. Maioli

Disponibile anche come: Altri

Genere: Romance

Ti piace La ragazza nello specchio verde?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Catherine, studiosa d'arte, è appena stata abbandonata dall'adorato marito ma, quando l'architetto John Brigham bussa alla sua porta nella campagna inglese, scocca la scintilla. L'uomo deve sistemare una vecchia villa nella zona e le chiede di valutarne gli antichi arredi. John coglie una sorprendente somiglianza tra Catherine e una donna ritratta nel capolavoro assoluto di Richard Dadd, pittore di epoca vittoriana con cui un suo bisnonno aveva avuto rapporti. Per un bizzarro colpo del destino Dadd è anche l'artista più amato da Catherine...
Ordina per
  • 2

    http://www.readingattiffanys.com/2013/09/recensione-la-ragazza-nello-specchio.html


    Un libro a dire il vero un pò strano. Il titolo mi ha affascinato e devo essere sincera anche la caratteristica che nel libro è dato molto spazio a Richard Dadd, pittore inglese poco conosciuto che trascorse ...continua

    http://www.readingattiffanys.com/2013/09/recensione-la-ragazza-nello-specchio.html

    Un libro a dire il vero un pò strano. Il titolo mi ha affascinato e devo essere sincera anche la caratteristica che nel libro è dato molto spazio a Richard Dadd, pittore inglese poco conosciuto che trascorse molti anni in un manicomio e che era noto per dipingere quadri soprattutto con personaggi fantastici e per dedicarsi in maniera scrupolosa ai minimi dettagli del dipinto. La protagonista Chaterine è sconvolta quando scopre che suo marito è scomparso misteriosamente da un giorno all'altro, o meglio è andata via senza lasciare nessuna traccia di sè, senza motivazioni o scuse come se non ci fosse mai stato. Lei va avanti nella sua vita cercando di farsi una ragione per quello che è accaduto e in suo aiuto compare quasi come per magia John, uomo che porta con sè numerosi segreti e un passato doloroso. Entrambi sembrano essersi trovati e in qualche modo proprio nel momento giusto riescono a compensare per i dolori che hanno dovuto passare. Sembrano legati dal destino, sembrano essere perfetti l'uno per l'altra e inoltre in comune hanno la stessa passione per Dadd e per i suoi dipinti. Ma come mai John trova un'insolita somiglianza tra Catherine e la donna di un dipinto di Dadd? che ci sia un collegamento tra le due donne? Durante il racconto tra la storia di Catherine e John si intervallano pagine dal diario scritto da Dadd nei suoi giorni trascorsi in manicomio e ben presto verso la fine verranno svelati diversi segreti collegati all'arte, al presente, al passato e ovviamente anche ai due protagonisti. Ho fatto fatica a finire il libro perchè ha una narrazione molto lenta e spesso le descrizioni sono prolisse e fanno perdere di vista il tema centrale del racconto. Un libro che devo ammettere non mi ha entusiasmato molto e che di per sè non ha una trama molto coinvolgente.

    ha scritto il 

  • 0

    Una storia d'amore, una celebrazione della vita, un viaggio nelle emozioni, magico, meraviglioso e strano…


    "La conosceva. Era lei la ragazza. Nel vedere il suo viso lo choc fu tale da togliergli il respiro. Osservò la sua espressione, in un attimo sfuggito al controllo, e vi trovò solo dol ...continua

    Una storia d'amore, una celebrazione della vita, un viaggio nelle emozioni, magico, meraviglioso e strano…

    "La conosceva. Era lei la ragazza. Nel vedere il suo viso lo choc fu tale da togliergli il respiro. Osservò la sua espressione, in un attimo sfuggito al controllo, e vi trovò solo dolore, messo a nudo."

    Quella somiglianza, e la desolazione nello sguardo, colpiscono John profondamente, al primo incontro con Catherine. L'ha chiamata lui, o meglio ha chiamato la casa d'aste per cui lei lavora per farsi valutare alcuni arredi antichi. E ora, l'uno di fronte all'altra, fra loro accade qualcosa. È come se, ancor prima di conoscersi, si fossero riconosciuti. Nel dolore, innanzitutto. Perché Catherine ha appena visto la sua vita andare in pezzi, il giorno in cui tornando a casa non ha più trovato suo marito, sparito, volatilizzato, non prima di aver debitamente svuotato gli armadi di tutti i suoi effetti personali. Mentre John vive nel costante rimpianto dell'unica donna mai amata, la moglie scomparsa da oltre dieci anni; più che altro, si limita a sopravvivere, ripiegato su se stesso, con l'arte come unica compagna. Quando poi scoprono di nutrire entrambi una vera passione per l'artista vittoriano Richard Dadd, conosciuto come il folle pittore delle fate – Catherine gli ha pure dedicato un saggio di grande successo -, il loro diventa un puro incontro di destini, una comunione d'anime. Ed è proprio Dadd il filo invisibile che li lega: lui che nel suo quadro più famoso ha ritratto – riflessa in uno specchio – una ragazza identica a Catherine e il cui diario allucinato dal manicomio dove trascorse gran parte della vita fa da contrappunto ai loro incontri sempre più frequenti. John e Catherine si concedono poco per volta (e forse John non si concede del tutto), si affidano reciprocamente ricordi e ferite; poi, finalmente disarmati, si innamorano come mai prima. E – nello stesso modo in cui Dadd vedeva altri mondi, altre realtà affollate da gnomi, folletti, fate e libellule – vivono a loro volta una specie di incantesimo, colmando l'una i vuoti dell'altro, riscoprendo luci, ali e battiti, e un mondo vibrante di gioia e colori. Insieme, imparano la differenza tra vivere ed esistere. Così, anche quando qualcosa di non detto – segreti di famiglia, misteriosi legami che uniscono il passato e il presente, l'arte e il destino – si insinua fra loro, minaccioso come una crepa nel muro, ciò che ormai li lega sopravvive per sempre, come la magia di un bel quadro. Sapiente fusione di arte, sentimenti e mistero, La ragazza nello specchio verde è un viaggio nelle emozioni, tra sogni e sfide, gioia e dolore, in una grande celebrazione della vita.

    ha scritto il