Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La saga dei Forsyte

2 voll.

Di

Editore: Arnoldo Mondadori

4.1
(58)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 1086 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: A000060201 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Elio Vittorini

Disponibile anche come: Altri , Paperback

Genere: Fiction & Literature , History

Ti piace La saga dei Forsyte?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Collezione <<Omnibus>>Due volumi rilegati in tela con sopracoperta

Questo libro in questa edizione non ha ISBN

Scheda BNCFGalsworthy, JohnLa saga dei Forsyte / unica traduzione autorizzata dall'inglese di Elio Vittorini. Vol. 2Milano-Verona : A. Mondadori, 1939.16. p. [vi], 1086 con una Tavola ( Omnibus )L. 35Titolo originale: The Forsyte sagaBN 1939 6427. CUBI 256083. I. Vittorini , Elio

Ordina per
  • 3

    Le tre stelle derivano dalla media dei romanzi contenuti in questa lunga saga, che sono tanti e forse meriterebbero di essere valutati singolarmente. Ad abbassare la media sono stati il primo, “Il pos ...continua

    Le tre stelle derivano dalla media dei romanzi contenuti in questa lunga saga, che sono tanti e forse meriterebbero di essere valutati singolarmente. Ad abbassare la media sono stati il primo, “Il possidente”, e l’ultimo, “La borsa dei Forsyte”, per ragioni diverse. I difetti che ho trovato ne “Il possidente” coincidono con una traduzione inspiegabilmente più datata rispetto al seguito della saga ed una certa confusione generata dal numero cospicuo di personaggi che costituiscono la prima generazione dei Forsyte. Per quanto questi ultimi, dieci tra fratelli e sorelle, inamovibili nelle loro idiosincrasie, servono ad indicare il punto di partenza con il quale le nuove generazioni della famiglia si confrontano e dal quale si allontanano inevitabilmente, all’inizio è difficile associare ad ognuno di loro un volto differente. In questo riesce efficacemente “La borsa dei Forsyte”, che in realtà è un insieme di racconti, ma l’aver raggruppato questi racconti al termine della saga, quando ormai la maggior parte dei protagonisti ha lasciato da tempo la scena, non è stata una scelta molto saggia dal mio punto di vista. Tolte queste due grandi eccezioni, quel che rimane del corpo della saga scorre che è un piacere lasciando dietro di sé pagine di vera poesia.
    Se decidessi di parlare della trama nuda e cruda dovrei tirare in ballo fidanzati contesi tra cugini in prime, seconde e terze nozze, in un guazzabuglio di parentele da fare invidia ad una soap opera. L’eleganza con cui la vicenda viene narrata però, mette al riparo fortunatamente da paragoni di questo tipo, portando la rivalità esistente tra le due fazioni della famiglia su di un piano ideologico. A scontrarsi alla fin fine sono le due diverse interpretazioni del concetto di proprietà, laddove il ramo più tradizionalista e più “fortemente forsytesco” annovera tra le proprietà inalienabili anche la propria moglie. La grande forza della saga sta nella rappresentazione del cambiamento, che avviene con il passaggio dal vittorianesimo all’epoca successiva in cui la guerra boera prima e la Grande guerra poi, minano le basi su cui poggia l’Impero e l’ordine sociale preesistente… cambiamenti che riguardano lo stile di vita, le abitudini e la mentalità, ma nulla possono fare con la natura più intima dell’uomo.

    ha scritto il 

  • 4

    una saga famigliare ricca di vicende e personaggi memorabili.

    questo libro offre uno splendido affresco dell'inghilterra tardo vittoriana/inizi del 900.
    i forsyte sono dei nobili il cui capostipite è partito dal nulla creando le basi di una famiglia tra le più i ...continua

    questo libro offre uno splendido affresco dell'inghilterra tardo vittoriana/inizi del 900.
    i forsyte sono dei nobili il cui capostipite è partito dal nulla creando le basi di una famiglia tra le più influenti di londra. figure caparbie, spesso senza scrupoli e dagli ideali solidi, sono possidienti abituati ad avere una certa importanza all'interno della società tanto da costituirne dei veri e propri pilastri.
    la narrazione percorre più anni affrontando tre generazioni: è interessante vedere come ognuna sia figlia del suo tempo e come gli ideali dei padri entrino in contrasto con quelli dei discendenti pur mantenendo delle caratteristiche comuni.
    il tutto è scritto splendidamente, non c'è una virgola fuori posto. i personaggi sono complessi, ben caratterizzati, ognuno basterebbe per un romanzo a sé stante, le pagine sono tante ma difficilmente ci si stanca.
    da leggere se si vuole avere uno spaccato di vita di quel tempo e di quelle persone.

