Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La rivoluzione nella culla. Il declino che non c'è

Di ,

Editore: Università Bocconi

3.2
(6)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: Altri

Isbn-10: 8883501241 | Isbn-13: 9788883501241 | Data di pubblicazione: 

Genere: Non-fiction

Ti piace La rivoluzione nella culla. Il declino che non c'è?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 2

    Quale "rivoluzione"? Dati e riflessioni sulla popolazione italiana e sul suo "spaghetti welfare"

    Il saggio è composto da due parti. La prima è un'analisi statistico sociale della situazione demografica italiana in riferimento al calo delle nascite e all'incremento dell'immigrazione. La seconda parte si propone di essere una discussione sulle questioni emergenti al livello di politiche social ...continua

    Il saggio è composto da due parti. La prima è un'analisi statistico sociale della situazione demografica italiana in riferimento al calo delle nascite e all'incremento dell'immigrazione. La seconda parte si propone di essere una discussione sulle questioni emergenti al livello di politiche sociali (welfare state) Le tesi degli autori purtroppo si pongono ad un livello istituzionale di conferma dello status quo, più che ad una radicale messa in discussione del modello economico-sociale. Vengono perciò fornite alcune ricette, molte delle quali elaborate in altri contesti nazionali, ma di dubbia fecondità.

    Dovendo esprimere un giudizio oggettivo, il libro può essere una buona lettura di divulgazione dei/introduzione ai problemi della sociologia e delle altre scienze sociali, ma che non riesce a decollare oltre tale livello.

    ha scritto il 

  • 3

    Realtà sociale italiana

    Con questo libro ho chiarito la situazione demografica del nostro paese riguardo soprattutto ai problemi futuri dei giovani. Le decisioni importanti che la politica dovrà prendere nei riguardi anche dei giovani immigrati che saranno sempre di più.

    ha scritto il