Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La sangre de los elfos

La saga de Geralt de Rivia, Libro III

By

Publisher: Bibliópolis

4.0
(548)

Language:Español | Number of Pages: 256 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) English , Polish , German , French , Italian , Czech

Isbn-10: 8496173003 | Isbn-13: 9788496173002 | Publish date: 

Also available as: Others , Hardcover

Category: Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy , Travel

Do you like La sangre de los elfos ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
En verdad os digo que se acerca el tiempo de la espada y el hacha, la época de la tormenta salvaje. Se acerca el Tiempo del Invierno Blanco y de la Luz Blanca. El Tiempo de la Locura y el Tiempo del Odio, el Tiempo del Fin. El mundo morirá entre la escarcha y resucitará de nuevo junto con el nuevo sol. Resucitará de entre la Antigua Sangre, de Hen Ichaer, de la semilla sembrada. De la semilla que no germina sino que estalla en llamas. ¡Así será! ¡Contemplad las señales! Qué señales sean, yo os diré: primero se derramará sobre la tierra la sangre de los Aen Seidhe, la Sangre de los Elfos...
Sorting by
  • 5

    Se echa de menos el formato de relatos cortos, pero a la vez se agradece que todo empiece a girar alrededor de una historia con una trama central. El peso empieza a caer sobre el resto de personajes, liberando un poco a Geralt de tanto protagonismo, en algunas partes he llegado a extrañar al bruj ...continue

    Se echa de menos el formato de relatos cortos, pero a la vez se agradece que todo empiece a girar alrededor de una historia con una trama central. El peso empieza a caer sobre el resto de personajes, liberando un poco a Geralt de tanto protagonismo, en algunas partes he llegado a extrañar al brujo que tanto cariño cogí en los anteriores y que coño, es quien da nombre a la saga. En general, me ha gustado mucho, invito a leerlo y a seguir con la saga.

    said on 

  • 3

    Quanta semplicità...

    Quello che si può considerare il terzo episodio della saga legata allo strigo Geralt di Riva risulta lineare e molto facile da seguire (in particolare per chi ha già familiarizzato con i precedenti capitoli).
    Tuttavia lo stile di scrittura mi sembra estremamente sintetico e, alle volte, elementar ...continue

    Quello che si può considerare il terzo episodio della saga legata allo strigo Geralt di Riva risulta lineare e molto facile da seguire (in particolare per chi ha già familiarizzato con i precedenti capitoli). Tuttavia lo stile di scrittura mi sembra estremamente sintetico e, alle volte, elementare. Si ha talvolta l'impressione di leggere una favola gotica di Italo Calvino con periodi ridotti all'osso. Il linguaggio è comunque colorito e le descrizioni realistiche. Tutto sommato piacevole, ma meno accattivamente dei primi due titoli.

    said on 

  • 4

    Il sangue degli elfi

    Dopo due raccolte di racconti, il terzo libro di Sapkowski -edito in Italia dalla beneamata casa editrice Nord- ci introduce al complesso mondo fantasy dello scrittore polacco, un mondo vivo e ricco di sfaccettature.
    In questo primo romanzo (non auto conclusivo) risulta evidente come l'ambientazi ...continue

    Dopo due raccolte di racconti, il terzo libro di Sapkowski -edito in Italia dalla beneamata casa editrice Nord- ci introduce al complesso mondo fantasy dello scrittore polacco, un mondo vivo e ricco di sfaccettature. In questo primo romanzo (non auto conclusivo) risulta evidente come l'ambientazione fantastica sia solo un espediente narrativo per parlare in modo indiretto, ma non per questo con minore incisività, di argomenti di scottante attualità come la convivenza difficile tra popoli diversi, il bisogno di amore e la necessità di riporre la fiducia nell'altro con tutti i rischi che ne conseguono.

    said on 

  • 4

    Secondo me questo è il migliore, finora, dei libri di Sapkowskj dedicati allo Witcher, a Geralt di Rivia. La storia intorno alla "Sorpresa" prende corpo e diventa intrigante. Un unico avviso al lettore: il libro interrompe la vicenda a metà, proprio mentre le nuvole si addensano. Bisognerà legger ...continue

    Secondo me questo è il migliore, finora, dei libri di Sapkowskj dedicati allo Witcher, a Geralt di Rivia. La storia intorno alla "Sorpresa" prende corpo e diventa intrigante. Un unico avviso al lettore: il libro interrompe la vicenda a metà, proprio mentre le nuvole si addensano. Bisognerà leggere anche il seguito...

