Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La signora Craddock

Di

Editore: Newton & Compton

3.9
(189)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 254 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Tedesco , Inglese , Francese

Isbn-10: 8854109371 | Isbn-13: 9788854109377 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Copertina rigida

Genere: Fiction & Literature

Ti piace La signora Craddock?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
A causa del suo contenuto giudicato "estremamente audace", questo romanzo venne rifiutato da parecchi editori inglesi. Ambientato nell'Inghilterra di fine Ottocento, "La signora Craddock" è la storia di un matrimonio infelice che si intreccia con il complicato equilibrio fra classi sociali diverse. Sposando Edward Craddock, fattore della grande tenuta di cui è padrona, Berta Ley vedrà la propria vita modificarsi in modo del tutto imprevisto: non la grande passione, ma l'estinguersi del desiderio e delle illusioni. Tra le prime opere di Somerset Maugham, questo romanzo rivela le notevoli capacità di osservazione di uno scrittore ancora quasi sconosciuto, e l'audacia nell'analizzare il tema dei conflitti e dei turbamenti all'interno del matrimonio, che per la prima volta cominciava ad essere affrontato nel romanzo inglese.
Ordina per
  • 4

    E le zie stanno a guardare

    La signora Craddock, prima di diventare tale, è una ragazza ricca, di carattere indipendente e passionale, che si innamora follemente di un uomo di condizione inferiore alla sua, ed essendo libera ...continua

    La signora Craddock, prima di diventare tale, è una ragazza ricca, di carattere indipendente e passionale, che si innamora follemente di un uomo di condizione inferiore alla sua, ed essendo libera di farlo, lo sposa. Con il matrimonio diventerà, per diversi motivi che Maugham sviscera magistralmente, una signora Craddock inquieta, disillusa e infelice (un filo anche sfortunata, bisogna dirlo), vittima di un amore contro il quale la sua intelligenza e le sue risorse interiori non potranno nulla. Nell'incipit del libro Maugham afferma infatti: “Forse questo libro avrebbe potuto anche intitolarsi Il Trionfo dell'Amore”. E' un incipit che si dimentica dopo tre minuti, anche perché lì per lì sembra fuori luogo, ma il suo vero crudele significato riemerge alla fine del libro. Nonostante quasi tutta la storia sia vista con gli occhi di lei, abbiamo un ritratto ragionevolmente imparziale anche del marito. Se all'inizio si tende a parteggiare nettamente per uno dei due, ci si rende conto poi che la realtà è molto più complessa e che in questo matrimonio unilateralmente infelice non si possono incolpare le inadeguatezze personali dell'uno o dell'altra, ma occorre tener presente certe profonde e alla lunga implacabili incompatibilità (è importante precisare che non si parla necessariamente di differenze sociali). La zia di Bertha, anziana signora (di 47 anni!) saggia ed eccessivamente discreta, ce ne dà un poetico e illuminante esempio parlandone con il vecchio dottore: “Sapete, per Bertha il libro della vita è scritto tutto in corsivo, per Edward invece a grosse lettere maiuscole, come il frontespizio dei quaderni di scuola. Non credete che questo potrebbe essere per tutti una difficoltà per la lettura del libro?” La zia, appunto. Personaggio affascinante, seriamente, avrebbe potuto fare un'ottima carriera come osservatrice dell'Onu, se all'epoca fosse già esistita l'Onu. Essendo i tempi ancora immaturi, la zia può osservare solo le persone che ha intorno, nutrendosi golosamente delle loro esperienze e dei loro errori, da lei registrati con equanimità e senza mai giudicare. Ma anche senza intervenire, non dico con un consiglio, ma con un invito a riflettere un mesetto, qualche settimana, al limite un attimino. A che giova tenersi tanta saggezza solo per sé? E' un po' anche colpa sua se in Bertha “l'amore ha trionfato”, ma non nel senso che ci aspettavamo. Trovo che il libro sia un gioiello di analisi psicologica, tanto più sorprendente perché appassionante, senza momenti di stanca. Utilissimo da leggere e discutere in coppia, al posto di un corso prematrimoniale. Con preziosi consigli anche per le zie sagge e discrete.

    ha scritto il 

  • 4

    Dopo il pragmatismo nei sentimenti in versione femminile di madame Armande, la seconda moglie di Lettera a un giudice di Simenon, il pragmatismo maschile di Mr Craddock. Vittima designata e presto ...continua

    Dopo il pragmatismo nei sentimenti in versione femminile di madame Armande, la seconda moglie di Lettera a un giudice di Simenon, il pragmatismo maschile di Mr Craddock. Vittima designata e presto consapevole, una signorina di buona famiglia tanto romantica, quanto caratterialmente volitiva. E soprattutto ben messa con gli ormoni. Miscela inglese di gran pregio. E qui smetto di trameggiare, ché sarebbe uno sfregio anche vagamente spoilerare (ma rinunciare assai mi costa, perché assai mi è piaciuto).

