Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La scomparsa dell'Italia industriale

Di

Editore: Einaudi (Vele, 3)

4.1
(105)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 106 | Formato: Paperback

Isbn-10: 880616628X | Isbn-13: 9788806166281 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Business & Economics , History , Political

Ti piace La scomparsa dell'Italia industriale?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Il nostro paese ha perso o fortemente ridotto la sua capacità produttiva in settori industriali nei quali era stato fra i primi al mondo. È il caso dell'informatica e della chimica. L'Italia industriale è uscita quasi completamente da mercati in continua crescita quali l'elettronica di consumo. Né è pervenuta a far raggiungere un'adeguata massa critica a industrie dove ancora possiede un grande capitale di tecnologia e di risorse umane, come l'aeronautica civile. Dove essa esisteva, l'ha frantumata; è avvenuto con l'elettromeccanica ad alta tecnologia. Resta in piedi un ultimo settore della grande industria, l'automobile, la cui crisi procede peraltro verso esiti al momento imprevedibili. I costi economici e sociali di tali vicende sono stati immensi. Come lo è il rischio di diventare una colonia industriale di altri paesi. Non è stata un'impresa da poco, aver lasciato scomparire interi settori produttivi nei quali si eccelleva: né aver mancato le opportunità per riuscirvi in quelli dove esistevano le risorse tecnologiche e umane per farlo. Sembra lecito chiedersi come ci si è riusciti. Questo saggio prova a declinare alcune risposte. Con l'auspicio di veder ricomparire una politica industriale, volta a favorire l'occupazione ad alta intensità di conoscenza e uno sviluppo più autonomo ed equilibrato di tutto il paese.
Ordina per
  • 0

    Competere senza industria

    Nel Punto della situazione 2: alle origini del declino, parlai delle ragioni del declino e delle pesanti responsabilità della nostra borghesia nazionale che ha abdicato al suo ruolo di classe dirigente. Il libro di Luciano Gallino che parla proprio di questo processo di de-industrializzazione sub ...continua

    Nel Punto della situazione 2: alle origini del declino, parlai delle ragioni del declino e delle pesanti responsabilità della nostra borghesia nazionale che ha abdicato al suo ruolo di classe dirigente. Il libro di Luciano Gallino che parla proprio di questo processo di de-industrializzazione subito dall’Italia ci dà ulteriori spunti e ci fornisce nuovi materiali di discussione sull’argomento. Tuttavia, prima di toccare i punti salienti del libro di Gallino che andranno a comporre questo Punto della situazione 3, vorrei operare un paio di puntualizzazioni. Intanto, riavvolgiamo il nastro del tempo e torniamo a qualche anno fa, quando questi processi stavano affermandosi. La scomparsa dell’industria in Italia, è bene ricordarlo, fu usata come strumento ideologico per attaccare la classe lavoratrice, il concetto stesso di lotta di classe, i comunisti, la sinistra più in generale. Sindacati, partiti politici, uomini di (pseudo) cultura si sono affrettati a fare abiura delle proprie posizioni ed in alcuni casi hanno contribuito a costruire quel concetto del tutto ideologico e perciò privo di fondamento che passa sotto il nome di post-industriale. Il fallimento dell’azione della classe dirigente italiana, tuttavia, ha trascinato alla bancarotta anche la classe avversa e subalterna, in un dissolvimento politico senza precedenti. In questo senso Marx aveva ragione nel dire che al Socialismo poteva essere contrapposta solo la barbarie e la rovina di tutti gli attori sociali in lotta.

    Ora passiamo in rivista le ragioni della fine dell’Italia industriale. Uno dei problemi è stato rappresentato dalla costante ricerca, da parte della nostra classe imprenditoriale, di finanziamenti pubblici a scapito dell’innovazione di prodotto. Aiuti a scapito del rischio industriale. Un altro dei problemi, nasce invece, in conseguenza di fusioni fra agglomerati più o meno simili (spesso dissimili) nei quali l’incontro deciso a tavolino fra culture imprenditoriali differenti genera conflitti importanti e spesso distruttivi. Stesso discorso per quanto riguarda la diversificazione degli investimenti tanto in voga nei grandi gruppi in crisi che, invece di puntare sulla focalizzazione e concentrazione degli sforzi nel settore di appartenenza, se ne escono in parte, investendo e disperdendo le forze in altri settori, dall’editoria alla finanza, passando per l’immobiliare. E’, inoltre, possibile che l’inettitudine della classe imprenditoriale e dirigente italiana sia stata facilitata dalla subalternità che questa ha sempre dimostrato nei confronti degli USA, atteggiandosi a campione di atlantismo, auto-distruggendo la propria capacità competitiva (come nel caso dell’informatica, dell’automobile, della chimica o della farmaceutica) in cambio di protezione.

