La schiappa

Di

Editore: Arnoldo Mondadori (Junior Bestseller)

3.7
(298)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 163 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Giapponese

Isbn-10: 8804515570 | Isbn-13: 9788804515579 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Angela Ragusa

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Bambini , Narrativa & Letteratura , Storia

Ti piace La schiappa?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Donald Zinkoff corre, gioca, va in bicicletta. Adora andare a scuola, sogna di diventare grande e di fare il postino come suo papà. Però alza la mano di continuo anche se non sa la risposta, inciampa nei propri piedi, prende tutto alla lettera, è convinto che il prossimo sia sempre e comunque pieno di buone intenzioni. Insomma è candido, disarmato, pasticcione, incapace di fare del male in un mondo che premia sempre la voglia di competere.
Ordina per
  • 0

    J.Spinelli, La Schiappa, Mondadori, Milano 2010, ISBN 9-788828-608028

    Il racconto La Schiappa è stato scritto da Jerry Spinelli - autore statunitense nato il primo febbraio del 1941 - e pubblicato, nel 2010, dalla casa editrice Mondadori.
    Questo racconto narra la stori ...continua

    Il racconto La Schiappa è stato scritto da Jerry Spinelli - autore statunitense nato il primo febbraio del 1941 - e pubblicato, nel 2010, dalla casa editrice Mondadori.
    Questo racconto narra la storia e il percorso scolastico, dalla prima elementare alla prima media, di Donald Zinkoff, una vera schiappa. Durante gli anni della scuola, Zinkoff conosce diversi insegnanti ma i suoi preferiti sono: la signorina Meeks, docente di prima elementare, e il signor Yalowitz, docente di quarta elementare.
    L’ insegnante Meeks è sempre stata la sua preferita dal primo giorno di scuola e con il suo grande discorso di apertura lo ha saputo subito colpire.
    D’altra parte, l’insegnante Yalowitz ha saputo da sempre capirlo e lui è sempre stato il suo alunno preferito.
    Zinkoff ha sempre ammirato il lavoro del padre e anche lui da grande avrebbe voluto fare il postino. Durante una giornata “a lavoro con papà”, Zinkoff scopre la Willow Street dove trascorre la maggior parte della sua infanzia.
    Per la maggior parte del tempo, alle elementari, Zinkoff non si fa notare ma giunto in quarta elementare, viene “scoperto” e da tutti soprannominato “schiappa”.
    Nonostante il nomignolo, Donald è un ragazzino speciale con una dote meravigliosa: l’entusiasmo. E alla fine, la sua tenacia lo fa riconoscere per quello che è: Zinkoff, non una schiappa.
    In questo libro il personaggio principale è Zinkoff e del protagonista l’autore in realtà non vuole evidenziare tanto il suo “essere schiappa”, ma soprattutto la sua capacità di non arrendersi mai.
    Ambientato in luoghi sia chiusi che aperti, il racconto si svolge in un arco di tempo molto lungo secondo un ordine cronologico.
    In questo in racconto troviamo frasi per lo più lunghe e vengono usati sia il monologo interiore che i discorsi diretti.
    L’autore vuole trasmettere al lettore l’importanza di non mollare mai e la necessità di essere sempre se stessi. Anche se per gli altri potrai essere una “schiappa” non importa, conta solo chi sei veramente.
    Il racconto, a dire il vero, inizialmente non mi piaceva molto, ma dopo aver capito il messaggio che l’autore ci voleva dare è iniziato a piacermi tantissimo. Il personaggio che mi è piaciuto di più è, naturalmente, Zinkoff per la sua infinita tenacia e voglia di riprovarci sempre senza mai arrendersi.

    Pietro Di Maggio
    III A S.M.Mazzarello

    ha scritto il 

  • 2

    Libro caruccio per insegnare ai ragazzini che ognuno di noi anche il più goffo, il più 'strambo' può darci tanto e può affrontare situazioni estreme.
    Sinceramente a me questo messaggio non è arrivato ...continua

    Libro caruccio per insegnare ai ragazzini che ognuno di noi anche il più goffo, il più 'strambo' può darci tanto e può affrontare situazioni estreme.
    Sinceramente a me questo messaggio non è arrivato piuttosto alla fine pareva che la schiappa fosse uno sfigato per sempre, comunque tant'è :)
    5--/10

    ha scritto il 

  • 3

    Fenomenologia dello sfigato

    È impossibile non voler bene al protagonista; dal suo punto di vista effettivamente tutto fila...
    Credo però che i coetanei nella realtà siano ben più crudeli di come vengono descritti nel testo. ...continua

    È impossibile non voler bene al protagonista; dal suo punto di vista effettivamente tutto fila...
    Credo però che i coetanei nella realtà siano ben più crudeli di come vengono descritti nel testo.

    ha scritto il 

  • 3

    Una bella storia!

    L'ho letto anni fa alle medie e ne ho proprio un bel ricordo. Consigliato a tutti gli adolescenti! (Magari potrebbe risultare un pochino banale con il passare degli anni...)

    ha scritto il 

  • 4

    Ci sono dei momenti di pura poesia in questo libro, ma non ho apprezzato l'uso della narrazione al presente e le descrizioni noiosissime in determinati momenti. Non è che sia proprio un libro per bamb ...continua

    Ci sono dei momenti di pura poesia in questo libro, ma non ho apprezzato l'uso della narrazione al presente e le descrizioni noiosissime in determinati momenti. Non è che sia proprio un libro per bambini. Più che altro sembra un libro per adulti che vogliono leggere di bambini. Sono due cose differenti.

    ha scritto il 

  • 0

    Mi è piaciuto molto perché ha un bel significato, parla della diversità, che è una cosa frequente nelle scuole. Ti fa capire, attraverso la storia di un ragazzo diverso dagli altri, quello che non com ...continua

    Mi è piaciuto molto perché ha un bel significato, parla della diversità, che è una cosa frequente nelle scuole. Ti fa capire, attraverso la storia di un ragazzo diverso dagli altri, quello che non comprendi se ti viene spiegato.

    ha scritto il 

  • 5

    A me questo libro è piaciuto moltissimo; anche se l’inizio è un po’ noioso (le prime pagine sembrano infinite: è tutta una lenta e dettagliata descrizione dell’ambiente e l’interesse stenta a partire) ...continua

    A me questo libro è piaciuto moltissimo; anche se l’inizio è un po’ noioso (le prime pagine sembrano infinite: è tutta una lenta e dettagliata descrizione dell’ambiente e l’interesse stenta a partire), col proseguire della lettura la storia comincia ad essere appassionante e coinvolgente. La vicenda ha come protagonista un ragazzo, di nome Donald, che frequenta le elementari e che è diverso dagli altri. Racconta delle sue difficoltà a fare amicizia e della sua vita, infatti è spesso evitato dagli amici, perché è molto pasticcione e goffo e non riesce molto bene nelle cose che magari potrebbero sembrare semplici …
    Quasi tutta la storia è incentrata sulla riflessione personale, a volte buffa, sulle sue esperienze vissute a scuola e nella vita di tutti i giorni, raccontando anche dei problemi in famiglia e dei suoi desideri.
    Sa essere divertente e in alcuni casi anche serio.
    Andrea 3G

    ha scritto il 

Ordina per