    Il primo Maugham. Ma c’è già tutta la sapienza del grande raccontatore di storie. Fa irrompere il suo cinismo sottilmente acido e anticonformista nella provincia inglese d'epoca. Romanzo di una godibilità che è traditora, perché nasconde, dietro l’apparenza di una storia facile, per signorine, una svolta per stile e contenuto, nella letteratura inglese di quel periodo e di quell’ambientazione.

    Comunque, tornando al tema, rispetto a Simenon difficile immaginare qualcosa di più diverso (“diverso”, qui ha un senso, doppio, che spiega tante cose). Altro tono, altra trama, altra morale. Per riassumerla, la morale, cito il personaggio mio personale premio Oscar dell’anno come “attrice non protagonista”, la zia, la signorina Ley:

    “Scosse le spalle e mormorò la massima di La Rochefoucauld: «Entre deux amants il y a toujours un qui aime et un qui se laìsse aimer». E a questa massima ella ne aggiunse un’altra, anch’essa francese, della quale, poiché non conosceva l’autore, non esitò ad attribuirsi la maternità. Le sembrava proprio che riassumesse la situazione: «Celui qui aime a toujours tort».”

    ha scritto il 

  • 4

    Il vero volto del matrimonio

    Ottimo dipinto di un matrimonio, Maugham è davvero un acuto osservatore e un esperto dell'animo umano. Lo adoro! La signorina Ley è davvero unica, mentre non ho compreso a pieno i sentimenti di ...continua

    Ottimo dipinto di un matrimonio, Maugham è davvero un acuto osservatore e un esperto dell'animo umano. Lo adoro! La signorina Ley è davvero unica, mentre non ho compreso a pieno i sentimenti di Edward verso la moglie ma credo che sia più colpa mia che dell'autore. Lettura consigliata per gli amanti del matrimonio; per quanto mi riguarda, invece, ha confermato le mie tesi :)

    ha scritto il 

  • 4

    LA SIGNORA CRADDOCK

    Somerset Maugham ti prende, ti deposita su una comoda poltrona e ti mostra con ironia e molta intelligenza un bel film sui vizi della middleclass inglese. Nei suoi libri riesce a tradurre con rara ...continua

    Somerset Maugham ti prende, ti deposita su una comoda poltrona e ti mostra con ironia e molta intelligenza un bel film sui vizi della middleclass inglese. Nei suoi libri riesce a tradurre con rara precisione uno dei suoi piú gustosi aforismi:" Il divario tra quel che un uomo professa e quel che fa è uno degli spettacoli più divertenti offerti dalla vita."

    E cosí senza fatica e molto gusto assapori uno sguardo disincantato su una umanitá carica di difetti, ma appunto umana.

    Somerset Maugham un vero amico con la sensibilitá di una donna. La signora Craddock potrebbe averlo scritto Jane Austen. E non é un difetto.

    ha scritto il 

  • 5

    E’ un libro davvero molto molto bello. L’ho “vissuto”, forse perché in tante cose sono simile alla protagonista. Ho lo stesso modo di pensare e di sentire. Quello che è certo è che questo ...continua

    E’ un libro davvero molto molto bello. L’ho “vissuto”, forse perché in tante cose sono simile alla protagonista. Ho lo stesso modo di pensare e di sentire. Quello che è certo è che questo non è un racconto felice. E’ forse più la storia triste di una donna dai grandi sentimenti e di grandi ideali che si scontra con una realtà grigia di normalità. L’ho vista un po’ come una rassegnazione al “lasciarsi vivere”…ma poi mi sono chiesta: e se invece fosse solo la consapevolezza di vivere la vita vera? E se la vita vera fosse fatta di cose piccole, piccole emozioni che diventano grandi nella consapevolezza che abbiamo di noi stessi? E’ la prima volta che la lettura di un libro mi spalanca davanti la porta di in dubbio così grande….

    ha scritto il 

  • 4

    Quando Maugham lo scrisse era un giovane autore sconosciuto ed ancora agli esordi. Eppure considero questo uno dei suoi migliori romanzi.

    Dalla apparentemente banale storia del matrimonio di ...continua

    Quando Maugham lo scrisse era un giovane autore sconosciuto ed ancora agli esordi. Eppure considero questo uno dei suoi migliori romanzi.

    Dalla apparentemente banale storia del matrimonio di Bertha Ley ed Edward Craddock i quali, sebbene innamorati l'uno dell'altra mostrano presto una tale diversità di concepire il modo di amare, di rapportarsi al mondo, di intendere la cultura, le arti, le gioie del tempo libero, il rapporto tra i sessi da rendere difficilissima se non addirittura impossibile la convivenza se non a prezzo di rinunciare alla propria individualità Maugham ricava una formidabile rappresentazione della difficoltà di riuscire a comunicare davvero anche quando vi sia da entrambe le parti la migliore volontà di farlo. Dal particolare della storia di una particolare coppia, una riflessione profonda che va ben al di là di considerazioni sull'istituto del matrimonio e che riguarda, più in generale, quanto nei rapporti personali sia difficile gestire e far convivere le diversità.

    Assolutamente strepitoso, poi, il personaggio Miss Ley, la zia di Bertha. Già solo questo solo personaggio meriterebbe pagine intere di analisi e di commento…

    ha scritto il 

  • 4

    Mrs Craddock è il racconto di una storia d'amore, o, nelle parole dell'ironica linea d'apertura, 'this could be called the Triumph of Love'. La giovane Bertha torna in Inghilterra (nel Kent) dopo la ...continua

    Mrs Craddock è il racconto di una storia d'amore, o, nelle parole dell'ironica linea d'apertura, 'this could be called the Triumph of Love'. La giovane Bertha torna in Inghilterra (nel Kent) dopo la morte del padre, con cui ha viaggiato per molti anni in tutta Europa, per vivere con la zia Polly nella proprietà di famiglia, Leys Court. Qui ritrova l'amico d'infanzia Edward Craddock, e se ne innamora. Nonostante la differenza di classe (Bertha appartiene alla landed gentry, la piccola nobiltà di campagna, ed Edward è un tenant della sua proprietà, un fittavolo) Bertha è decisa a sposarlo. Il suo tutore è indignato dalla sua decisione e tenta in tutti i modi (invano) di ostacolarla, mentre zia Polly, conscia del carattere di ferro della nipote e dell'inerente scemenza degli innamorati, decide di tenersi fuori dall'intera faccenda. Quello che segue è una profonda analisi di un matrimonio poco fortunato, anche se il problema non risiede affatto nella differenza sociale, ma in qualcosa di più universale, cioè la mancanza di interessi comuni e la completa dissonanza nella visione della vita.

    http://robertabookshelf.blogspot.it/2013/01/mrs-craddock-di-william-somerset-maugham.html

    ha scritto il 

  • 5

    Se state per sposarvi o avete un matrimonio che traballa: non leggetelo. Maugham è bravissimo ad affrontare la questione amore e matrimonio; i sentimenti cambiano, le opinioni anche e se le scelte ...continua

    Se state per sposarvi o avete un matrimonio che traballa: non leggetelo. Maugham è bravissimo ad affrontare la questione amore e matrimonio; i sentimenti cambiano, le opinioni anche e se le scelte sono avventate..........non sapete cosa vi aspetta.

    ha scritto il 

  • 4

    Trollope è morto

    Addio agli amori che ricevono un compenso, dopo un cammino faticoso ma ottimisticamente postulabile, addio al mondo del tutto buon o tutto cattivo. Addio alle passioni che hanno una giustificazione ...continua

    Addio agli amori che ricevono un compenso, dopo un cammino faticoso ma ottimisticamente postulabile, addio al mondo del tutto buon o tutto cattivo. Addio alle passioni che hanno una giustificazione in sè e per sè. Trollope è morto, viva Maugham. Alle giovani oneste fanciulle timorate di Dio e delle convenzioni vittoriane si sovrappone la figura di questa ragazza innamorata dell'amore...che non c'è. Innamorata tremendamente dell'idea della passione, la signora Craddock percorre il mondo della provincia inglese agli inizi del secolo scorso costruendosi un immaginario di emozioni che non troveranno riscontro nella realtà. Fino alla fine. Fino a lasciarsi vivere, attraversando il fiume che la separa dalle altre figure, sole e tante, dell'altra sponda. Resta, di Trollope, uno sguardo un po' ironico ( ma quanto più amaro!) e lo sfondo verde prato. Ma il fango affiora.

    ha scritto il 

Ordina per