Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La scatola magica di Landover

Di

Editore: InternoGiallo Mondadori (Iperfiction)

3.7
(735)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 360 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 8804389303 | Isbn-13: 9788804389309 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: M. Pinna ; Illustrazione di copertina: Keith Parkinson

Disponibile anche come: Altri

Genere: Fiction & Literature , Romance , Science Fiction & Fantasy

Ti piace La scatola magica di Landover?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ciclo di Landover - vol.4

* * * *
A Landover regna la magia. Qui è re Ben Holiday, un americano che ha acquistato il diritto al trono da un mago imbroglione. Il suo potere è minacciato daun altro mago, Gorse, un essere terrificante che si era liberato dalla trappola in cui era caduto, la Scatola Magica. Questa è uno strumento fatato checancella la memoria dei suoi prigionieri. Il problema per Ben Holiday è ditrovare dei saggi alleati che gli consentano di contrapporsi al malvagio Gorse e ai suoi piani di conquista e di mettere le mani sulla Scatola Magica chenon a tutti è consentito manipolare.
Ordina per
  • 4

    Quarto appuntamento con le magiche avventure di Ben,il re di Landover che si ritrova nei guai sempre per colpa di altri.
    Questa volta lui,la strega e il drago, verranno intrappolati in una magica scatola appartenuta ad un essere scacciato perfino dalle fate e rinchiuso lì per l'eternità;sol ...continua

    Quarto appuntamento con le magiche avventure di Ben,il re di Landover che si ritrova nei guai sempre per colpa di altri.
    Questa volta lui,la strega e il drago, verranno intrappolati in una magica scatola appartenuta ad un essere scacciato perfino dalle fate e rinchiuso lì per l'eternità;solo che ci mettono lo zampino un pennuto e il suo padrone mago pasticcione e quindi il Gorse si aggirerà per il regno alla ricerca di vendetta.
    I nostri,nel frattempo, vagheranno sperduti,anche della propria identità,in un mondo di nulla...
    Ma,la parte che più mi è piaciuta, riguarda la silfide Willow che sta per dare alla luce un piccolino,mezzo uomo e mezzo essere fatato: la Madre Terra la obbliga a cercare 3 tipi diversi di terra dove mettere radici prima del parto e così lei dovrà affrontare un lungo viaggio accompagnata dal gatto Dirk.

    Questo libro l'ho trovato,a livello di trama,più intrigante dei precedenti e,finalmente,manca il Paladino che risolve tutto,anche se c'è sempre un lieto fine.

    ha scritto il 

  • 4

    quarta avventura in Landover

    Che dire se no che mi sono innamorato di Landover? In questa storia il nostro caro scrittore fa incontrare i tre grandi nemici (Holyday Strabo e la strega) sotto altre spoglie e con altre storie e li fa avvicinare tra di loro. Molto bello e molto intrigante, anche il personaggio che fa scatenare ...continua

    Che dire se no che mi sono innamorato di Landover? In questa storia il nostro caro scrittore fa incontrare i tre grandi nemici (Holyday Strabo e la strega) sotto altre spoglie e con altre storie e li fa avvicinare tra di loro. Molto bello e molto intrigante, anche il personaggio che fa scatenare tutta la storia, il finto mago è davvero ben scritto :)

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Incoerente la traduzione, bellissimo il libro

    L'ho trovato molto lento, soprattutto all'inizio. Ma devo dire che mi è piaciuto moltissimo, soprattutto il finale e, in generale, da metà libro in poi. Tutta la parte di Willow l'ho trovata molto dolce, la nascita del loro figlio, le sue paure. Edgewood Dirk è sempre il mio personaggio preferito ...continua

    L'ho trovato molto lento, soprattutto all'inizio. Ma devo dire che mi è piaciuto moltissimo, soprattutto il finale e, in generale, da metà libro in poi. Tutta la parte di Willow l'ho trovata molto dolce, la nascita del loro figlio, le sue paure. Edgewood Dirk è sempre il mio personaggio preferito, ovunque e comunque appaia! Mi è dispiaciuto molto per la Strega del Crepuscolo, per il suo lato umano e per l'amore che aveva trovato nel Cavaliere. E' stato davvero molto triste trovare questo lato umano in un personaggio che ci viene sempre descritto come cattivo. Anche Biggar che viene mangiato dagli Gnomi Va'Via mi ha lasciato dell'amaro in bocca.
    Una nota dolente: la traduzione. Se per tre libri mi traducete Deep Fell, Landview, Firespring, non potete improvvisamente lasciere i nomi originali. Ho trovato anche molto brutto che il nome della Strega del Crepuscolo fosse Nightshade e che apparisse per la prima volta nel QUARTO libro di una serie, mentre negli altri non c'era. Sono convinta che ci voglia una certa coerenza nella traduzione di una serie. E' come se in Harry Potter improvvisamente avessero deciso di cambiare il nome di Silente in Dumbledore. Non si fa, secondo me.

    ha scritto il 

  • 5

    A mio parere il migliore dei libri di "Landover", perché ritengo che incarni più e meglio degli altri lo spirito della fiaba che sta alla base di questo ciclo e che talvolta si perde un pò. Questo libro è avventuroso e spesso divertente, con personaggi insoliti che spiccano sugli altri.

    ha scritto il 

  • 5

    Quarto libro della saga di Landover ed è stato quello che forse mi è piaciuto di più. Mi ha particolarmente colpito i tre filoni con cui la storia va avanti: Ben rinchiuso nella scatola con i suoi acerrimi nemici la strega del crepuscolo e il drago Strabo, Willow impegnata tra i vari "mondi" per ...continua

    Quarto libro della saga di Landover ed è stato quello che forse mi è piaciuto di più. Mi ha particolarmente colpito i tre filoni con cui la storia va avanti: Ben rinchiuso nella scatola con i suoi acerrimi nemici la strega del crepuscolo e il drago Strabo, Willow impegnata tra i vari "mondi" per far nascere la figlia sua e di Ben, Questor e Abernathy rimasti soli a fronteggiare l'emergenza dei "cristalli"; filoni che poi si intrecciano nel corso del romanzo. Tra i protagonisti, anche il pasticcione Horris a cui, però, sarà destinato il finale "particolare" del libro. Niente da dire: Brooks è sempre un vulcano di idee!

    ha scritto il