    ha scritto il 

  • 3

    L'epoca vittoriana e la sua fine

    Siamo nel fulcro dell'epoca vittoriana e la famiglia dei Forsyte ne è l'emblema: una famiglia che dal basso ha fatto fortuna, che, attraverso i suoi numerosi membri, ha conquistato Londra. Ma le ecert ...continua

    Siamo nel fulcro dell'epoca vittoriana e la famiglia dei Forsyte ne è l'emblema: una famiglia che dal basso ha fatto fortuna, che, attraverso i suoi numerosi membri, ha conquistato Londra. Ma le ecertezze dei Forsyte, tra i quali spicca il personaggio di Soames, il più concreto vincente della terza generazione, vacilla alle soglie del nuovo secolo i cui cambiamenti sociali mettono in crisi i valori di questa società. Interessante analisi, soprattutto nei primi due libri. Il terzo libro l'ho trovato invece ripetitivo ed un pò artificioso.

    ha scritto il 

  • 5

    2/06 ( primo vol) serie di romanzi e racconti incentrati su una famiglia borghese inglese. Avvincente.5/06 SECONDO VOL.EMERGE LA FIGURA DI SOAMES F. che diventa l'emblema nel bene e nel male del borgh ...continua

    2/06 ( primo vol) serie di romanzi e racconti incentrati su una famiglia borghese inglese. Avvincente.5/06 SECONDO VOL.EMERGE LA FIGURA DI SOAMES F. che diventa l'emblema nel bene e nel male del borghese inglese.Grande affresco dell'Inghilterra vittoriana e del predominio inglese nel mondo. A mio parere fondamentale per comprendere anche gli inglesi di oggi. Assolutamente raccomandabile la lettura

    ha scritto il 

  • 5

    Bellissimo! All'inizio ho fatto un po' fatica a ricordarmi tutti i nomi dei personaggi, ma, una volta presa la mano, non sono più riuscita a smettere di leggerlo. Peccato che sia così poco conosciuto. ...continua

    Bellissimo! All'inizio ho fatto un po' fatica a ricordarmi tutti i nomi dei personaggi, ma, una volta presa la mano, non sono più riuscita a smettere di leggerlo. Peccato che sia così poco conosciuto.

    ha scritto il 

  • 5

    Perché nessuno prima mi aveva detto della sua esistenza?

    Contiene:

    - Il possidente 5/5
    - L'estate di San Martino di un Forsyte (racconto) 5/5
    - Nella ragnatela 5/5
    - Risveglio (racconto) 3/5
    - Affitta ...continua

    Perché nessuno prima mi aveva detto della sua esistenza?

    Contiene:

    - Il possidente 5/5
    - L'estate di San Martino di un Forsyte (racconto) 5/5
    - Nella ragnatela 5/5
    - Risveglio (racconto) 3/5
    - Affittasi 4/5

    ha scritto il 

  • 4

    La mia edizione è del 1945 con traduzione di Vittorini ben 1700 pagine marroncine e polverose! Mi è piaciuto!con tutte le sue descrizioni per benino del giardino,della casa,degli abiti,con le sue cons ...continua

    La mia edizione è del 1945 con traduzione di Vittorini ben 1700 pagine marroncine e polverose! Mi è piaciuto!con tutte le sue descrizioni per benino del giardino,della casa,degli abiti,con le sue considerazioni argute sulla società e sull'esistenza,con le sue vicende corpose di amori,gelosie,tradimenti,cinismo.Un tuffo nell'Ottocento ogni tanto ci vuole!!

    ha scritto il 

Ordina per