La ritirata di Russia

La marcia allucinante degli alpini in un inferno di ghiaccio e di fuoco

Di

Editore: Longanesi

4.1
(43)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 185 | Formato: Altri

Isbn-10: 8885382541 | Isbn-13: 9788885382541 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , Tascabile economico

Ti piace La ritirata di Russia?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    Medesima ritirata, raccontata questa volta da un tenente della Julia, facente parte del comando. Una vista un po più alta delle varie azioni..molto belli anche i ricordi finali avuti dagli incontri co ...continua

    Medesima ritirata, raccontata questa volta da un tenente della Julia, facente parte del comando. Una vista un po più alta delle varie azioni..molto belli anche i ricordi finali avuti dagli incontri con gli amici, 20 anni dopo.

    ha scritto il 

  • 4

    Non un libro di storia in senso stretto e nemmeno un romanzo. L'autore era un giornalista e con stile giornalistico narra della carneficina verso la quale sono stati indirizzati i militari italiani da ...continua

    Non un libro di storia in senso stretto e nemmeno un romanzo. L'autore era un giornalista e con stile giornalistico narra della carneficina verso la quale sono stati indirizzati i militari italiani dal regime fascista. Episodi agghiaccianti si susseguono e danno il senso della tragedia, dove la morte è la normalità e ognuno pensa solo a fare un passo dopo l'altro verso l'ovest con temperature che arrivano a -45 e senza equipaggiamento adeguato.

    ha scritto il 

  • 4

    Memoria storica...

    ...una cosa che noi italiani non abbiamo...credo per genetica!!! Credo che un libro come questo al di là di qualità "letterarie" che potrebbe anche non avere (è un resoconto molto giornalistico e poco ...continua

    ...una cosa che noi italiani non abbiamo...credo per genetica!!! Credo che un libro come questo al di là di qualità "letterarie" che potrebbe anche non avere (è un resoconto molto giornalistico e poco romanzo) tutti dovrebbero leggerlo per mantenere vivo il ricordo di 114.824 italiani morti o feriti nei pochi mesi di fronte russo. E' un ricordo per gente valorosa ed eroica al di là dei monumenti ai caduti che ogni paesino possiede e a cui nessuno bada più...

    ha scritto il 

  • 5

    La testimonianza sulla disastrosa ritirata dei soldati italiani mandati al macello dalla follia fascista. Soldati che, rientrati in Italia, furono mandati ai campi contumaciali affinché la popolazione ...continua

    La testimonianza sulla disastrosa ritirata dei soldati italiani mandati al macello dalla follia fascista. Soldati che, rientrati in Italia, furono mandati ai campi contumaciali affinché la popolazione non vedesse in che stato erano ridotti. Un atto d'accusa e una condanna senza "se" e senza "ma" contro la follia di mussolini.

    ha scritto il