    said on 

  • 5

    Il sangue degli elfi

    finalmente ho potuto leggere il primo vero romanzo che ha come protagonista Geralt lo strigo, davvero un gran bel romanzo anche se l'autore poteva dare di più, infatti la fine l'ho trovata un po tirata per le lunghe ma che lascia davvero tanto con la voglia di sapere come si evolveranno gli event ...continue

    finalmente ho potuto leggere il primo vero romanzo che ha come protagonista Geralt lo strigo, davvero un gran bel romanzo anche se l'autore poteva dare di più, infatti la fine l'ho trovata un po tirata per le lunghe ma che lascia davvero tanto con la voglia di sapere come si evolveranno gli eventi! scrittura fluida, libro quindi che non annoia e che si lascia leggere fino alla fine; tengo inoltre a precisare che se anche questo sia il primo libro di una saga è importante aver letto prima i due libri di racconti, perchè qui ritroviamo personaggi gia noti e magari qualche informazione utile! libro davvero consigliato agli amanti del buon fantasy!!!

    said on 

  • 3

    Le precedenti raccolte di racconti (Il guardiano degli innocenti e La spada del destino), legati insieme da scarni fili narrativi, ci avevano introdotto al personaggio di Geralt di Rivia, strigo ovvero cacciatore di mostri. L'aspetto più interessante dei libri precedenti era la rielaborazione, da ...continue

    Le precedenti raccolte di racconti (Il guardiano degli innocenti e La spada del destino), legati insieme da scarni fili narrativi, ci avevano introdotto al personaggio di Geralt di Rivia, strigo ovvero cacciatore di mostri. L'aspetto più interessante dei libri precedenti era la rielaborazione, da parte dell'autore polacco, di leggende e fiabe popolari e l'introduzione di creature e fenomeni magici decisamente mai visti nel fantasy "classico" (ormai, spesso preda delle ortodossie narrative provenienti dai giochi di ruolo).

    Qui, Sapkowski ci prova con un romanzo lungo e sancisce l'inizio di una complessa trilogia, con Geralt e gli altri strighi impegnati a proteggere ed educare una bambina di stirpe reale che si comprende oggetto di un incredibile destino. Sono presenti momenti toccanti e avvincenti, ma anche un certo numero di cadute di stile. Gli strighi alle prese con l'educazione di Ciri, che non sanno come vestirla e si preoccupano delle mestruazioni, sembrano usciti da una commediola americana e sono semplicemente ridicoli. L'autore si impegna a creare il suo nuovo affresco complesso di personaggi, ma la maggior parte gli escono come blandi stereotipi (vedi spie e sicari) o figurine inefficienti (i regnanti coi loro giochi politici non reggono il confronto con altre saghe fantasy, che è inutile nominare vista la loro fama, interamente basate su questo aspetto). In tutto ciò, si dimentica di Geralt che, a ben guardare, almeno in questo romanzo fa poco o niente.

    Dove sono finite le creature strane? Gli enigmi magici da fiaba? Il fantasy errante con una sorpresa dietro ogni angolo? Si può leggere e prende, ma preferivo di gran lunga il Geralt dei racconti.

    said on 

  • 5

    Seguimos con Geralt

    Otro libro de Geralt que me ha encantado. Se merece un 9 por lo menos! Me lo he pasado genial leyendo este libro, contiene de todo: aventura, amor, traición, muerte... Lo deja todo calentito para en el 4º liarla parda!! Qué ganas de seguir con la saga!!

    said on 

  • 4

    Realistico, autentico. Uno stile coinvolgente e personaggi ben delineati, in un mondo costruito con maestria. Intrattenimento ben strutturato ma non privo di significatività letteraria.

    said on 

  • 4

    Sembra una raccolta di 3 o 4 racconti lunghi legati insieme per fare un romanzo...Però è una bella storia fantasy, l'inizio di una saga che si prospetta avvincente. Libro che si presenta più serio rispetto ai racconti delle precedenti antologie, la storia che si sviluppa è drammatica ed epica bas ...continue

    Sembra una raccolta di 3 o 4 racconti lunghi legati insieme per fare un romanzo...Però è una bella storia fantasy, l'inizio di una saga che si prospetta avvincente. Libro che si presenta più serio rispetto ai racconti delle precedenti antologie, la storia che si sviluppa è drammatica ed epica basata sullo sfondo di un mondo che sta cambiando, a quanto pare, non in meglio. La decadenza, il vicino cambiamento e la malinconia sono resi molto bene come atmosfera che pervade l'intera trama. Lo stile dell'autore è semplice ma coinvolgente e i personaggi sono ben caratterizzati. Per gli amanti del fantasy è una lettura da fare.

    said on 

Sorting by