Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La regina dei castelli di carta

Di

Editore: Marsillo

4.2
(14960)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: eBook | In altre lingue: (altre lingue) Svedese , Norvegese , Francese , Tedesco , Spagnolo , Inglese , Catalano , Danese , Olandese , Portoghese , Finlandese , Chi tradizionale , Polacco , Ungherese , Ceco , Giapponese , Greco

Isbn-10: 8831730703 | Isbn-13: 9788831730709 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , Copertina rigida , CD audio , Altri

Genere: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace La regina dei castelli di carta?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
EPUB con Adobe DRM

L'atteso romanzo che chiude la trilogia Millennium di Stieg Larsson. La giovane hacker Lisbeth Salander è di nuovo immobilizzata in un letto d’ospedale, anche se questa volta non sono le cinghie di cuoio a trattenerla, ma una pallottola in testa.È una minaccia: se qualcuno scava nella sua vita e ascolta quello che ha da dire, potenti organismi segreti crolleranno come castelli di carta. Deve sparire per sempre, meglio se rinchiusa in un manicomio. La cospirazione di cui si trova suo malgrado al centro, iniziata quando aveva solo dodici anni, continua. Intanto, il giornalista Mikael Blomkvist è riuscito ad avvicinarsi alla verità sul terribile passato di Lisbeth ed è deciso a pubblicare su Millennium un articolo di denuncia che farà tremare i servizi di sicurezza, il governo e l’intero paese. Non ci saranno compromessi. L’ultimo capitolo della trilogia di Stieg Larsson – uno dei più clamorosi casi editoriali internazionali degli ultimi anni – è ancora una volta una magnifica descrizione della società di oggi in forma di thriller. Un romanzo emozionante di trame occulte e servizi segreti deviati, che cattura il ritmo del nostro tempo e svela a cosa possono condurre le perversioni di un sistema malato.
Ordina per
  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    Eccezionale

    Finalmente concludo anche io la trilogia di Larsson e devo dire che questo terzo capitolo mi ha stregato. E' vero, c'è sempre un'immensità di dettagli e talvolta ci sono parti ripetitive ma trovo che ...continua

    Finalmente concludo anche io la trilogia di Larsson e devo dire che questo terzo capitolo mi ha stregato. E' vero, c'è sempre un'immensità di dettagli e talvolta ci sono parti ripetitive ma trovo che in questo terzo libro questi difetti siano molto meno evidenti rispetto al secondo volume.
    E' un libro molto molto bello secondo me. Personaggi molto be riusciti, Blomkvist strepitoso e Lisbeth molto meno antipatica (concedetemelo) rispetto al secondo libro. Magistrale la descrizione del processo, con Annika che sale in cattedra con il trascorrere delle pagine...eccetera eccetera, i pregi di questo libro sono moltissimi. Mentre lo leggevo pensavo che forse è addirittura meglio di "Uomini che odiano le donne", sicuramente il libro con cui può essere fatto il paragone perché a parer mio il secondo è almeno una (due?) spanna sotto. Forse è meno "misterioso" del primo, ma sicuramente molto molto più complesso come trama, vicende, evoluzioni.
    Ho gradito anche il piccolo mistero dello stalker di Erika :).
    Avrei approfondito di più la storia di Camilla Salander, sicuramente avrebbe meritato.
    Libro stupendo, lettura stra-consigliata!!

    ha scritto il 

  • 0

    最後會寫的這麼厚的三本,
    是因為鉅細靡遺地把女主角買的ikea家具型號全部寫出來的關係嗎?

    那一段我以為我在看ikea型錄 只差沒有圖了

    ha scritto il 

  • 5

    In paradiso stieg é arrivato al decimo libro della serie.

    Mi sono approcciato a questo libro, come il bambino del film LA STORIA INFINITA, un dissociamento dalla realtà simile all'autismo. Eravamo 4 amici al bar, che volevano salvare Lisbeth.....ora mi tocca ...continua

    Mi sono approcciato a questo libro, come il bambino del film LA STORIA INFINITA, un dissociamento dalla realtà simile all'autismo. Eravamo 4 amici al bar, che volevano salvare Lisbeth.....ora mi tocca la solita angoscia post libro meraviglioso, malinconia che ti assale come un blob curabile solo con la lettura di un ottimo libro.

    ha scritto il 

  • 3

    Terzo e ultimo (almeno per ora, a quanto pare) episodio della fortunata trilogia Millennium.
    Strettamente collegato al secondo "La ragazza che giocava con il fuoco", è decisamente impossibile da legge ...continua

