Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

La sottile linea scura

By Joe R. Lansdale

(1506)

| Paperback | 9788806169121

Like La sottile linea scura ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Nella sua piena maturità di romanziere, Lansdale si guarda indietro e cattura per sempre il segreto dell'adolescenza. Con una semplicità e potenza di narrazione che lascia incantati, si inserisce in pieno nella grande tradizione americana di Mark Twa Continue

Nella sua piena maturità di romanziere, Lansdale si guarda indietro e cattura per sempre il segreto dell'adolescenza. Con una semplicità e potenza di narrazione che lascia incantati, si inserisce in pieno nella grande tradizione americana di Mark Twain ma anche di Harper Lee, dello Stephen King di Stand by Me: la tradizione del grande romanzo di formazione.
Nell'afosa estate texana del 1958, il tredicenne Stanley Mitchell lavora nel drive-in del padre, e mette il naso in un segreto che doveva rimanere celato. E la «perdita dell'innocenza» di Stanley, in quell'estate in cui il mondo per lui cambia per sempre, coincide con il miracolo di una resurrezione davvero magica. In perfetta naturalezza, Lansdale ricrea le voci, il sapore, la vita, di un tempo scomparso del tutto, come non fosse mai esistito.
La «sottile linea scura», che segna per Stanley la scoperta del male, del dolore e della morte insieme con l'esplosione del sesso e la consapevolezza del conflitto razziale, diventa la parete trasparente da varcare per immergerci, stupiti e riconoscenti, in quegli anni Cinquanta lontani ormai come la preistoria.

382 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Il primo romanzo di Lansdale che leggo fuori dalla saga di Hap e Leonard (ampiamente consumatasi) e c'è da dire che senza i cazzotti e i dialoghi fulminanti rimangono solo storie già lette di vecchio texas, con personaggi poco più che caricature.

    Is this helpful?

    Bakis said on Jun 19, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    È il classico romanzo di formazione narrato da un anziano che ricorda gli avvenimenti di quando era un ragazzino nell’estate 1958 in una cittadina del Texas. Tutto inizia con un cofanetto trovato sepolto nei pressi del drive-in che i suoi hanno acqui ...(continue)

    È il classico romanzo di formazione narrato da un anziano che ricorda gli avvenimenti di quando era un ragazzino nell’estate 1958 in una cittadina del Texas. Tutto inizia con un cofanetto trovato sepolto nei pressi del drive-in che i suoi hanno acquistato (e già la parola drive-in dovrebbe convincervi!) all’interno del quale si trovano diverse lettere d’amore. Inutile dirvi che succederà davvero di tutto; il mistero si infittisce sempre più in ogni avventura del giovane Stanley tra le perplessità che nutre il ragazzo nei confronti del razzismo pervasivo dell’epoca, la grandissima Rose Mae un donnone che si occupa pigramente di fare le pulizie ma risulta una cuoca sublime, un cagnolino coraggioso e Buster un ex poliziotto che aiuterà il nostro piccoletto a indagare sul caso. Fino all’ultimo si sta col fiato sospeso e risulta sempre piacevole leggere gli Stati Uniti degli anni ’50 tra rock’n’roll, fast food e cinema americano. Stile semplice e ironia invogliano a proseguire la lettura che, a mio parere, sarebbe perfetta anche sotto l’ombrellone. Temi principali sono il rapporto con la famiglia, la lotta contro il razzismo, l’atmosfera americana così piacevole per i bianchi meno per i neri, l’entrata a pieno titolo nell’adolescenza e la relativa maturità.

    Voto: ★★★✰✰ e mezzo

    ♫♪ Hound Dog – Elvis Presley

    Nell’invecchiare – e, in realtà, non è che sia poi così vecchio: neanche arrivo ai sessanta – scopro che per me il passato ha più importanza del presente. Non sarà un bene, però è la verità. All’epoca, tutto era ben più intenso. Il sole era più caldo. Il vento più fresco. I cani più svegli.

    http://leggermenteblog.wordpress.com

    Is this helpful?

    Skunky said on May 23, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    MIGLIOR LANSDALE

    Per conoscere Big Joe è il modo migliore. Presenti tutte le classiche tematiche: razzismo, violenza, Texas anni '50, ma ancje ironia e divertimento. E malinconia per i tempi andati. Uno dei romanzi più misurati e più riusciti, bel racconto di formazi ...(continue)

    Per conoscere Big Joe è il modo migliore. Presenti tutte le classiche tematiche: razzismo, violenza, Texas anni '50, ma ancje ironia e divertimento. E malinconia per i tempi andati. Uno dei romanzi più misurati e più riusciti, bel racconto di formazione di un dodicenne.

    Is this helpful?

    Paolo F. said on May 20, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    atmosfera anni '50 raccontata molto bene

    Is this helpful?

    MoscO said on Mar 19, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    «Te l'ho già detto, figliolo. E' solo un gioco, ormai. Chi credi che ci darebbe retta? E' sempre il solito vecchio problema: un ragazzino e un vecchio negro con una storia più grossa di loro.»

    Noir ambientato in Texas, durante l'estate del 1958, che vede protagonisti il giovane Stanley e il suo amico Richard, sua sorella Callie, Mamma e Papà, la cara negra Rosy Mae, il buon vecchio negro Buster, il fedele cagnetto Nub. Il loro dr ...(continue)

    Noir ambientato in Texas, durante l'estate del 1958, che vede protagonisti il giovane Stanley e il suo amico Richard, sua sorella Callie, Mamma e Papà, la cara negra Rosy Mae, il buon vecchio negro Buster, il fedele cagnetto Nub. Il loro drive in in una sonnolenta piccola cittadina del Texas, il ritrovamento di un cofanetto con alcune vecchie lettere d'amore, omicidi irrisolti, padri di famiglia picchiatori e fascinosi uomini di mezza età molestatori di ragazzine.

    Il libro ha un buon ritmo, tiene abbastanza sulla corda, i dialoghi non sono male. Ma, insomma, niente di eccezionale. E sul finale perde parecchio. Tutto si chiude in maniera un po' troppo frettolosa, e alla fine davvero non è ben chiaro che cosa sia successo.

    Is this helpful?

    Thalita said on Feb 11, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book