Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La ricchezza della Rete

La produzione sociale trasforma il mercato e aumenta le libertà

Di

Editore: EGEA Università Bocconi Editore

4.2
(32)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 608 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8883500989 | Isbn-13: 9788883500985 | Data di pubblicazione: 

Genere: Business & Economics , Computer & Technology , Social Science

Ti piace La ricchezza della Rete?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    La Bibbia della Produzione Sociale in Rete

    Questo è sicuramente il testo di riferimento delle nuove forme di produzione sociale e collaborativa ai giorni nostri.
    Un grande lavoro documentato e ragionato in merito ai cambiamenti economici, culturali e sociali che la Rete ha generato nella società globalmente connessa grazie alla prod ...continua

    Questo è sicuramente il testo di riferimento delle nuove forme di produzione sociale e collaborativa ai giorni nostri.
    Un grande lavoro documentato e ragionato in merito ai cambiamenti economici, culturali e sociali che la Rete ha generato nella società globalmente connessa grazie alla produzione e condivisione di informazione e conoscenza al di fuori dei mercati finanziariamente e legalmente riconosciuti.

    ha scritto il 

  • 0

    Dalla copertina:
    La Rete evidenzia modalità di organizzazione che consentono di sfuggire al rischio del caos, senza cadere in quello del controllo centralizzato. I siti e i loro utilizzatori si configurano in cluster di interessi, che fanno emergere, attraverso i meccanismi dei link e delle ...continua

    Dalla copertina:
    La Rete evidenzia modalità di organizzazione che consentono di sfuggire al rischio del caos, senza cadere in quello del controllo centralizzato. I siti e i loro utilizzatori si configurano in cluster di interessi, che fanno emergere, attraverso i meccanismi dei link e delle valutazioni peer-to-peer, ciò che gli utenti ritengono davvero utile. È vero che si tratta di meccanismi imperfetti, è vero che le opportunità più interessanti necessitano una perizia tecnica non comune ma il progresso promosso dalla Rete è da valutare in relazione alla situazione precedente di oligopolio informativo e di passività dell’utente e non in relazione a un ideale astratto di partecipazione universale, che non ha mai avuto riscontri.
    Gli stessi principii rivelatisi efficaci nella produzione di informazione, conoscenza e cultura possono essere applicati a ogni forma di produzione che faccia ampio uso di informazione o di beni e servizi che la incorporino. In pratica, nella moderna economia, quasi ogni settore.
    Nella visione di Benkler non trova spazio nessun genere di determinismo tecnologico: la tecnologia rende più facili, e perciò più probabili, determinati comportamenti, ma la componente politica rimane determinante. Una completa affermazione dell’economia dell’informazione in rete comporterebbe un massiccio spostamento di potere e di ricchezza dalle tradizionali industrie a una base infinitamente più ampia di utenti. È chiaro che tutto ciò causa forti resistenze, evidenti nei tentativi spesso riusciti di rendere più stringenti le leggi sul copyright e sui brevetti o nell’insistenza di Hollywood di incorporare nell’hardware componenti che blocchino la riproduzione di materiale coperto da diritti.

    ha scritto il 

  • 5

    Questo è un libro fondamentale per capire la vita sulla Rete e i possibili risvolti sociali ed economici di uno strumento così potente e rivoluzionario. Da leggere per capire dove siamo e dove stiamo andando grazie ad Internet.

    ha scritto il 

Ordina per