Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

La scoperta dell'alfabeto

By Luigi Malerba

(5)

| Softcover

Like La scoperta dell'alfabeto ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Collana "I Delfini 245"

10 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Mi è bastata una frase

    Avevo letto una frase di questo libro, tratta dal primo racconto, quello che dà il titolo alla raccolta "La scoperta dell'Alfabeto". C'è Ambanelli che vuole imparare a leggere e a scrivere e così si fa spiegare come funziona dal figlio del padrone. A ...(continue)

    Avevo letto una frase di questo libro, tratta dal primo racconto, quello che dà il titolo alla raccolta "La scoperta dell'Alfabeto". C'è Ambanelli che vuole imparare a leggere e a scrivere e così si fa spiegare come funziona dal figlio del padrone. Ad un certo punto dice "Queste cose le ha inventate della gente che aveva tempo da perdere".

    Ecco, mi è bastato questo per cercare questo libro. In libreria non si trova, ma ormai grazie ad Internet, si trova veramente di tutto e sono riuscito a comprarlo abbastanza semplicemente. E ho fatto bene, perché questi racconti sono uno più bello dell'altro.

    Credo proprio che mi metterò a cercare qualche cosa d'altro di Malerba. Suggerimenti?

    (Ho visto che i libri di Malerba, quelli disponibili, costano pochissimo... http://goo.gl/4DzTRh c'è da approfittarne)

    Is this helpful?

    Giovanni Sonego said on Jan 5, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    In copertina Léger, The great parade [1954]
    Ambanelli, il primo personaggio del primo racconto, lavora con me. E non lo sa.

    Is this helpful?

    [radek] said on Oct 1, 2012 | Add your feedback

  • 10 people find this helpful

    "Un uomo onesto, un uomo probo..." *

    Ci si invaghisce facilmente della schiettezza di Malerba, di quella sua sincerità vagamente crudele, della scarna pulizia del suo sguardo.
    Così come ci si innamora (si tratta di un amore piccolo, privo di passione, di contrasti, naturale quanto un'i ...(continue)

    Ci si invaghisce facilmente della schiettezza di Malerba, di quella sua sincerità vagamente crudele, della scarna pulizia del suo sguardo.
    Così come ci si innamora (si tratta di un amore piccolo, privo di passione, di contrasti, naturale quanto un'intesa intellettuale) subito della sua scrittura pragmatica, del modo, rigoroso, in cui i suoi pensieri procedono, lontani da inutili, sentimentali patetismi.
    I destini dei suoi personaggi (sia qui che in "Storiette"), d'altra parte, sono già scritti, e Malerba, dal canto suo, si limita a farne la cronaca, riflettendo, perfettamente, la pacifica rassegnazione che contraddistingue questa semplice e saggia gente di campagna, abituata a fronteggiare (o, per meglio dire, subire) i capricci della natura armata soltanto di qualche preghiera.
    E' un universo speciale, ad ogni modo, quello che M. disegna con la punta sottile della sua penna, un universo lontano ed affascinante, nel quale le parole non contano poi molto.
    Un mondo, al tempo stesso, immobile e dinamico (c'è chi va, come Oreste, che parte con la sua gamba di legno per non tornare mai più, c'è chi viene, come Fortunato, destinato ad essere, per sempre, straniero), nonché illuminato, seppur di sbieco, da uno spirito divertente e divertito, che, portato all'estremo, finisce per dare vita a situazioni assurde e paradossali (vedi "L'amore in fondo al pozzo").
    Delizioso e malinconico.

    * "La ballata dell'amore cieco" - Fabrizio De André
    http://www.youtube.com/watch?v=SEN_-q2fGZI

    Is this helpful?

    alice said on Apr 16, 2012 | 3 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Chi per caso non l'avesse ancora letto rimedi al più presto. A mio avviso la più bella raccolta di racconti del dopoguerra in Italia. L'ambientazione contadina è terra di riscatto, quasi sempre mancato, riscatto che non si limita alla condizione soci ...(continue)

    Chi per caso non l'avesse ancora letto rimedi al più presto. A mio avviso la più bella raccolta di racconti del dopoguerra in Italia. L'ambientazione contadina è terra di riscatto, quasi sempre mancato, riscatto che non si limita alla condizione sociale d'appartenenza, alle ristrettezze economiche, ma diventa rivalsa dell'uomo da se stesso, affermazione di dignità attraverso l'umiliazione. Malerba, assieme al primissimo Celati (narratori della pianura), riesce a rinnovare linguaggio e tematiche. Un capolavoro.

    Is this helpful?

    Marco said on Aug 29, 2010 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    La (mia) scoperta di Malerba

    Che piacevole incontro! Ho adorato queste piccole perle legate tra loro da più fili. Tanti brevi racconti a formarne uno solo che ha per protagonisti i contadini, la nostra terra, la loro vita e la morte ma soprattutto le PAROLE e il loro potere. Que ...(continue)

    Che piacevole incontro! Ho adorato queste piccole perle legate tra loro da più fili. Tanti brevi racconti a formarne uno solo che ha per protagonisti i contadini, la nostra terra, la loro vita e la morte ma soprattutto le PAROLE e il loro potere. Quelle parole che non si riescono a dire o che non si vogliono più dire, quelle che non si conoscono e quelle che si sognano.
    Le parole così sapientemente usate da Malerba, che ci accompagna tenendoci per mano, in questo mondo contadino che non esiste più, strappandoci molti sorrisi velati di malinconia.

    Is this helpful?

    Barbara said on May 21, 2010 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Racconti che formano un racconto, una finestra sul mondo contadino degli anni della seconda guerra mondiale. Un mondo che ci appartiene per vicinanza geografica e perchè fa parte della nostra tradizione, una tradizione che, in alcune zone, è sopravvi ...(continue)

    Racconti che formano un racconto, una finestra sul mondo contadino degli anni della seconda guerra mondiale. Un mondo che ci appartiene per vicinanza geografica e perchè fa parte della nostra tradizione, una tradizione che, in alcune zone, è sopravvisuta anche alla civiltà dei consumi. E' un mondo non idilliaco, abitato da persone che, grazie alla penna di Malerba, diventano personaggi, macchiette, di vizì e virtù che contraddistinguono le passioni umane. Un libro che vale la pena leggere per avvicinarsi alla scrittura preziosa di Malerba e per riscoprire la civiltà contadina.

    Is this helpful?

    Elicy said on May 11, 2010 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book