La signora con il cagnolino

e altri racconti

Voto medio di 124
| 17 contributi totali di cui 13 recensioni , 4 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Personaggio dopo personaggio, trama dopo trama Cechov si fa neutrale e invisibile coscienza del suo tempo, gettando un limpido sguardo sulla vita che trascorre, giorno dopo giorno, in un'insensatezza terribilmente dolce, intima, accogliente. Così era ...Continua
Peppesta
Ha scritto il 26/01/16

La signora con il cagnolino mi ha portato a spasso tra pensieri e paesaggi sconosciuti, eppure mi sembrano più veri di me.

  • 1 mi piace
Alan53
Ha scritto il 29/09/15
I racconti di Gogol descrivono un mondo semplice. Gogol è semplice. Il mondo è semplice. Gogol è il mondo. Il piacere di una lettura nasce con Gogol. Deve nascere con Gogol. Lui si che ha saputo descrivere in un modo speciale e ha delineato personali...Continua
  • 1 commento
alice
Ha scritto il 30/04/14
"...e quando le anime le lasci da sole, si mettono a fare rumore" *
Pur non avendo mai letto nulla di Čechov, ad esclusione di qualche brevissimo racconto (dei quali mi avevano colpita i finali, fulminei e caustici), avevo, già prima di affrontare La signora con il cagnolino, un'idea sufficientemente chiara della sua...Continua
  • 3 mi piace
  • 3 commenti
Aspa
Ha scritto il 09/09/13
La signora con il cagnolino…Un gioiello di scrittura…
“Si diceva che sulla passeggiata lungo il mare fosse comparsa una faccia nuova: una signora con un cagnolino”. Nel racconto si narra la vicenda di Gùrov, playboy di successo, donnaiolo d’esperienza, convinto e impenitente: non ha mai avuto problemi...Continua
  • 2 mi piace
Francesca
Ha scritto il 05/02/13
“Si diceva che sulla passeggiata lungo il mare fosse comparsa una faccia nuova: una signora con un cagnolino.”. Questo è l’incipit del celebre e fortunato racconto scritto da Anton Čechov nel 1899, ossia durante la fase di “maturità letteraria” dello...Continua
  • 2 mi piace
  • 1 commento

alice
Ha scritto il Apr 29, 2014, 21:16
Quando invece salirono sul vagone e il treno partì, tutto questo passato, così grande e serio, si compresse in un batuffolo, e si svolgeva l'enorme, ampio futuro che fino allora si notava così poco.
Pag. 256
alice
Ha scritto il Apr 29, 2014, 20:35
[...] la visione scomparve, e come prima c'erano solo i campi, il cielo con le stelle, e gli uccelli facevano rumore, impedendosi di dormire a vicenda.
Pag. 207
alice
Ha scritto il Apr 29, 2014, 20:31
Coma mai questo tempo che se ne va in eterno, irreversibile, come mai sembra più luminoso, più gioioso e più ricco di quanto sia stato in realtà?
Pag. 226
alice
Ha scritto il Apr 29, 2014, 13:03
Parlava e pensava che stava andando all'appuntamento, e non un'anima viva lo sapeva né, è verosimile, l'avrebbe mai saputo. Aveva due vite: una chiara, che tutti coloro cui interessava vedevano e conoscevano, piena di verità convenzionale e di ingann...Continua
Pag. 166

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi