Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La signora

Di

Editore: A. Mondadori (Gli Oscar settimanali, 86)

4.4
(16)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 225 | Formato: Tascabile economico

Isbn-10: A000070630 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Cristina Baseggio

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida

Ti piace La signora?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    Letto da bambino - lo trafugai dalla libreria di mia madre, all'epoca in cui vivevamo ancora in campagna...
    Ne conservo un ricordo bellissimo. A ripensarci adesso, direi che è la versione "platonica" dell'Amante di Lady Chatterley. Anche qui ci sono una Signora e un cacciatore. E un amore i ...continua

    Letto da bambino - lo trafugai dalla libreria di mia madre, all'epoca in cui vivevamo ancora in campagna...
    Ne conservo un ricordo bellissimo. A ripensarci adesso, direi che è la versione "platonica" dell'Amante di Lady Chatterley. Anche qui ci sono una Signora e un cacciatore. E un amore impossibile, che però rimane tale. Il sogno di un amore.
    Sapete che vi dico? Quasi quasi preferisco questo al romanzo di Lawrence!

    ha scritto il 

  • 5

    Secondo alcuni è il più bel libro di E. Wiechert.
    In realtà può prestare il fianco a critiche; potrebbe sembrare un libro datato, con uno stile di scrittura enfatico. L' ho letto la prima volta quando ero molto giovane e, quando lo rileggo, l'impressione, che fu forte allora, la ritrovo s ...continua

    Secondo alcuni è il più bel libro di E. Wiechert.
    In realtà può prestare il fianco a critiche; potrebbe sembrare un libro datato, con uno stile di scrittura enfatico. L' ho letto la prima volta quando ero molto giovane e, quando lo rileggo, l'impressione, che fu forte allora, la ritrovo sempre. I due caratteri descritti (la Signora e il cacciatore) sono splendidi; personalità che oggi non si ritrovano forse più, che non sono più di moda. Così come non è più di moda la loro ricerca.

    ha scritto il