Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La signora delle camelie

Di

Editore: Cino del Duca

4.1
(4408)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 245 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Chi tradizionale , Chi semplificata , Spagnolo , Francese , Inglese

Isbn-10: A000146266 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , Altri , Tascabile economico , eBook , CD audio

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Romance

Ti piace La signora delle camelie?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    La storia di Armando e Margherita è stata resa immortale prima da Dumas e dopo da Giuseppe Verdi con La Traviata.
    Io ci sono arrivata proprio dopo aver visto l'opera lirica. Un romanzo meraviglioso an ...continua

    La storia di Armando e Margherita è stata resa immortale prima da Dumas e dopo da Giuseppe Verdi con La Traviata.
    Io ci sono arrivata proprio dopo aver visto l'opera lirica. Un romanzo meraviglioso anche se triste.

    ha scritto il 

  • 4

    un po' pesante

    il genere classico dell'ottocento mi resta sempre un po' pesante, lo trovo obsoleto, ma sicuramente la descrizione di questo meraviglioso personaggio non può lasciare indifferente!

    ha scritto il 

  • 3

    No está mal la novela aunque no es mi tipo, no me entusiasman las historias de amores desgraciados, además Armand el protagonista me ha parecido un tonto y un llorón. Por lo menos me he entretenido. S ...continua

    No está mal la novela aunque no es mi tipo, no me entusiasman las historias de amores desgraciados, además Armand el protagonista me ha parecido un tonto y un llorón. Por lo menos me he entretenido. Sin duda lo mas sorprendente es el significado de las camelias del título, cuando las flores son rojas son un aviso de menstruación.
    Leyendo me he acordando mucho de Nana de Zola que leí hace algunos meses. Las dos novelas tratan un tema similar pero el planteamiento es totalmente distinto. Me pregunto si Zola tenía en mente la obra de Dumas y quiso mostrar el lado oscuro. Leer ambas en una buena manera de ver las diferencias entre romanticismo y realismo. Creo que prefiero con diferencia este último estilo aunque puedo disfrutar de ambos.

    ha scritto il 

  • 5

    Non è una di quelle storie d’amore a lieto fine.
    Questo piccolo capolavoro è L’AMORE, immortale e meraviglioso.
    “Noi uomini siamo fatti così: è una fortuna che l’immaginazione illumini di poesia i sen ...continua

    Non è una di quelle storie d’amore a lieto fine.
    Questo piccolo capolavoro è L’AMORE, immortale e meraviglioso.
    “Noi uomini siamo fatti così: è una fortuna che l’immaginazione illumini di poesia i sensi, e che i desideri del corpo lascino il passo ai sogni dell’anima.”
    Ringrazio Gennaro per il bel dono.

    ha scritto il 

  • 5

    La semplicità può trasmettere una grande passione

    Marguerite Gautier è la mantenuta più discussa di tutta Parigi, lei che in vita ha conquistato la nomea di Signora delle camelie, è ormai morta: ogni suo avere è finito all’asta così che si potessero ...continua

    Marguerite Gautier è la mantenuta più discussa di tutta Parigi, lei che in vita ha conquistato la nomea di Signora delle camelie, è ormai morta: ogni suo avere è finito all’asta così che si potessero pagare i suoi debiti. È proprio all’asta che il narratore compra (a caro prezzo) un libro che gli permetterà di conoscere la vera storia celata dietro alla sua figura.
    Sono sincera, questa non è l’edizione migliore che avrei potuto sfruttare per leggere questo piccolo classico della letteratura ottocentesca, in ogni caso la storia è risultata coinvolgente e godibile. La storia è molto semplice e parla dell’amore proibito di Armand e Marguerite, l’uno un giovane innamorato della donna sbagliato, l’altra malata e tutt’altro frivola e senza cervello come solitamente si pensa delle donne che vivono con il ruolo di mantenute tatuato sulla pelle.
    È interessante l’itinerario narrativo, infatti il narratore apprende la storia tramite lo stesso Armand che lo contatta perché all’asta ha comprato proprio un suo regalo a Marguerite: da questo primo contatto ne segue un’amicizia che porta allo scoperto il vero volto di una donna molto diversa da quello che le malelingue vorrebbero.
    Devo dire che è interessante vedere una storia romantica esposta senza che si abbiano scene esplicite: in un’era dove le cinquanta sfumature sono considerate la prassi per un romanzo rosa, questo romanzo è la completa conferma che non bisogna per forza che una storia contenga erotismo per trasmettere passione. L’autore infatti ci porta a conoscere la felicità e l’ardore non sul talamo nuziale bensì con i gesti che i protagonisti compiono gli uni nei confronti dell’altro.
    In definitiva, cinque stelle senza dubbio. È una storia semplice, scorrevole, profonda e sempre moderna (in qualsiasi chiave la si voglia leggere).

