Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La setta degli assassini

Le guerre del mondo emerso vol. 1

Di

Editore: Mondadori (I Grandi)

3.8
(3013)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 524 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Tedesco

Isbn-10: 8804552727 | Isbn-13: 9788804552727 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Illustrazione di copertina: Paolo Barbieri

Disponibile anche come: Paperback , Altri

Genere: Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy , Teens

Ti piace La setta degli assassini?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Sono passati quarant'anni dalla grande guerra che ha messo fine alla sete di conquista di Aster il Tiranno, ma ancora il Mondo Emerso non ha trovato pace. Dohor, Cavaliere di Drago diventato Re della Terra del Sole, sta lentamente estendendo la sua influenza sul resto delle Terre Emerse, vincendo la resistenza dei pochi che ancora gli si oppongono. Tra questi il Consiglio delle Acque, che sembra però perdere terreno di giorno in giorno, e il fronte guidato dallo gnomo Ido, che combatte da più di cento anni ed è sempre il migliore. Eppure Dohor non è l'unico a tramare per il potere. La misteriosa Gilda degli Assassini, i cui membri sono votati all'omicidio in tutte le sue forme, ha riportato in vita il culto sanguinario e terribile di Aster.
Ordina per
  • 5

    L'assassino e la bambina

    Questo secondo capitolo della Trosi dedicato al Mondo Emerso mi ha coinvolto particolarmente perché pur rifacendosi alle vicende del primo ciclo, trova una nuova eroina che nulla ha a che vedere con Nihal. Si tratta della giovane Dubhe, una ladra e un'assassina suo malgrado, che in seguito ad un ...continua

    Questo secondo capitolo della Trosi dedicato al Mondo Emerso mi ha coinvolto particolarmente perché pur rifacendosi alle vicende del primo ciclo, trova una nuova eroina che nulla ha a che vedere con Nihal. Si tratta della giovane Dubhe, una ladra e un'assassina suo malgrado, che in seguito ad un terribile incidente, a soli 8 anni, viene considerata responsabile della morte di un suo compagno di giochi e bandita per sempre dal proprio villaggio natale. Troverà conforto e salvezza in un Assassino che le sarà padre,fratello e, platonicamente, amante e che l'addestrerà alla sua arte. Il racconto di questo complesso rapporto amoroso tra l'Assassino disincantato,quasi privo d'umanità e la piccola, che ne fa il proprio idolo, la sua unica ragione di vita, mi ha ricordato uno dei film che amo di più, Leòn, di Luc Besson, poetico e struggente nella sua impossibilità. Infine quando il passato ritorna lo fa nelle spoglie del personaggio a me più caro della vecchia saga, Ido,inossidabile,indistruttibile e incapace d'arrendersi.
    Da leggere dopo aver visto Leòn

    ha scritto il 

  • 2

    La seconda trilogia della Troisi inizia con un personaggio irritante, e per giunta poco coinvolgente. Peccato, mi ha fatto perdere subito la voglia di portare a termine la trilogia.

    ha scritto il 

  • 4

    Primo libro della seconda trilogia della Troisi.
    Sarà perché l'ho iniziato poco dopo aver terminato la prima trilogia "Cronache del Mondo Emerso" e che quindi mi aspettavo di incontrare gli stessi personaggi e il proseguo delle loro avventure, sarà perché quei personaggi in realtà li ho rit ...continua

    Primo libro della seconda trilogia della Troisi.
    Sarà perché l'ho iniziato poco dopo aver terminato la prima trilogia "Cronache del Mondo Emerso" e che quindi mi aspettavo di incontrare gli stessi personaggi e il proseguo delle loro avventure, sarà perché quei personaggi in realtà li ho ritrovati ma già cresciuti e ormai "con la loro vita"....fattostà che ho fatto un po' difficoltà ad abituarmi alla nuova eroina/protagonista ed alla sua storia, totalmente diversa dalla precedente....
    Devo dire però che, a parte questo malinconico e soggettivo impatto iniziale, proseguendo con la lettura anche questo racconto "ti prende", meno della prima trilogia ma, ripeto, può essere solo un'opinione soggettiva..

    ha scritto il 

  • 4

    Difficile: ci sono scene molto cruente che non credo consiglierei a dei ragazzini, ma la storia è intrigante e trascina.
    Anche il modo di raccontare, interrotto dai flashback che rivelano pian piano la vita passata della protagonista, mi è piaciuto.

    ha scritto il 

  • 3

    Non mi è piaciuto.
    Mi piace sempre come scrive Licia Troisi, ma c'erano tutti gli stessi i topos della prima trilogia (la guerriera coraggiosa ma tormentata, il mago premuroso, il maestro paterno...) e la storia tra Dubhe e il Maestro era identica a quella tra Leon e Matilda.

    ha scritto il 

Ordina per