Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La sonata a Kreutzer

I grandi della narrativa, 2

Di

Editore: Gruppo Editoriale L'Espresso (La biblioteca di Repubblica)

3.9
(3125)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 125 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Spagnolo , Tedesco , Olandese , Francese , Turco , Catalano , Portoghese , Russo , Giapponese , Chi semplificata

Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Mario Caramitti ; Prefazione: Corrado Augias

Disponibile anche come: Tascabile economico , Altri , Copertina rigida , eBook

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Philosophy

Ti piace La sonata a Kreutzer?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Tolstoj combatte la sua disordinata sensualità e cerca di domarla ricacciandola. Lui e Sofija avevano avuto tredici figli (non tutti arrivati all'età adulta)e, certo non per caso, anche la protagonista del racconto mette al mondo cinque figli nei primi anni di matrimonio prima che suo marito decida di interrompere questa estenuante serie di gravidanze. Da quel momento la donna acquista una bellezza pacata, languida, lievemente pigra, che ne accresce ancora la sensualità.
Dall'introduzione di Corrado Augias
Ordina per
  • 4

    Più che un romanzo mi è parso un trattato sull'impossibilità dell'amore eterno. Il signor Pozdnysev racconta al suo compagno di viaggio senza nome - Tolstoj lo tiene anonimo - del perché abbia ucciso sua moglie. I due interlocutori si scambiano idee e opinioni per tutto il tragitto ferroviario, e ...continua

    Più che un romanzo mi è parso un trattato sull'impossibilità dell'amore eterno. Il signor Pozdnysev racconta al suo compagno di viaggio senza nome - Tolstoj lo tiene anonimo - del perché abbia ucciso sua moglie. I due interlocutori si scambiano idee e opinioni per tutto il tragitto ferroviario, e sono pensieri profondi dai quali è impossibile non essere coinvolti. Unico appunto: a tratti pesante per gli interminabili monologhi esistenziali.

    ha scritto il 

  • 3

    "A volte stavo a vedere come versava il tè, moveva una gamba o avvicinava il cucchiaino alla bocca, faceva gorgogliare e assorbire il liquido, e la odiavo proprio per quello come per il peggiore degli atti".

    Il matrimonio, l'amore, la gelosia, la follia, la superiorità maschile o femminile, la musica: questi sono i temi principali di una delle opere "minori" di Lev Tolstoj.
    E' un romanzo breve (o un racconto lungo, che dir si voglia), in cui il misterioso protagonista -vagamente tratteggiato- n ...continua

    Il matrimonio, l'amore, la gelosia, la follia, la superiorità maschile o femminile, la musica: questi sono i temi principali di una delle opere "minori" di Lev Tolstoj.
    E' un romanzo breve (o un racconto lungo, che dir si voglia), in cui il misterioso protagonista -vagamente tratteggiato- non è però il vero protagonista della storia. Egli, infatti, si ritrova ad ascoltare, volente o nolente, la storia della vita di uno dei passeggeri del treno che sta viaggiando assieme a lui.

    La prima parte del romanzo l'ho trovata un po' noiosa, assomiglia più ad una sorta di saggio (contro le donne, per di più!). Quando il racconto entra nel vivo, invece, quando ci si inoltra nella famigerata "trappola del matrimonio", nell'odio e nelle contraddizioni che in esso possono emergere, "La sonata a Kreutzer" continua con una marcia in più.

    3.5 stelline.

    Piccolo consiglio: nelle scene finali, durante l'esibizione della moglie e del musicista, consiglio di ascoltare la vera "Sonata a Kreutzer" di Beethoven. E' stata un'esperienza mistica, leggere quelle pagine ed allo stesso tempo udire quelle note, in perfetta armonia tra loro!

    ha scritto il 

  • 4

    Racconto di Tolstoj molto "Dostoevskijano"

    Questo piccolo racconto mostra ancora una volta le doti narrative di Tolstoj e della sua minuziosa capacità di rappresentare alla perfezione contesti e situazioni reali. Questo libro presenta inoltre anche una sorta di giudizio morale e una considerazione più "dostoevskijana" sull'anima e sulle s ...continua

    Questo piccolo racconto mostra ancora una volta le doti narrative di Tolstoj e della sua minuziosa capacità di rappresentare alla perfezione contesti e situazioni reali. Questo libro presenta inoltre anche una sorta di giudizio morale e una considerazione più "dostoevskijana" sull'anima e sulle singole vite delle persone.

