La signorina Else

di | Editore: SE
Voto medio di 1757
| 167 contributi totali di cui 153 recensioni , 14 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Ha scritto il 13/09/17
SPOILER ALERT
La vicenda è ambientata in un hotel del Trentino nel quale la protagonista trascorre un periodo di vacanza con quei riti e modi di trascorre il tempo tipico dell' 800, epoca nella quale sembrerebbe ambientata la scena.La tranquillità, la ...Continua
  • 2 mi piace
Ha scritto il 11/09/17
Un fluido monologo interiore di una fanciulla che sbatte violentemente contro una realtà fin troppo prosaica. La sua apparente superficialità nasconde un cuore puro che non sopporta essere macchiato. Immenso l'autore nel descrivere i pensieri che ...Continua
  • 2 mi piace
Ha scritto il 27/08/17
La signorina Else.E’ una ragazza mediamente colta che conosce il francese, l’inglese un poco di italiano, suona il pianoforte, non è particolarmente preparata alla vita e il suo destino uguale al destino di tante coetanee: adattarsi a ciò che ...Continua
  • 20 mi piace
  • 1 commento
Ha scritto il 26/08/17
“A che cosa servono le mie magnifiche spalle e le mie belle gambe affusolate? Che cosa ci faccio altrimenti a questo mondo? E ben gli starebbe, a tutti quanti, ché mi hanno educato solo a questo, a vendermi, in un modo o nell’altro.”
È in questa citazione, secondo noi, che può riassumersi il dramma della giovane Else, diciannovenne di buona famiglia viennese, borghese e di origine ebraica che incontriamo durante le sue vacanze a San Martino di Castrozza, in un pomeriggio di ...Continua
  • 11 mi piace
  • 4 commenti
Ha scritto il 26/08/17
“A che cosa servono le mie magnifiche spalle e le mie belle gambe affusolate? Che cosa ci faccio altrimenti a questo mondo? E ben gli starebbe, a tutti quanti, ché mi hanno educato solo a questo, a vendermi, in un modo o nell’altro.”
È in questa citazione, secondo noi, che può riassumersi il dramma della giovane Else, diciannovenne di buona famiglia viennese, borghese e di origine ebraica che incontriamo durante le sue vacanze a San Martino di Castrozza, in un pomeriggio di ...Continua
  • 2 mi piace

Ha scritto il Jul 03, 2016, 18:12
«L'Alpenglühen è finito. L'incanto della serata è spezzato. Il paesaggio è triste. No, non il paesaggio, la vita è triste.»
Pag. 26
Ha scritto il Sep 04, 2011, 19:56
E questo, cos'è? Un grande coro? E anche un organo? Canto con loro. Che inno è questo? Lo cantano tutti insieme. Compresi i boschi e le montagne e le stelle. Non ho mai sentito niente di più bello. E neanche ho mai visto una notte così chiara. ...Continua
Pag. 123
Ha scritto il Sep 04, 2011, 19:10
Non ci tengo affatto alla discrezione. Quando una è arrivata al punto a cui sono arrivata io, tutto le diventa indifferente. E poi quello di oggi è solo l'inizio. Non crederà mica che da questa avventura io possa far ritorno a casa come una brava ...Continua
Pag. 76
Ha scritto il Sep 04, 2011, 19:04
Che prati immensi e che montagne di un nero smisurato. Quasi non una stella. Sì, invece, tre, quattro, stanno spuntando a una a una. E il bosco alle mie spalle è così silenzioso. Bello star qui seduti sulla panchina al margine del bosco. Com'è ...Continua
Pag. 65
Ha scritto il Mar 27, 2010, 09:22
- Insomma Else, cos'hai oggi?- -Che cosa dovrei avere?- - Sei enigmatica, inquietante, diabolica, irresistibile- -Non dire stupidaggini Paul- -Uno, a guardarti, può anche impazzire- ..Con una signora sposata sarebbe piu facile. Uno butta li una ...Continua
Pag. 38

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi