Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

La signora Dalloway

By Virginia Woolf

(780)

| Others | 9788804493013

Like La signora Dalloway ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Il romanzo narra la giornata di Mrs. Dalloway e di altri personaggi che, a turno, si trovano sia sullo sfondo che sulla superficie della vicenda.

Clarissa Dalloway è una ricca signora cinquantenne che organizza un party in casa per la sera.

Continue

Il romanzo narra la giornata di Mrs. Dalloway e di altri personaggi che, a turno, si trovano sia sullo sfondo che sulla superficie della vicenda.

Clarissa Dalloway è una ricca signora cinquantenne che organizza un party in casa per la sera.

Nella prima parte del libro la troviamo a passeggio per le strade di Londra, tutta presa da ricordi della sua vecchia vita a Bourton, quando, in compagnia della vecchia zia e di tanti suoi amici, trascorreva le giornate in perfetta armonia.

La Woolf fa uso della tecnica del monologo interiore, i moments of being, per descrivere lo scenario. Un determinato oggetto contiene in sé il mistero di un qualsivoglia ricordo disperso nei meandri del nostro inconscio. In questo modo la teoria di Marcel Proust riguardo il potenziale magico che contengono in sé oggetti e situazioni,trova un nobile specchio nelle intenzioni della Woolf di esplicare al meglio la pratica dell'asserzione. Così il movimento ondeggiante di una foglia in uno dei tanti parchi londinesi, può ricordare a Clarissa la passione per la danza o le lunghe cavalcate a Bourton, e l'incontro mattutino con Hugh Withbread porta a bussare alla mente di Clarissa diversi ricordi riguardanti la sua giovinezza come il ricordo di Peter Walsh, suo corteggiatore a Bourton, l'uomo che aveva rifiutato per Mr. Dalloway (Richard Dalloway era di certo molto più ricco e di buone maniere rispetto a Peter). Ma il pensiero di Peter la accompagna quasi ogni giorno: per le strade mentre passeggia,ad una delle tante feste che organizza a sera in casa (e dio solo sa quanto Peter la giudicherebbe ridicola se solo la vedesse!).

Questo sottile gioco della Woolf - un flusso eterno di ricordi e realtà, passeggiata,ricordi e considerazioni, se, possibilità, domande, risposte, impossibilità della risposta - porta il romanzo a sfornare un flusso continuo di informazioni già dall'inizio.

Mano mano che andiamo avanti compaiono personaggi di cui non abbiamo mai sentito parlare; dei perfetti sconosciuti che la Woolf ci presenta col massimo grado di semplicità,e con una sfumatura di non-chalance franco-sassone che tanto era in voga a inizio del Novecento a Londra.

La Woolf ci presenta tutta la sua società,quella borghese spicciola,la parte viscida di Londra,e quella nobile e reale a cui tende tutta la civiltà,i sobborghi poveri - quasi tralasciati,sullo sfondo - la gente infima, i colti, i belli e quelli brutti, orrendi e emarginati dalla società.

447 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    un capolavoro

    "La pace discese su di lei, era calma, contenta, mentre l'ago con delicatezza tirava il filo di seta fino alla pausa gentile, e raccogliendo le pieghe, le riprendeva insieme leggere, intorno alla vita. Così si raccolgono, si sollevano, e ricadono, si ...(continue)

    "La pace discese su di lei, era calma, contenta, mentre l'ago con delicatezza tirava il filo di seta fino alla pausa gentile, e raccogliendo le pieghe, le riprendeva insieme leggere, intorno alla vita. Così si raccolgono, si sollevano, e ricadono, si raccolgono e ricadono ancora le onde in un giorno d'estate; e il mondo intero sempre più gravemente sembra che dica "è tutto", finché anche il cuore, che sta nel corpo disteso sulla spiaggia al sole, dice, è tutto. Non temere, dice il cuore. Non temere, dice il cuore, affidando il proprio fardello al mare, che sospira per tutte le pene, e riprende, e ricomincia, e si raccoglie, e ricade."

    Is this helpful?

    Dana (sono solo Nuvole questi pensieri) said on Sep 9, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    «No, no, no! Lui non ne era più innamorato, non più. Solo si sentiva, dopo averla vista quella mattina, ago e forbice in mano, a prepararsi per la festa, incapace di distogliersi dal pensiero di lei; lei badava a tornare e tornare, come un dormiente ...(continue)

    «No, no, no! Lui non ne era più innamorato, non più. Solo si sentiva, dopo averla vista quella mattina, ago e forbice in mano, a prepararsi per la festa, incapace di distogliersi dal pensiero di lei; lei badava a tornare e tornare, come un dormiente che gli scossoni del treno ti ributtano addosso di continuo, in uno scompartimento ferroviario; il che non equivale ad essere innamorati, è ovvio».

    Is this helpful?

    Lucia said on Aug 30, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Oddio, ma si può leggere un libro del genere, a maggior ragione durante l'estate?

    Sarò carente di sensibilità artistica, spirito critico e tutto quello che volete, sarà pure una lettura troppo “cerebrale” per una non intellettuale come me, ma a me è sembrato fin da subito una tortura mostruosa. Abbandonato dopo due giorni, e senza ...(continue)

    Sarò carente di sensibilità artistica, spirito critico e tutto quello che volete, sarà pure una lettura troppo “cerebrale” per una non intellettuale come me, ma a me è sembrato fin da subito una tortura mostruosa. Abbandonato dopo due giorni, e senza rimpianti. Non ho voglia di bruciarmi i neuroni su un romanzo che oltretutto non mi trasmette nulla.

    Is this helpful?

    Mirage said on Aug 29, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Certamente non si può ignorarlo. Bella esperienza di lettura, pur resa difficile dallo stile del "flusso di coscienza".

    Is this helpful?

    Unteconchaplin said on Aug 12, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Mi inchino davanti alla grandezza di questa scrittrice.
    Dopo un anno al liceo con un professore di italiano fantastico, sono riuscita ad appassionarmi anche al mondo, talvolta incompreso, dei primi anni del Novecento.
    In preparazione al grande pass ...(continue)

    Mi inchino davanti alla grandezza di questa scrittrice.
    Dopo un anno al liceo con un professore di italiano fantastico, sono riuscita ad appassionarmi anche al mondo, talvolta incompreso, dei primi anni del Novecento.
    In preparazione al grande passo ... per continuare http://lagiovanelibraia.blogspot.it/2014/07/bookreview-…

    Is this helpful?

    La giovane Libraia, CarolH. said on Aug 8, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book

Margin notes of this book