    Terzo e ultimo (almeno per ora, a quanto pare) episodio della fortunata trilogia Millennium.
    Strettamente collegato al secondo "La ragazza che giocava con il fuoco", è decisamente impossibile da leggere come libro a sè. La storia, complessivamente parlando, regge bene e i personaggi sono caratterizzati molto bene, miglior pregio di Larsson, secondo me.
    Tuttavia, trovo che la serie sia andata calando, e sia andato aumentando quello che trovo sia il peggior difetto dell'autore: allunga inutilmente raccontando più volte le stesse cose ma senza aggiungere nulla alla storia, solo perchè spiegate a o da personaggi diversi. E per allungare ulteriormente, decide di raccontare la storia pregressa (scollegata da quella del romanzo) per ogni personaggio anche minore. Insomma, ho trovato le prime centinaia di pagine un po' troppo pallose, poi verso metà ha ripreso ritmo; sono certo che, se da due libri per un totale di 1500 pagine, ne avesse fatto uno da 1000 sarebbe stato molto meglio.
    Ad ogni modo, bella trilogia che mi ha accompagnato per l'intero mese di aprile, iniziato il 1° e finito il 30.

    ha scritto il 

  • 3

    Terzo e ultimo (almeno per ora, a quanto pare) episodio della fortunata trilogia Millennium.
    Strettamente collegato al secondo "La ragazza che giocava con il fuoco", è decisamente impossibile da legge ...continua

    Terzo e ultimo (almeno per ora, a quanto pare) episodio della fortunata trilogia Millennium.
    Strettamente collegato al secondo "La ragazza che giocava con il fuoco", è decisamente impossibile da leggere come libro a sè. La storia, complessivamente parlando, regge bene e i personaggi sono caratterizzati molto bene, miglior pregio di Larsson, secondo me.
    Tuttavia, trovo che la serie sia andata calando, e sia andato aumentando quello che trovo sia il peggior difetto dell'autore: allunga inutilmente raccontando più volte le stesse cose ma senza aggiungere nulla alla storia, solo perchè spiegate a o da personaggi diversi. E per allungare ulteriormente, decide di raccontare la storia pregressa (scollegata da quella del romanzo) per ogni personaggio anche minore. Insomma, ho trovato le prime centinaia di pagine un po' troppo pallose, poi verso metà ha ripreso ritmo; sono certo che, se da due libri per un totale di 1500 pagine, ne avesse fatto uno da 1000 sarebbe stato molto meglio.
    Ad ogni modo, bella trilogia che mi ha accompagnato per l'intero mese di aprile, iniziato il 1° e finito il 30.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Bello anche questo terzo e ultimo libro di Larsson, anche se in confronto ai primi due mi è piaciuto di meno. L'ho trovato molto più lento e ripetitivo dei precedenti, probabilmente perché si dilunga ...continua

    Bello anche questo terzo e ultimo libro di Larsson, anche se in confronto ai primi due mi è piaciuto di meno. L'ho trovato molto più lento e ripetitivo dei precedenti, probabilmente perché si dilunga anche molto sui procedimenti della giustizia svedese e sulle varie componenti della sua polizia. In ogni caso è davvero una bella trilogia ed è un peccato che Larsson sia morto prima di scrivere i successivi libri, perché la storia anche se finisce in modo compiuto lascia lo stesso molti punti che potrebbero essere sviluppati in un seguito, come ad esempio

    SPOILER
    -
    -
    -

    la storia di Camilla, la sorella di Lisbeth.
    FINE SPOILER

    ha scritto il 

  • 4

    « Si fidava di lui. Forse. La irritava il fatto che una delle poche persone di cui si fidava fosse un uomo che lei continuava ad evitare di incontrare.
    Tutto d'un tratto si decise. Era ridicolo finger ...continua

    « Si fidava di lui. Forse. La irritava il fatto che una delle poche persone di cui si fidava fosse un uomo che lei continuava ad evitare di incontrare.
    Tutto d'un tratto si decise. Era ridicolo fingere che lui non esistesse. Vederlo non le faceva più male.
    Aprì del tutto la porta e lo fece entrare di nuovo nella sua vita. »

    ha scritto il 

  • 4

    Da leggere

    Peccato che non potremmo più leggere romanzi della straordinaria coppia Lisbeth - Mikael!
    L'unica considerazione non positiva che mi sento di scrivere su questa trilogia è che spesso , è molto ripetit ...continua

    Peccato che non potremmo più leggere romanzi della straordinaria coppia Lisbeth - Mikael!
    L'unica considerazione non positiva che mi sento di scrivere su questa trilogia è che spesso , è molto ripetitivo.....diciamo che tre libri sono esagerati. Dei tre, il migliore, è il primo.

    ha scritto il 

Ordina per