    ha scritto il 

  • 3

    Con La sonata a Kreutzer (1889) Tolstoj torna, a più di dieci anni di distanza dal romanzo più famoso e corposo Anna Karenina, sul tema del matrimonio, inteso come complicata forma di relazione sociale destinata a produrre solo una grande infelicità.
    http://athenaenoctua2013.b ...continua

    Con La sonata a Kreutzer (1889) Tolstoj torna, a più di dieci anni di distanza dal romanzo più famoso e corposo Anna Karenina, sul tema del matrimonio, inteso come complicata forma di relazione sociale destinata a produrre solo una grande infelicità.
    http://athenaenoctua2013.blogspot.it/2014/12/la-sonata-kreutzer-tolstoj.html

    ha scritto il 

  • 3

    Esistono, nella confusione del folle, momenti di grande e penetrante lucidità. Attimi simili vive il protagonista-narratore di Sonata a Kreutzer, il quale, pur nel turbamento della propria ossessione, riesce non solo a penetrare la coltre di fumo che gli annebbia la vista ed il cervello, m ...continua

    Esistono, nella confusione del folle, momenti di grande e penetrante lucidità. Attimi simili vive il protagonista-narratore di Sonata a Kreutzer, il quale, pur nel turbamento della propria ossessione, riesce non solo a penetrare la coltre di fumo che gli annebbia la vista ed il cervello, ma anche a spezzare la rete di convenzioni ed ipocrisie che gli altri (la moglie, il di lei amante, la cognata, il personale domestico) hanno, più o meno consapevolmente, tessuto intorno ai rapporti che li legano. Spiacevole, assai spiacevole, è stato dovermi rendere conto del fatto che la mia visione del matrimonio non dista poi molto dal quadro schizzato da Tolstoj per bocca di un assassino paranoide: troppo spesso quello che dovrebbe essere un vincolo d'amore, fedeltà ed aiuto reciproco, muta, in tempi rapidissimi, in unione castrante, in guerra sotterranea combattuta a colpi di recriminazioni, accuse, gelosie stuzzicate, pentimenti inutili e tardivi, nella quale i figli, se ci sono, giocano il ruolo di vittime impotenti e senza colpa.

    ha scritto il 

  • 3

    Lo scrittore e il moralista

    E' uno Tolstoj moralista e "guida spirituale" che cerca di piegare il Tolstoj grande scrittore ai suo fini educativi e edificanti quello di questo racconto lungo - al punto da inserire una postfazione pesante e pedante in cui ribadire i fini delle sue pagine: mettere a punto una morale sessuale ...continua

    E' uno Tolstoj moralista e "guida spirituale" che cerca di piegare il Tolstoj grande scrittore ai suo fini educativi e edificanti quello di questo racconto lungo - al punto da inserire una postfazione pesante e pedante in cui ribadire i fini delle sue pagine: mettere a punto una morale sessuale e sociale che fa passare San Paolo come permissivo e moderato. Al di là dei principi elencati che risentono molto del contesto storico e sociale a noi effettivamente ormai lontano, bisogna notare una contraddizione di fondo: nel tentativo di stigmatizzare la condizione di oppressione della donna nella società, Tolstoj finisce per veicolare una concezione ancora misogina - la donna non sembra avere libertà di scelta, non sembrano possano esistere diversi stili di vita per lei, né possibilità di rompere da sola le gabbie sociali: in ogni caso è l'uomo che indica la via.

    Ma sgombrato il campo da questa ansia "educativa" del Tolstoj convertito ad un cristianesimo radicale, rimane una capacità di scrittura incredibile: la seconda parte del libra è splendida, coinvolgente e perfetta nello scandire i passi della follia del protagonista, magistralmente ritmata dal passare del tempo sul vagone ferroviario - sembra quasi di sentire il rumore del treno che batte il tempo dei passi verso la tragedia. Un grande scrittore resta tale anche quando vuole piegare la sua arte ad una utilità sociale…..

    ha scritto il 

  • 5

    Il racconto di un uomo e della sua storia d'amore. Questo racconto mostra quanto può divenire malato e morboso un sentimento d'amore, se mal coltivato.. Libro interessante.

    ha scritto il 

  • 4

    Questo è uno di quei libri che puoi leggere in un giorno ma che a volte, nello scorrere degli eventi, ti chiede dei silenzi per renderti conto di cosa sta succedendo in te.
    Alla fine, a conti fatti, anche noi abbiamo ammazzato per gelosia.

    ha scritto il 

Ordina per