Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La rifondazione di Dune

Di

Editore: Euroclub

3.7
(631)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Tedesco , Francese , Olandese

Isbn-10: A000085505 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Fiction & Literature , Philosophy , Science Fiction & Fantasy

Ti piace La rifondazione di Dune?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Ultimo capitolo di questa saga che a volte veramente sembrava non voler finire.
    Come nel volume precedente restano troppe cose non dette, non svolte, sembra quasi scritte in modo frettoloso. Mentre si dilunga troppo su episodi, momenti, fatti che avrebbe potuto riassumere.
    Di certo non mancano i ...continua

    Ultimo capitolo di questa saga che a volte veramente sembrava non voler finire. Come nel volume precedente restano troppe cose non dette, non svolte, sembra quasi scritte in modo frettoloso. Mentre si dilunga troppo su episodi, momenti, fatti che avrebbe potuto riassumere. Di certo non mancano i colpi di scena, cosa che in tutta la saga effettivamente sono un po' tanto rari. Viene anche finalmente descritta la famosa "Agonia della spezia"... e sinceramente mi aspettavo uno slancio creativo e "allucinatorio" maggiore, cosa che in tutta la saga non gli è mancato alcune volte. Ma è venuto meno proprio quando più ce n'era bisogno, secondo me. Interessanti le riflessioni sulla politica e le forme di governo. Per certi versi anche condivisibili. Considerato il finale, chissà se ci sarà mai qualche scrittore che si cimenterà nel tentativo di dare un seguito.

    ha scritto il 

  • 3

    Tra i sei libri è quello che mi ha annoiato di più, la metà iniziale del libro risulta essere macchinosa, tediosa e poco interessante nelle sue speculazioni, concetti triti e ritriti nei cinque libri precedenti che poco si amalgamano a una storia che fatica a partire, per non parlare dei personag ...continua

    Tra i sei libri è quello che mi ha annoiato di più, la metà iniziale del libro risulta essere macchinosa, tediosa e poco interessante nelle sue speculazioni, concetti triti e ritriti nei cinque libri precedenti che poco si amalgamano a una storia che fatica a partire, per non parlare dei personaggi. Soggetti importanti come Sheana o Scytale vengono totalmente sacrificati a vantaggio di Murbella che comunque non viene sviluppata come meriterebbe. Per non parlare di Bellonda, che ruolo ha in tutta la storia a parte fornire spazio a Herbert per le sue speculazioni filosofiche? Da quando poi le Reverende Madri sono anche Mentat o Suk, caratteristiche che prevedono un condizionamento? Insomma un brutto finale di una bellissima saga, ho fatto pure fatica a finirlo. Per coscienza vale due stelle, ma è l'epilogo di Dune e non potrei mai dare meno di tre stelle.

    ha scritto il 

  • 4

    Saga ¿completa?

    15 años después de leer el primer libro, por fin he podido completar la saga clásica Dune. Era un reto personal y lo he conseguido.


    Para entender el libro hay que leer los anteriores. Si no, pasará como a mí, que no comprendía nada de nada.


    El final queda en suspenso... Mientras leí ...continua

    15 años después de leer el primer libro, por fin he podido completar la saga clásica Dune. Era un reto personal y lo he conseguido.

    Para entender el libro hay que leer los anteriores. Si no, pasará como a mí, que no comprendía nada de nada.

    El final queda en suspenso... Mientras leía la saga original han aparecido precuelas y secuelas, pero no creo que continúe con ellas.

    ha scritto il 

  • 3

    Finale strano, che lascia inspiegate molte cose. Chi era il vecchio che Duncan Idaho poteva a sprazzi vedere? O meglio… quale ruolo aveva, insieme alla moglie, nell'universo? Il dialogo finale pare volerlo spiegare, ma lascia in realtà la porta aperta a infinite possibilità. Senza alla fine spieg ...continua

    Finale strano, che lascia inspiegate molte cose. Chi era il vecchio che Duncan Idaho poteva a sprazzi vedere? O meglio… quale ruolo aveva, insieme alla moglie, nell'universo? Il dialogo finale pare volerlo spiegare, ma lascia in realtà la porta aperta a infinite possibilità. Senza alla fine spiegare nulla sul dove porti tutto ciò che in questi libri è stato letto.

    Tutto ciò che mi è evidente è uno dei tanti modi con cui l'umanità si è sviluppata in modo esponenziale e a livelli per noi inimmaginabili. Ma in questi sei libri di spiegazione ho trovato molta fantapolitica, molti vortici mentali, nei quali mi sono spesso perso a causa della loro complessità (e dai quali ho comunque colto piccole perle di saggezza già ampiamente riscontrabili nel presente).

    È la prima intera saga di fantascienza che ho letto – se si esclude Asimov che però ha uno stile decisamente diverso è più lineare – quindi mi è difficile giudicarla. In ottica generale, pur escludendo il primo libro, che reputo comunque veramente bello, sono comunque ingeneroso.

    Parto da un presupposto: quasi sicuramente non sono riuscito ad espandere la mia mente ad un livello che fosse sufficiente per il complesso livello di conoscenza dell'essere umano legato a quella realtà futura. Resta comunque un fatto: Herbert era evidentemente un genio, ed essendo tale non è di facile lettura/comprensione.

    ha scritto il 

  • 4

    Il migliore della serie ma niente da aggiungere agli altri

    E' forse il migliore della serie. Quello un po' più coinvolgente come trama, anche se mi rendo conto che la trama non è certo la cosa più importante nei libri di Dune.
    Anche questo è molto intrigante per i riferimenti a un sacco di concetti psicologici e sociologici di gran moda ora.
    Comunque sia ...continua

    E' forse il migliore della serie. Quello un po' più coinvolgente come trama, anche se mi rendo conto che la trama non è certo la cosa più importante nei libri di Dune. Anche questo è molto intrigante per i riferimenti a un sacco di concetti psicologici e sociologici di gran moda ora. Comunque sia 6 volumi sono troppi.

    ha scritto il 

  • 0

    Il Duniverse di Frank P. Herbert

    Senza dubbio la versatilità di Dune è uno degli aspetti che preferisco della saga, la sua capacità di parlare attraverso ogni strumento di comunicazione, avvalendosi della parola scritta, del cinema e della televisione, come poche altre saghe hanno saputo fare. Se ci pensate, considerando che i r ...continua

    Senza dubbio la versatilità di Dune è uno degli aspetti che preferisco della saga, la sua capacità di parlare attraverso ogni strumento di comunicazione, avvalendosi della parola scritta, del cinema e della televisione, come poche altre saghe hanno saputo fare. Se ci pensate, considerando che i romanzi sono stati scritti tra il 1965 e il 1985, Dune presenta tematiche molto attuali, prima tra tutte quella ambientale, quasi profetica se attualizzata. Proprio questo, secondo me, è uno degli aspetti che contraddistinguono un buon romanzo di fantascienza, la capacità di parlare del presente – e del passato – attraverso il futuro come lo immaginiamo – noi o chi per noi.

    Qual è invece per voi l’aspetto più interessante di questa saga?

    Il post completo sul blog Fanucci: http://www.fanucci.it/blog.php?id=223

    ha scritto il