Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

La rivoluzione dimenticata

Il pensiero scientifico greco e la scienza moderna

By Lucio Russo

(61)

| Paperback | 9788807102103

Like La rivoluzione dimenticata ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Un saggio sulla scienza, sui suoi fondamenti, sul suo posto nella storia dell'umanità. Un libro radicato nella razionalità occidentale, e una ricostruzione storica che individua l'aspetto essenziale del pensiero scientifico nella funzione di guida sv Continue

Un saggio sulla scienza, sui suoi fondamenti, sul suo posto nella storia dell'umanità. Un libro radicato nella razionalità occidentale, e una ricostruzione storica che individua l'aspetto essenziale del pensiero scientifico nella funzione di guida svolta per secoli, e non ancora esaurita, della civiltà classica.

27 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Pesante ma molto interessante, però quel finale…

    La rivoluzione dimenticata
    Pesante ma molto interessante, però quel finale…
    Un libro sicuramente non di facile lettura, ci ho messo una vita a leggerlo tutto (e forse per comprenderlo a pieno dovrei recuperare i presupposti filosofico-scientifici c ...(continue)

    La rivoluzione dimenticata
    Pesante ma molto interessante, però quel finale…
    Un libro sicuramente non di facile lettura, ci ho messo una vita a leggerlo tutto (e forse per comprenderlo a pieno dovrei recuperare i presupposti filosofico-scientifici che sono alla base)…
    Gli spunti lanciati dal saggio di Russo sono sicuramente molto interessanti: effettivamente i vari Aristarco, Ipazia (forse nota solo per il martirio subito per opera dei cristiani, ma poco per i suoi contributi scientifici), Ipparco sono nomi che sfuggono alla gran parte della popolazione mondiale e molto probabilmente anche a quella effettivamente interessata (o peggio che se ne occupa) alla scienza e alla filosofia.
    Le tesi di Russo sono difficilmente dimostrabili con certezza (la superiorità della scienza ellenistica perfino rispetto a quella dei grandi scienziati del ‘500, i quali avrebbero attinto in realtà alle fonti ellenistiche per le loro “nuove” scoperte), e durante la lettura alcune conclusioni o deduzioni mi son parse comunque un po’ forzate. Ma gli indizi trovati da Russo sono parecchi, le strane coincidenze storiche ancora di più: se tre indizi fanno una prova…
    Il fascino del libro di Russo è indubbo, e – a onor del vero- nulla toglie alla grandezza dei vari Newton, Galileo, Leonardo, meritevoli di aver riportato la luce sul buio metodologico in cui si trovava la scienza (servendosi però di fonti- almeno parziali- e studi precisi, non affidandosi ad una genialità estemporanea di una mela caduta dall’albero).
    L’epilogo mi è parso un po’ fuori luogo: velato da un forte alone catastrofista sui futuri sviluppi della scienza moderna.
    Probabilmente è vero che la maggior parte degli scienziati moderni ha un approccio dogmatico e vacanziero-congressuale, ma le menti illuminate e “geniali” credo abbiano tutti gli strumenti per dare il loro contributo: credo siamo lontani dalla distruzione della biblioteca di Babilonia, e in ogni caso mi pare che l’epilogo c’entri poco con il resto del libro.
    In conclusione, credo sia un libro consigliabile solo a lettori critici e illuminati e che abbiano voglia di approfondire gli spunti lanciati da Russo: sicuramente non una lettura estiva.

    Is this helpful?

    Joetarallo said on Jul 15, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Nuova edizione del libro che ha imposto Lucio Russo come storico della scienza. Il volume ha portato nella disciplina una specie di rivoluzione poiché il peso che vi riveste la scienza antica - segnatamente quella ellenistica - scompagina le teorie, ...(continue)

    Nuova edizione del libro che ha imposto Lucio Russo come storico della scienza. Il volume ha portato nella disciplina una specie di rivoluzione poiché il peso che vi riveste la scienza antica - segnatamente quella ellenistica - scompagina le teorie, eredità delle idee illuministiche, che vogliono la nascita della scienza moderna solo nel '600. Rispetto alle edizioni precedenti, questa è arricchita da un fondamentale indice analitico curato da Russo stesso: strumento eccellente per costruire una mappa dei moltissimi temi e argomenti affrontati, nonché per ritagliarsi percorsi personalizzati.

    Is this helpful?

    Chicca said on Jan 23, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Considerare l’antichità greca come l’infanzia del genere umano è quasi tanto idiota quanto vedere nel presente la maturità del genere umano.
    (J.A. Brodskij)

    Is this helpful?

    Chico Pipa said on Nov 7, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Eccezionale

    Questo libro va a studiare le fonti e trova (pur nella tragedia della distruzione della quasi totalità delle testimonianze) le prove della rivoluzione scientifica alessandrina e la documenta in modo ineccepibile.
    In pratica, questo libro è una bomba ...(continue)

    Questo libro va a studiare le fonti e trova (pur nella tragedia della distruzione della quasi totalità delle testimonianze) le prove della rivoluzione scientifica alessandrina e la documenta in modo ineccepibile.
    In pratica, questo libro è una bomba che butta giù molte radicate "leggende" su com'è andata la storia del mondo.
    Peccato che il primo capitolo sia scritto in modo talmente scostante da allontanare molto lettori.

    Is this helpful?

    lisolachenoncè said on Aug 16, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    «Una prima causa di fraintendimento è la credenza diffusa che siano esistiti gli "Antichi", con una loro scienza, durata più di un millennio, da Talete a Simplicio, tra i cui rappresentanti vi sarebbero stati personaggi come Parmenide, Plinio il Vecc ...(continue)

    «Una prima causa di fraintendimento è la credenza diffusa che siano esistiti gli "Antichi", con una loro scienza, durata più di un millennio, da Talete a Simplicio, tra i cui rappresentanti vi sarebbero stati personaggi come Parmenide, Plinio il Vecchio, Archimede, Plutarco e Marziano Capella. Si tratta di un'idea che equivale, più o meno, alla credenza in una "scienza del secondo millennio d.C.", coltivata da Tommaso d'Aquino, Newton, Gengis Khan, Nostradamus e Heisenberg.» (p.234)

    Is this helpful?

    Yupa said on Sep 30, 2012 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (61)
    • 5 stars
    • 4 stars
  • Paperback 380 Pages
  • ISBN-10: 8807102102
  • ISBN-13: 9788807102103
  • Publisher: Feltrinelli (Campi del sapere - filosofia)
  • Publish date: 1996-11-xx
  • In other languages: other languages English Books , Deutsche Bücher
Improve_data of this book