Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La spada del littore

Di

Editore: Nord

3.7
(94)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 269 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: 8842904953 | Isbn-13: 9788842904953 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: A. Guarnieri

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Fiction & Literature , Religion & Spirituality , Science Fiction & Fantasy

Ti piace La spada del littore?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    La terra del futuro, la Urth di Gene Wolfe non è certo luogo dove passerei volentieri le vacanze... non c'è pace per uomini, donne, famiglie, animali e neppure i bambini sono risparmiati alla morte violenta. E' un mondo dove si aggirano mostri inconcepibili dove la magia è usata spesso per causar ...continua

    La terra del futuro, la Urth di Gene Wolfe non è certo luogo dove passerei volentieri le vacanze... non c'è pace per uomini, donne, famiglie, animali e neppure i bambini sono risparmiati alla morte violenta. E' un mondo dove si aggirano mostri inconcepibili dove la magia è usata spesso per causare dolore... e dove Severian proseguendo il suo viaggio scoprirà che anche quelli che credeva amici alla fine non si riveleranno tali.

    ha scritto il 

  • 2

    Migliore dei primi due volumi della saga, poichè stavolta si capisce qualcosa di quello che accade (con - peraltro - alcune piccole sorprese)... Resta tuttavia una lettura ostica, per me poco entusiasmante

    ha scritto il 

  • 4

    Il destino di un evoluzionista

    Cosa c'è nella mente di un uomo? I sogni, le paure, paradisi e scienze che si mischiano, follie, doppie personalità. Dubbi e rivoluzioni di un uomo che contiene una donna e che evolve il suo pensiero, con un'ancora saldamente piazzata nel passato, con una catena tirata di cui può percorrere, suo ...continua

    Cosa c'è nella mente di un uomo? I sogni, le paure, paradisi e scienze che si mischiano, follie, doppie personalità. Dubbi e rivoluzioni di un uomo che contiene una donna e che evolve il suo pensiero, con un'ancora saldamente piazzata nel passato, con una catena tirata di cui può percorrere, suo piacimento, ogni anello uno alla volta. Costui è Severian, il personaggio che Wolfe ha disegnato nella sua mente e che ha preso forma sulla carta. Il moto dell'uomo è verso una religione scientifica, razionale eppure dogmatica. Sicuramente influenzati dalla fede dell'autore, gli scritti del "Libro del Nuovo Sole" risultano comunque incessanti e facilmente fruibili. Il mondo in cui vive il protagonista è anomalo, incomprensibile, e spesso prende per assunte sostrati e postulati ovvi per qualcuno che vive quel mondo (spesso è più che utile, alla fine del libro, usufruire delle note a margine che l'autore pone a chiusura del racconto). Questo ci permette di viaggiare in universi a noi sconosciuti, immaginandoli e vivendoli non come decide l'autore, ma immaginandoli e vivendoli come il nostro immaginario può produrlo. E' un libro che è tanto più bello quanto più siamo capaci di immaginare.

    ha scritto il 

  • 4

    Recensione "La spada del littore" di Gene Wolfe su Pirandellog

    La spada del littore è il terzo romanzo del "Ciclo del Nuovo Sole" dello scrittore americano Gene Wolfe. Esso rappresenta nel ciclo, forse il punto più vicino alle caratteristiche del classico fantasy. Le visioni oniriche del protagonista, Severian, sono più diluite durante il viaggio che da Thra ...continua

    La spada del littore è il terzo romanzo del "Ciclo del Nuovo Sole" dello scrittore americano Gene Wolfe. Esso rappresenta nel ciclo, forse il punto più vicino alle caratteristiche del classico fantasy. Le visioni oniriche del protagonista, Severian, sono più diluite durante il viaggio che da Thrax, città dove svolge la professione del littore, in pratica dell'esecutore del potere giudiziario, ai boschi del nord.

    continua su: http://bit.ly/gLQ05s

    ha scritto il 

  • 4

    La recensione de La Spada del Littore

    La spada del littore è il terzo romanzo del "Ciclo del Nuovo Sole" dello scrittore americano Gene Wolfe. Esso rappresenta nel ciclo, forse il punto più vicino alle caratteristiche del classico fantasy. Le visioni oniriche del protagonista, Severian, sono più diluite durante i ...continua

    La spada del littore è il terzo romanzo del "Ciclo del Nuovo Sole" dello scrittore americano Gene Wolfe. Esso rappresenta nel ciclo, forse il punto più vicino alle caratteristiche del classico fantasy. Le visioni oniriche del protagonista, Severian, sono più diluite durante il viaggio che da Thrax, città dove svolge la professione del littore, in pratica dell'esecutore del potere giudiziario, ai boschi del nord.

    continua su: http://bit.ly/gLQ05s

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    0

    Ho conosciuto Wolfe tramite un amico che lo adora. Alcuni passaggi sono davvero poetici.
    Severian qui sta riflettendo sulla natura della magia:"...l'universo non era altro che una una lunga parola dell'increato, ed allora noi siamo sillabe di quella parola. Ma pronunciare una qualsiasi paro ...continua

    Ho conosciuto Wolfe tramite un amico che lo adora. Alcuni passaggi sono davvero poetici.
    Severian qui sta riflettendo sulla natura della magia:"...l'universo non era altro che una una lunga parola dell'increato, ed allora noi siamo sillabe di quella parola. Ma pronunciare una qualsiasi parola è inutile, a meno che non vi siano altre parole, parole non pronunciate. Se una bestia ha un unico verso, quel verso non dice nulla, ed anche il vento ha una moltitudine di voci, in modo che coloro che siedono al riparo le possano udire e possano capire se è violento o mite. I poteri che noi chiamiamo oscuri mi sembrano le parole che l'Increato non ha pronunciato, se poi l'Increato esiste davvero; e quelle parole devono rimanere in uno stato di quasi esistenza, se l'altro mondo, quello delle parole pronunciate, deve essere distinto da esse. Quello che non viene detto può essere importante...ma quel che è detto è più importante ancora."

    ha scritto il