    Questa subalternità Gallino la enuncia considerando che

    [...] Il ciclo di cessioni a imprese estere, privatizzazioni e smembramenti di grandi gruppi, [...], ha concorso ad avvicinare l’Italia allo stato di colonia industriale. Magari relativamente prospera, eppur colonia. Nelle colonie, com’è noto, sono i governatori, nell’interesse dei paesi che rappresentano, a stabilire in quale direzione deve procedere, o arrestarsi, l’economia locale. Non i dirigenti o i lavoratori di questa.

    Noi potremmo aggiungere che forse è proprio per questo che Monti ora adatta, in correlazione agli ordini ricevuti, la sua agenda e cambia marcia rispetto all’elettorato e al sistema di potere locale.

    I settori in cui si è notevolmente ridimensionata o addirittura dissolta la nostra capacità industriale sono i seguenti: l’informatica (emblematico il caso Olivetti); l’aeronautica civile, in cui l’Italia non è riuscita ad avere una adeguata massa critica nonostante le competenze, la tecnologia e le risorse umane. Anche qui emblematica è l’ostinazione a rimanere fuori dal consorzio Airbus; la chimica; l’elettronica di consumo che sconta anche un basso livello di brevetti in assoluto ed in numero relativo rispetto agli altri paesi cosiddetti avanzati e tutto ciò nonostante i livelli altissimi di consumo nazionale che ne garantirebbero la vita; l’industria automobilistica che sta subendo una forte crisi; l’hi-tech. Ciò che balza inoltre agli occhi dell’osservatore è la dimensione, piccola, delle nostre aziende rispetto a quelle di Francia, Gran Bretagna o Germania per comparare categorie dimensionali molto simili e tralasciando per decenza il confronto con paesi meno popolosi e/o di nuova tradizione industriale come la Finlandia, l’Austria, la Svizzera, l’Olanda, la Danimarca, paesi che puntano molto sulla conoscenza…. No: piccolo non è bello! Soprattutto quando un azienda deve finanziarsi ricerca e sviluppo e, a causa delle sue scarse dimensioni, non riesce a raccogliere le risorse per farlo.

    Come osserva Gallino, la miriade di aziende medie e soprattutto piccole e piccolissime non è sintomo di vitalità dell’economia italiana, poichè 1) la capacità di innovazione di queste è dipesa da quadri tecnici provenienti dalla grande scuola industriale oggi assente e 2) mancano le eccellenze che possano interagire con piccole e medie aziende. Come già osservato le dimensioni ridotte tagliano fuori dalla possibilità di una ricerca ad alto livello che possa poi assicurare la possibilità di competere a livello internazionale. Inoltre,

    Un paese che conti prevalentemente su di esse per la propria produzione industriale è condannato ad importare tecnologia dall’estero assai più di quanta non riesca ad esportarne, come attestano nel caso italiano i dati relativi all’import-export di brevetti internazionali. [...]

    Riassumendo, alla classe dirigente italiana è mancata la possibilità di vedere oltre la contingenza, sia per ragioni di insufficienza culturale che per opportunismo. Rispetto a queste considerazioni un paese, come già osservato, rischia seriamente una colonizzazione economica che in parte già c’è. E tuttavia nessuno dice che non ci debbano essere anche delle aziende estere che operano su suolo italiano ma, come ricorda Gallino

    [...] E’ ovviamente possibile che in quel paese, in quei particolari settori, operino unità produttive controllate da imprese straniere, capaci di assicurare localmente occupazione e reddito. Ma una tale situazione implica che tutte le decisioni in merito ai livelli di occupazione, alle condizioni di lavoro, alle retribuzioni, a che cosa si produce e a quali prezzi, ai prodotti che entrano nelle case e strutturano la vita delle persone, saranno prese altrove. Con il presupposto che i relativi costi economici, sociali e umani ricadranno sul paese ospitante. Per paesi in via di sviluppo, che l’industria non l’avevano, potrebbe essere – in molti casi di fatto è stata – una soluzione accettabile, almeno per un certo periodo. Per uno che sia stato tra i primi paesi industriali del mondo si tratterebbe invece di una rovinosa caduta. l’Italia sta correndo precisamente questo rischio.

    E’ tremendamente allarmante che, nell’attuale campagna elettorale, manchino totalmente questi temi di prima grandezza, sintomo semmai di una irrecuperabilità dei nostri leaders, della loro debolezza, della loro conclamata incapacità di lavorare se non per qualche entità che esula l’Italia come nazione storicamente determinata. Sintomo della loro subalternità e rifiuto di misurarsi con il mondo. Tutto questo in un momento in cui i Centri di Ricerca di varie associazioni di categoria (Confcommercio, Confesercenti, Casartigiani, CNA, Confartigianato) parlino chiaramente di consumi in picchiata e fallimenti a catena.

    VISITA ANCHE FLACONS WEB SERVICE

    ha scritto il 

  • 4

    L'almanacco degli errori dell'industria (e della politica) italiana

    Leggo questo saggio a distanza di dieci anni dalla sua pubblicazione. Troppi? Sicuramente no. I profili storici che, capitolo per capitolo, riassumono le fasi (decisamente calanti, autodistruttive, desolanti) dei settori industriali del nostro Paese, sono utilissimi e preziosi. Perché, appunto, s ...continua

    Leggo questo saggio a distanza di dieci anni dalla sua pubblicazione. Troppi? Sicuramente no. I profili storici che, capitolo per capitolo, riassumono le fasi (decisamente calanti, autodistruttive, desolanti) dei settori industriali del nostro Paese, sono utilissimi e preziosi. Perché, appunto, sintetici ma essenziali, e perché così presentati, senza inutili polemiche e con un'asciuttezza sociologica da manuale, riescono addirittura a comporre una sorta di "romanzo industriale". Dalla colpevole dismissione di Olivetti alla sconcertante vicenda Airbus, dai veleni della chimica all'insensata e inesauribile deriva Fiat: il racconto di Gallino non esclude le critiche ma prova a fornire anche soluzioni. Giova, quindi, riassumerle, ché sono "cose semplici a dirsi, ma difficili a farsi": ribaltare la supremazia della finanza rispetto all'economia reale, organizzare il lavoro con progetti (e riforme legislative) di lungo termine, e, soprattutto, investire in sviluppo e ricerca (non affidandosi soltanto alle pur necessarie piccole e medie imprese e ai loro proporzionati investimenti). Lavoro e conoscenza. Sembra facile...

    ha scritto il 

  • 4

    Ho lavorato in Olivetti per anni e l'ho vista pian piano morire. Vien da piangere e da incazzarsi, quante eccellenze, quante belle teste buttate allegramente nel cesso. Ma loro, loro sono ancora qui e inciampi nei loro nomi più o meno ogni giorno.

    ha scritto il 

  • 4

    Un libro da leggere assolutamente per capire da dove parte il declino dell'Italia. Le intelligenze, le grandi innovazioni organizzative e industriali sono state svendute a poco prezzo a causa della cecità dei nostri politici, e di imprenditori che nulla hanno ha che fare con l'impresa. Vi farete ...continua

    Un libro da leggere assolutamente per capire da dove parte il declino dell'Italia. Le intelligenze, le grandi innovazioni organizzative e industriali sono state svendute a poco prezzo a causa della cecità dei nostri politici, e di imprenditori che nulla hanno ha che fare con l'impresa. Vi farete il sangue marcio, ma è proprio da leggere.

    ha scritto il 

  • 4

    Mi ha aiutato a capire molto sul perchè eravamo una delle nazioni più attive in campo industriale negli anni '60, anni del boom economico. E sul perchè ora stiamo piano piano sparendo dal panorama economico internazionale. Avevamo tra i migliori centri ricerca nel campo dell'elettronica, della ch ...continua

    Mi ha aiutato a capire molto sul perchè eravamo una delle nazioni più attive in campo industriale negli anni '60, anni del boom economico. E sul perchè ora stiamo piano piano sparendo dal panorama economico internazionale. Avevamo tra i migliori centri ricerca nel campo dell'elettronica, della chimica, abbiamo forgiato premi nobel, ci hanno copiato in tutto il mondo. Eppure alla fine abbiamo smesso di fare ricerca, abbiamo cominciato a mandare via i migliori cervelli dal nostro paese.....a questo punto è un paese che difficilmente riuscirà ad invertire la rotta.

    ha scritto il