    ha scritto il 

  • 5

    Per la recensione completa di immagini e citazioni: https://girodelmondoattraversoilibri.wordpress.com/2015/03/24/alexandre-dumas-la-signora-delle-camelie/

    I romanzi ambientati a Parigi mi piacciono m ...continua

    Per la recensione completa di immagini e citazioni: https://girodelmondoattraversoilibri.wordpress.com/2015/03/24/alexandre-dumas-la-signora-delle-camelie/

    I romanzi ambientati a Parigi mi piacciono molto: mi riportano in quelle suggestioni perdute dell’Ottocento e mi fanno rivivere le emozioni del mio bellissimo viaggio nella magnifica capitale francese.

    Quando un giovane parigino durante una passeggiata a Montmartre legge che a breve in rue Lafitte ci sarà un’asta, decide di segnarsi la data e di parteciparvi. Alcuni giorni dopo, visita l’appartamento con la mobilia e gli oggetti in vendita e, per capriccio, riesce ad aggiudicarsi un romanzo, Manon Lescaut. Sfogliandolo, il giovane, vede che sul frontespizio vi è una dedica: “Manon a Margherita. Umiltà. Armando Duval“. Dimenticata la dedica, qualche giorno dopo, il giovane riceve una visita inaspettata: a chiedere di vederlo è proprio Armando Duval, l’autore di quelle parole. Armando vorrebbe riavere il libro che lui regalò a Margherita, la donna morta proprietaria dei beni messi all’asta qualche giorno prima.

    Armando Duval è disposto a raccontare la triste storia di Margherita Gautier e il giovane è curioso di ascoltare la storia, decidendo addirittura di ricopiarla e di scriverne un libro. Armando inizia così a spiegare chi era Margherita, altresì nota come la dama delle camelie, e come si sono conosciuti. Il racconto di Armando mentre parla di Margherita, cocotte della Parigi di fine Ottocento, è decisamente pieno di passione e affetto verso la sfortunata donna.

    Balli, carrozze, diamanti, prime teatrali, insomma lusso sfrenato: sono queste le cose che caratterizzano la vita di Margherita Gautier, che spende molti più denari di quelli che potrebbe. Margherita è una mantenuta e un vecchio duca è il suo amante principale che le passa i soldi, ma la cocotte ha anche altri amanti, che reputa più o meno noiosi.

    E’ quando conosce Armando Duval che vorrebbe cambiare vita, diventare una donna normale, lasciar perdere balli, festini e teatro, cose che tra l’altro le stanno lesionando la precaria salute. Margherita prova per Armando un sentimento profondo e reale, che la spaventa all’inizio, poiché prima d’ora non ha mai amato davvero nessun uomo. Ma il padre di Armando non è d’accordo che il figlio veda questa donna, poiché la reputa un’approfittatrice che lede il nome dei Duval.

    La triste vicenda di Margherita Gautier è ispirata alla storia di Marie Dupleissis, amante dal 1842 al 1845 di Alexandre Dumas figlio, per questo la storia è scritta con tanta passione e tanto ardore.

    La storia, che potrebbe essere scandalosa per la Francia dell’epoca, ha invece riscosso un buon successo e non ha ricevuto critiche o condanne come invece era successo per Madame Bovary di Gustave Flaubert; la curiosità di scoprire il mondo un po’ nascosto delle cocotte e delle amanti, fu per l’epoca il motore che aumentò notevolmente le vendite, senza sconvolgere più di tanto le coscienze poiché in conclusione Alexandre Dumas scrive che la storia di Margherita “è un’eccezione….; se fosse stata cosa comune, non sarebbe valsa la pena di scriverla“.

    ha scritto il 

  • 3

    Ecco da dove arriva il mio amato Moulin Rouge!
    Però per quanto bello, non sono riuscita a empatizzare coi personaggi quindi non ho sofferto con loro e ne sono rimasta distaccata, questo non mi ha perm ...continua

    Ecco da dove arriva il mio amato Moulin Rouge!
    Però per quanto bello, non sono riuscita a empatizzare coi personaggi quindi non ho sofferto con loro e ne sono rimasta distaccata, questo non mi ha permesso di sentire La Magia!
    Rimane comunque un classicone e capisco il perché. io torno da Dumas padre però

    ha scritto il 

Ordina per