Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

La religione del mio tempo

By Pier Paolo Pasolini

(42)

| Softcover | 9788811697121

Like La religione del mio tempo ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Il vero paradosso della poesia pasoliniana è questo: tanto più il mondo umano viene indagato e sottoposto a giudizio, tanto più l'io straborda, occupando progressivamente ogni recesso della realtà. Illuminata con il suo doloroso ardore. Già, perché q Continue

Il vero paradosso della poesia pasoliniana è questo: tanto più il mondo umano viene indagato e sottoposto a giudizio, tanto più l'io straborda, occupando progressivamente ogni recesso della realtà. Illuminata con il suo doloroso ardore. Già, perché quell'io arde, brucia. «Brucia il cuore», che resta impotente nel vedere come alta l'idea di Storia vagheggiata grazie al mito della Resistenza abbia lasciato il campo alla nuova corruzione che non solo rende vano qualunque richiamo al sogno comune e trascorso di una diversa, più luminosa Politica, ma anche di una diversa, più autentica Religione. Di questo traumatico passaggio Pasolini intende, poeticamente, dare conto. Senza recedere di fronte a nulla. E utilizzando ogni tipo possibile di materiale argomentativo: metafisico, polemico-giornalistico, profetico, lirico, cronachistico, elegiaco, naturalistico, storico-saggistico. Seconda una logica talmente inclusiva dell'ambito poetico da comprendere, di fatto, l'intera espressività letteraria.
(Dalla Prefazione di Franco Marcoaldi)

12 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    questo libro é l'inizio di una storia. Di una piccola storia fra tante storie. Ma questa piccola storia é solo mia.

    Is this helpful?

    Michaela said on Feb 26, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    La religione del mio tempo.

    Intenso, come solo Pasolini può rendere un libro, anche se di poesie e non narrativo. Da leggere almeno una volta nella vita.

    Is this helpful?

    Psicolabile. said on Jul 27, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    scoperto e letto attraverso un amico per un suo spettacolo teatrale.Un viaggio straordinario nell'italia del dopoguerra e boom economico con arrivo nel cuore di roma meno conosciuto di altri libri di pasolini,ma estramente significativo

    Is this helpful?

    Simeone Ricci said on Feb 8, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Luminoso

    E' dedicata a Elsa Morante, questa splendida raccolta di poesie, luminose, realiste, oneste, personali, romane. Non proprio il capolavoro "Ceneri di Gramsci", ma punto di svolta fra il passato e il futuro (preconizzato), in un tempo presente analizza ...(continue)

    E' dedicata a Elsa Morante, questa splendida raccolta di poesie, luminose, realiste, oneste, personali, romane. Non proprio il capolavoro "Ceneri di Gramsci", ma punto di svolta fra il passato e il futuro (preconizzato), in un tempo presente analizzato magistralmente.

    Is this helpful?

    mariafre said on Jul 13, 2011 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    La religione del mio tempo ovvero: quando un libro diventa un quadro. Ad ogni riga, ermetica o esplicita, paesaggistica o d'attualità, sensibile o razionale, la rappresentazione grafica e il rimando visivo sono costanti. Una visione, un dipinto che s ...(continue)

    La religione del mio tempo ovvero: quando un libro diventa un quadro. Ad ogni riga, ermetica o esplicita, paesaggistica o d'attualità, sensibile o razionale, la rappresentazione grafica e il rimando visivo sono costanti. Una visione, un dipinto che schiaccia Pasolini, annienta e rinvigorisce l'amore e la pietà, fino al desiderio di morte. E' uno scontro fra presa di coscenza e sensibilità, in un contesto che avendo l'abitudine d'essere epifenomenico finisce per diventare reale realtà. E questo desiderio di morte finisce per essere amore infinito per il mondo e per l'umanità, che Pasolini vorrebbe migliore e che sente schiacciata e riportata entro i confini del Nuovo Capitale. Un amore infinito dunque, "Eppure, primo e unico figlio non nato, non ho dolore/che tu non possa mai esser qui, in questo mondo". Una tenerezza disperata, un'invettiva piena d'odio e d'amore parlano in questo dipinto scritto.

    "Nella facilità dell'amore
    il miserabile si sente uomo:
    fonda la fiducia nella vita, fino
    a disprezzare chi ha altra vita.
    I figli si gettano nell'avventura
    sicuri di essere in un mondo
    che di loro, del loro sesso, ha paura.
    La loro pietà è nell'essere spietati,
    la loro forza nella leggerezza,
    la loro speranza nel non avere speranza."

    Is this helpful?

    Christian said on Jun 19, 2011 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    la religione del mio tempo?

    non saprei dire quale sia la religione del mio tempo, ma Pasolini è sempre attuale. Lo so, ho detto una banalità...

    Is this helpful?

    Arturo Di Corinto said on Sep 22, 2010 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book